×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cappadocia: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

La Cappadocia non è un'area geografica riconosciuta da delimitazione politica, ma piuttosto una regione storica, coincidente con l'antica Anatolia e situata nel cuore dell'attuale Turchia, che copre una superficie di 4900 chilometri quadrati e che comprende porzioni di alcune sue diverse province (nello specifico quelle di Cesarea, Aksaray, Nevsehir e Nigde).

Una zona caratterizzata da una formazione geologica semplicemente unica al mondo, che le è valsa l'inserimento nella lista dei siti Patrimonio dell'Umanità UNESCO. Il paesaggio naturale della Cappadocia è infatti il risultato di un dispiegarsi delle più diverse forze naturali che è durato millenni. La catena montagnosa del Tauro sembra essersi formata addirittura 60 milioni di anni fa e le depressioni createsi a seguito della formazione sono state riempite da magma vulcanico dieci milioni di anni fa. Se a queste forze ancestrali aggiungiamo le più comuni azioni erosive di pioggia e vento possiamo arrivare a immaginare come abbia fatto il tufo che caratterizza l'area ad assumere forme così insolite (tanto che il paesaggio di queste vallate viene spesso descritto come "lunare").

Da questo punto di vista la zona più notevole di tutta la Cappadocia è con ogni probabilità quella dei cosiddetti "Camini delle fate": formazioni calcaree e di tufo vulcanico dell'antico Monte Argeo, che sono state modellate naturalmente fino ad assumere una forma simile a quella di una costruzione. Aree in cui poi sarebbe intervenuto anche l'uomo, scavando nei pinnacoli tufacei abitazioni e chiese tanto numerosi da costituire quasi delle città.

Proprio le Chiese rupestri (ovvero scavate nella roccia) sono un altro fiore all'occhiello della regione. Ad oggi ne sono state scoperte oltre trecento ed alcune di esse, precedenti al periodo iconoclasta, mostrano ancora i resti di splendidi affreschi. La concentrazione più notevole di queste chiese si trova nella Ihlara Valley, una sacca che si trova nell'area della città di Ürgüp. L'azione umana non ha dato i suoi frutti soltanto all'interno delle rocce, ma anche sotto di esse.

Esistono infatti diverse città sotterranee nelle aree della Cappadocia di cui sopra: agglomerati di cunicoli che uniscono tra loro centinaia di stanze ricavate sottoterra, che per secoli hanno funzionato da rifugio per la popolazione e all'interno delle quali era possibile respirare aria relativamente pulita grazie alla presenza di camini ben nascosti. La visita di queste città è un'esperienza assolutamente fuori dal comune e assolutamente da provare, a meno che non soffriate di claustrofobia. Ce ne sono diverse a disposizione, ma la più nota e cercata è quella di Derinkuyu.

Detto ciò la Cappadocia possiede diverse attrazioni turistiche decisamente più urbane. Nevsehir, il capoluogo della regione, è una cittadina ricca di edifici degni di nota, così come Ortahisar ed Uçhisar, note per i loro castelli di roccia. Impossibile poi non parlare di Göreme: la città più vicina ai già citati Camini delle fate è infatti caratterizzata da decine di altre meraviglie. Tra le varie citiamo quanto meno il "Museo a cielo aperto di Göreme", un sito patrimonio dell'UNESCO all'interno del quale è possibile visitare un villaggio antico sviluppatosi attorno ad un monastero ed un convento.

Recarvici corrisponde a compiere un piccolo viaggio nella storia che permette di visitare alcune architetture religiose di rilievo sopravvissute quasi intatte alla prova del tempo, come la Chiesa oscura, la Chiesa di Santa Barbara o la Chiesa del serpente.

Göreme è anche la città della Cappadocia in cui è più facile divertirsi in maniera più leggera. È letteralmente disseminata di negozi dove potrete comprare souvenir di ogni prezzo e qualità ed è generalmente famosa per la realizzazione e la vendita sia di vasellame che di tappeti (che potrete acquistare spendendo cifre decisamente inferiori rispetto a quelle che vi verrebbero chieste ad esempio ad Istanbul). Anche dal punto di vista dell'intrattenimento la città offre diverse opzioni. Un'esperienza da provare è una classica cena turistica a base di prodotti tipici, arricchita da uno spettacolo turco: di solito si tratta di spettacoli di danza del ventre, ma potete imbattevi anche nella celebre danza dei "dervisci rotanti", praticata da diverse confraternite islamiche.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0156263

Attività

Attrattive

Divertimenti

Mangiare e bere

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



10 risultati filtrati per:
Rank 1# di 10
11 Voti
Rank 2# di 10
10 Voti
Rank 3# di 10
3 Voti
Rank 4# di 10
3 Voti
Rank 5# di 10
2 Voti
Rank 6# di 10
1 Voto
Rank 7# di 10
1 Voto
Rank 8# di 10
1 Voto
Rank 9# di 10
Rank 10# di 10
AttractionList-GetPartialView = 0,1875149
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Cappadocia
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0