×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Shenzhen: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0156262
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Shenzhen, una città costiera nella zona meridionale della regione del Guangdong, tra il golfo Dapeng a est, la foce del Fiume delle Perle a ovest e Hong Kong a sud, da cui dista appena 35 chilometri. Un luogo moderno e caotico, con grattacieli altissimi e un profilo urbano in continuo divenire, che lascia spazio a cultura e tradizioni antiche, in un bel mosaico di sensazioni contrastanti, perennemente tra vecchio e nuovo, con in più i bei paesaggi dovuti alla sua costa di oltre 70 km, spiagge di sabbia bianca in località che si chiamano Dameisha, Xiaomeisa, Xichong, Diefu, Shuishatou, Xiyong. Da non dimenticare ampie zone paesaggistiche alle spalle della città.

Il clima di Shenzhen è subtropicale, con inverni miti ed estati calde e umide, visto che in questa stagione si concentrano le piogge ma con la possibilità di tanti giorni sereni. L’inquinamento è meno visibile e palpabile rispetto ad altre città cinesi, come Pechino o Shangai.

Shenzhen, città votata soprattutto alla pesca, era abitata fin dal 5000 a.C. ma è diventata famosa alla fine degli anni Settanta del secolo scorso, quando le autorità cinesi decidono di trasformare quel villaggio di pescatori in una specie di "laboratorio" dove sperimentare nuove forme di economia. Così Shenzen è rinata come prima "zona economica speciale" della Repubblica Popolare Cinese, frutto soprattutto delle intuizioni del leader di allora, Deng Xiaoping, quello che in tanti hanno chiamato l’architetto della nuova Cina, fautore del "socialismo-capitalista" alla cinese che ha appunto trasfigurato completamente questa zona.

A Shenzhen è prodotto il 30% del Pil nazionale cinese e tra il suo business, quello delle telecomunicazioni e degli oggetti elettronici e digitali è in ascesa costante. Aumenta pure il turismo, non solo legato alla conoscenza tradizionale dei luoghi ma anche a quello dello shopping visto che qui la tecno-merce è più economica che altrove. Ha una certa valenza il turismo naturalistico e quello dei parchi tematici, di una certa presenza qui. Attivo, inoltre, un importante mercato finanziario e di rilievo tutto il comparto delle attività logistiche e di servizi. Molto importante l’attività portuale.

Shenzhen è un centro molto vitale. Tra gli appuntamenti, il grande festival musicale che si svolge tra la notte di fine d’anno e l'inizio del nuovo. In zona Shekou, nel transatlantico, nei pressi diventato attrazione turistica a 360 gradi, ogni sera dalle 19 alle 20 si può assistere allo spettacolo delle fontane che si muovono al ritmo della musica. Il primo ed il terzo fine settimana di ogni mese, presso l’area Oct Loft da non perdere il fantastico mercato creativo tra arte e design, dedicato alle ultime tendenze moda in questi settori. Tanti gli eventi nell’area dell’Happy Valley, dove ci sono aree tematiche come Cartoon City e Gold Mine Town, soprattutto tra maggio e ottobre.

Shenzhen ha una cucina che miscela numerosi sapori legati alle molte gastronomie che si possono trovare qui, uniti sempre a erbe locali e spezie. A cominciare da carne fredda di varia origine servita con noodles caldi e piccanti. Generosa e caratteristica la presenza di zuppe, diverse a seconda dei differenti periodi dell'anno. In estate e in autunno quelle rinfrescanti a base di verdura, gamberetti e granchi, sostituiti dalla carne durante l’inverno. Tra i piatti, da non perdere la pentola di zucca degli otto sapori, cioè una zuppa dentro una zucca svuotata e riempita di brodo di pollo in cui sono cotti tra l’altro pezzi di maiale, tacchino, polpa di granchio. Da provare il pollo lesso in bianco, cotto senza aromi o le ali di pollo arrosto, la porchetta arrosto Jinpal dalla pelle croccantissima e il maiale cotto nel miele. Nonché i famosi ravioli al vapori che qui prendono varie forme e hanno diversi ripieni, a seconda del luogo di provenienza del cuoco. E possono pure essere dolci. Shenzhen è famosa per il suo street food, anche qui di vario genere e che rappresenta le diverse regioni della Cina e del mondo: vi si possono trovare tra l’altro spiedini di pesce, quello pescato nelle aree costiere o l’islamico kebab. La differenza sta nelle spezie e nelle salse con cui sono presentati.

Il Terminal 3 dell’aeroporto internazionale di Shenzhen Bao'an è stato progettato dall’architetto italiano Massimiliano Fuksas: un tunnel lungo un chilometro e mezzo circa, che sembra modellato dal vento, evocando il movimento di un uccello in volo con una struttura a nido d'ape che permette alla luce naturale di filtrare e di creare giochi di luce negli spazi interni. L'involucro esterno è composto da pannelli in metallo e in vetro dalla geometria alveolare, di diversa dimensione e parzialmente apribili: un insieme che ha fatto la storia del design e che ha dato un’ulteriore personalità futurista alla città asiatica. Shenzhen, che qui chiamano ZES (appunto zona economica speciale) ha una storia architettonica davvero singolare visto che la sua area metropolitana si è sviluppata in modo velocissimo, il che non è mai successo in altra parte del pianeta. Da ricordare, poi, che con Shenzhen ci si riferisce a tre aree della città: il centro vero e proprio, la zona di confine con Hong Kong, la zona a nord dove si sviluppa l’area metropolitana più particolare di tutta la Cina e forse del mondo.

Shenzen, una città che è difficile descrivere perché è davvero sorprendente nella sua unicità e che si declina in diversi modi di vista. Una zona costiera dove enormi grattacieli supertecnologici si accompagnano a condomini giganteschi, che assomigliano tanto ad alveari in versione umana; strade avveniristiche frammezzate da una incredibile vegetazione tropicale; auto lussuose che si affiancano a carretti mezzi sgangherati che trasportano di tutto; una cucina raffinata che mette nel piatto il meglio della variegata cucina cinese assieme alle botteghe e ai banchetti dove è quasi d’obbligo fermarsi per assaggiare il genuino (forse) cibo di strada; i megacentri commerciali dove trovare di tutto e i negozietti in cui è possibile trovare copie perfette dei prodotti più noti, dall’elettronica al gioiello.

Prefisso:
0+86 (0)755
Fuso Orario:
UTC+8
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Shenzhen

Giordano Rocco
Livello 100     4 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : La città di Shenzhen è una grande metropoli da 10 milioni di abitanti, anche se non più di quarant’anni fa qui c’era solo un piccolo villaggio di pescatori. Nei sei distretti della municipalità si trova una grande zona finanziaria e... vedi tutto commerciale, anche se non mancano le aree dedicate unicamente alle industrie ad alta tecnologia. Qui ci sono due bellissimi parchi tematici, il Window of the World e Splendid China; assolutamente da visitare da un punto di vista naturalistico il Wutong Mountain National Park.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156262
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0