×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156262

Cappadocia: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

La Cappadocia ("Kapadokya" in turco, "Kappadokìa" in greco antico) è una zona geografica non ben definita dell'Anatolia (Turchia), e che comprende a livello geopolitico alcune aree delle province di Nigde, Nevsehir, Aksaray e Cesarea. Approssimativamente possiamo considerarla un quadrato di circa 5000 chilometri quadrati di superficie, che complessivamente non raggiunge il milione di abitanti.

Va però specificato che non si tratta di un'area geografica e non a caso non viene menzionata in molte cartine, non avendo alcuna delimitazione politica: si tratta piuttosto di una regione storica che, come già detto, comprende porzioni di diverse province.

Oggi i principali centri urbani della Cappadocia si contano sulle dita di una mano, e spesso e volentieri si trovano talmente vicini l'uno all'altro da sembrare un unico agglomerato. Tra i vari citiamo per lo meno Avanos, città nota per le sue ceramiche, e Ortahisar con il suo castello di roccia; Güzelyurt, un centro storico che nasce nel cuore della valle dell'Ihlara ed Ürgüp, città divenuta celebre per la sua impressionante offerta di locali notturni.

La principale peculiarità della regione non sta però nei suoi centri abitati, quanto piuttosto nei suoi splendidi paesaggi naturali che hanno portato l'UNESCO ad inserirla nella lista dei suoi siti patrimonio dell'Umanità. La formazione geologica tipica della zona viene spesso descritta come “un paesaggio lunare": in realtà si tratta di tufo che ha subito l'erosione per milioni di anni, arrivando ad acquisire forme insolite e risultando particolarmente lavorabile. Non a caso, stando ad alcuni affreschi ritrovati presso il sito di Çatalhöyük, i primi insediamenti umani nella Cappadocia risalirebbero addirittura al 6200 avanti Cristo. È inoltre attestato che la regione, tra il 5000 ed il 4000 avanti Cristo, ospitava diversi principati indipendenti, tra cui spiccava la città di Puruskanda.

Detto ciò riassumere in poche righe la storia millenaria di un'area così vasta sarebbe davvero impossibile: nell'antica Anatolia sono fiorite civiltà importantissime quali quella Assira e quella Ittita, vi si sono insediati i Persiani, i Greci ed i Romani. La Cappadocia è stato un centro cristiano prima della ribellione iconoclasta databile durante il periodo bizantino (tra il 725 e l'843 d.C.), quindi è stata dominata dai turchi Selgiuchidi, che proprio qui posero le radici di quello che, a partire dal XV secolo sarebbe diventato l'Impero Ottomano: uno dei più importanti della Storia mondiale, che sarebbe durato ben 623 anni, arrivando a coprire una superficie di circa 7,5 milioni di chilometri quadrati.

La storia turistica della Cappadocia ha invece origini molto più vicine. La regione inizia ad attirare l'attenzione dell'Europa durante i primi decenni del XX secolo, innanzitutto grazie alla diffusione dei lavori del sacerdote francese Guillaume de Jerphanion (che si dedicò per anni allo studio delle chiese locali). Ciononostante ha contenuto a contare poche decine di alberghi fino agli anni '80 del Novecento, facendosi trovare totalmente impreparata all'esplosione del movimento turistico in corso. Si consideri infatti che, stando a stime ufficiale, nel 2005 la regione è stata visitata da quasi 2 milioni di turisti provenienti sia dalla Turchia che dal resto del mondo: una domanda enorme che, come è facile intuire, ha rivitalizzato l'attività economica locale, portando benefici anche alle industrie, al settore della gastronomia, ai produttori locali (soprattutto quelli del settore ceramico e tessile) e agli artigiani.

Il modo più semplice per raggiungere la Cappadocia è l'aereo e gli aerei principali sono quello di Kayseri Erkilet (situato nella città omonima, a circa un'ora di macchina dal centro della regione) ed il Nevsehir Kapadokya Airport, che invece si trova nella città di Gülsehir (appartenente alla provincia di Nevsehir).

La già citata città di Kayseri si trova inoltre su una linea ferroviaria trafficata e raggiungibile da quasi tutte le stazioni della Turchia. Da lì è possibile prendere un autobus per avvicinarsi al cuore della regione ed allo stesso modo va sottolineato come la maggior parte delle compagnie di autobus e pullman turche servano soprattutto le città di Nevsehir e Göreme, con tempi di percorrenza che possono andare dalle 4 (partendo ad esempio da Konya) alle 12 ore (partendo da Istanbul).

CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Cappadocia

Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Al centro della regione della Cappadocia troviamo le città di Nevsehir, Avanos, Urgup. Nevsehir: capoluogo di provincia, sorge sul luogo che circa tre milioni di anni fa era stato interamente ricoperto dall’eruzione del vulcano... vedi tutto “Monte Erciyes”; l’azione erosiva di piogge e venti hanno contribuito alla creazione di un paesaggio irreale con rocce di color rosso e oro scolpite nelle più variegate forme. A Nevsehir è possibile visitare il Parco Nazionale di Goreme che conserva ancora oggi le abitazioni scavate nella roccia risalenti al 4000 a. C., il Museo di goreme costituito da un complesso di cappelle risalenti al XIII secolo interamente affrescate, la Chiesa di Elmoli, la Chiesa di Yilanli e la Chiesa di Santa Barbara. Avanos: graziosa cittadina costruita lungo la riva del Fiume Rosso, è oggi rinomata per il suo artigianato. Urgup: è un animato centro turistico ai piedi delle antiche abitazioni rupestri, situata al centro di una zona di produzione del vino. Altre destinazioni: Valle di Pancarul: poco più a sud, in una zona isolata della Cappadocia si raggiunge questa valle dove oltre ad ammirare un caratteristico e suggestivo panorama paesaggistico, è possibile anche visitare la “Chiesa di Kepez” del X secolo ed una chiesa del Xii secolo. Villaggio di Taskinpasa: piccolo villaggio dove è possibile visitare la “Moschea Caramanide” ed un mausoleo del XV secolo. Villaggio di Sahinefendi: piccolo villaggio dove si trova una bellissima chiesa (di Kirksehitler) del XII secolo interamente affrescata. Soganli: a circa 50km da Urgup, si trova questa splendida vallata che oltre ad offrire un pittoresco panorama paesaggistico, offre la possibilità di visitare chiese , cappelle, case e tombe. Valle di Devrent: a circa 4 km a nord di Urgup troviamo questa pittoresca valle scolpita nella roccia dal tempo. Kayseri: piccola città alle falde del monte Erciyes, un vulcano di 3916 metri ormai spento,che offre durante l’inverno ottime strutture turistiche per gli sciatori. La cascata di Karpuzbasi: a circa 76 km a sud di Kayseri si trovano queste splendide cascate le cui acque scaturiscono da oltre 7 fonti diverse e da un’altezza che varia tra i 30 e i 70 metri d’altezza.
Emanuela Tomaselli
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : Durante la mia visita in Turchia,ho avuto il piacere di visitare una parte della Cappadocia,scoprire realtà impensabili,vivendo qui in occidente. Ho visto uno spettacolo tradizionale del luogo,fatto di balli e scene popolari e come location una taverna fatta in modo... vedi tutto tale da potere assistere agli spettacoli come in un arena. Ho volato sulle mongolfiere,all'alba. Ho visto sorgere il sole dall'alto. Molto suggestivo ed emozionante,mentre il mondo si accendeva alla luce del sole. Ho visitato una città sotterranea i un paese dove non esisteva nulla,solo miseria,dove le donne ti urlavano di comprare le loro bamboline di pezza. Non scorderò ai gli occhi di una ragazzina bellissima,che stava seduta ad aspettare che qualcuno andasse anche da lei per comprare le sue bamboline. Aveva negli occhi la tristezza di chi sta aspettando un futuro di sottomissione. Avrei voluto portarla con me. Andate a visitare questa parte di Turchia,magari in modo in' approfondito.vi regalerà' emozioni irripetibili.
oliviabianca
Voto complessivo 8
Guida generale : Splendida, consiglio (anche se un po' caro) il classico giro in mongolfiera... sarebbe bello visitarla con guide autorizzate che penseranno anche a tutti gli spostamenti oppure anche organizzarsi da soli per maggiore libertà. Molto particolari sono i camini delle fate... vedi tutto dove turisti bisognosi di vedere cose uniche si riuniscono, esperienza unica. A livello gastronomico poi non si mangia male: da kebab di montone ed affini a zuppe di lenticchie, anche per chi è vegetariano. Pamukkale assolutamente da visitare. Consiglio a tutti di ammirare questo paesaggio spettacolare e lunare.
Da non perdere Pamukkale , i camini delle fate
Maria Cristina
Voto complessivo 9
Guida generale : Sorvolare il paesaggio alle cinque di mattina con una mongolfiera, una esperienza costosa ma meravigliosa che ci si ricorderà per sempre. La mattina presto si viene prelevati direttamente in albergo, rifocillati con una leggera colazione e subito, prima che sorga... vedi tutto il sole, ci si alza in volo. Il paesaggio da lassù è davvero meraviglioso, la vista delle cento mongolfiere intorno a voi è bellissima... assolutamente da non perdere!!!
Da non perdere Camini delle fate , Goreme
Ros
Voto complessivo 3
Guida generale : Forse il viaggio più bello e interessante fatto finora. La Cappadocia è un luogo magico, il tempo sembra scorrere più lento e l'animo si dispone alla felicità. Ho mangiato un magnifico piatto a base di pollo e verdure cucinato al forno in... vedi tutto un coccio sigillato dal calore che poi servito a tavola il cameriere ti porge il martello x romperlo e mangiare il contenuto. Ho assaggiato il miglior kebab. Ancora oggi ho il mio salotto tappezzato di magnifici tappeti che hanno viaggiato con me x mezza Turkia, comprati a Goreme dopo quasi una nottata di estenuante ma divertente trattativa sorseggiando the. Vorrei tornarci nel periodo di dicembre quando da noi è Natale, sarebbe molto suggestivo vedere i Camini di Fata con la neve...
Rosario Salsano
Livello 0     0 Trofeo   
Voto complessivo 2
Guida generale : Forse il viaggio più bello e interessante fatto finora. La Cappadocia è un luogo magico, il tempo sembra scorrere più lento e l'animo si dispone alla felicità. Ho mangiato un magnifico piatto a base di pollo e verdure cucinato al forno in... vedi tutto un coccio sigillato dal calore che poi servito a tavola il cameriere ti porge il martello per romperlo e mangiarne il contenuto. Ho assaggiato il miglior kebab. Ancora oggi ho il mio salotto tappezzato di magnifici tappeti che hanno viaggiato con me per mezza Turchia, comprati a Goreme dopo quasi una nottata di estenuante ma divertente trattativa sorseggiando the. Vorrei tornarci nel periodo di dicembre quando da noi è Natale, sarebbe molto suggestivo vedere i Camini di Fata con la neve ...
Elena
Voto complessivo 8
Guida generale : Se come me andate ad agosto, preparatevi al caldo secco. Tanta acqua e vestiti leggeri. Prenotate subito un giro in mongolfiera, è da togliere il fiato! E la lavataccia sarà solo un ricordo quando vedrete sorgere il sole. Arrivare in Cappadocia... vedi tutto non è semplice, da IStanbul in pullman occorroono 2 giorni di viaggio con varie soste. Se volete visitare solo la regione, vi consiglio il volo diretto.
Da non perdere Tour in mongolfiera
Maria Cristina
Guida generale : Consiglio di non incappare nei viaggi turistici che propongono due giorni ad Istanbul, se si va in Cappadocia è meglio non fare dei veri tour de force cercando di mettere insieme molte cose, il che guasta poi il godersi l'obiettivo... vedi tutto finale. Magari aggiungere posti come Efeso, Afrodisias, Pamukale, oppure stare una settimana ad Istanbul e poi aggiungere una settimana per il tour in Cappadocia.
celestina musciacco
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Molto suggestiva.Sarebbe opportuno visitarla con guide autorizzate che penseranno anche a tutti gli spostamenti. Molto particolari sono =i camini delle fate= dove eventualmente si potrebbe organizzare un giro in mongolfiera per poi andare a pamukkale a vedere le piscine naturali... vedi tutto di calcio.rifarei molto volentieri il tour dell'Intera Turchia per poi fermarmi qualche giorno a Bodrum per rilassarmi al mare
Da non perdere i camini delle fate , Dervisci rotanti
Cinzia Benazzi
Livello 30     5 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 10
Guida generale : Il giro in mongolfiera, non costa poco (150 €) ma è un'esperienza fantastica, soprattutto se fatto nelle prime ore del mattino, quando si vede l'alba dall'alto, il sole che sorge sopra i cuniculi nella Valle dell'Amore o nella valle di... vedi tutto Uchisar, poi in generale ogni angolo della Cappadocia è da scoprire, passaggi stretti in mezzo alle rocce, continui sali e scendi, una regione unica al mondo!
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Cosa visitare

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0