×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Antalya: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Antalya, capitale del turismo turco, detta anche "Perla del Mediterraneo", tra aree archeologiche e costruzioni storiche, chilometriche spiagge, cascate e grotte, visitata persino da regine del calibro di Cleopatra, riunisce il meglio che si può avere in una città di mare, storie e leggende, boschi di un verde lussureggiante che spiccano rispetto all’azzurro-turchese delle sue acque.

Meta turistica che offre davvero esperienze diverse ai suoi ospiti, Antalya con il suo mare certo ma anche con i suoi altopiani in cui perdersi. Tra sole, mare, energetici sport e alla scoperta dei parchi nazionali ricchi di flora e fauna, nonché le antiche vestigia.

Città di mare, montagna, natura e cultura, un susseguirsi di emozioni tra spiagge, boschi, bagni turchi, assaggiando la speziata e piccante cucina locale, e provando la squisita ospitalità della gente, una vacanza lontana dalle nostre atmosfere italiane ma vicina per le delizie che offre a tutto tondo.

Il simbolo di Antalya è sicuramente il complesso dell'Yivli Minare, nel quartiere di Kalekapisi, composto da opere risalenti al periodo selgiuchide, all’inizio del XIII secolo, tra cui lo straordinario minareto scalanato, con una moschea del 1373 ancora funzionante e il Mevlevi Tekke, il monastero dei dervisci rotanti.

Tutto gira attorno a Kaleiçi, il vecchio centro di Antalya, circondato da mura in parte ancora in piedi, con i loro ottanta torrioni. Attorno, le tradizionali case, a due-tre piani, da una parte si affacciano sui vicoli stretti dall’altra su giardini incantati. Un insieme di antico e di nuovo, con le stradine strette e un porto moderno, contrasti che affascinano. In centro, da vedere, la Porta di Adriano costruita in onore dell’imperatore in visita nel 130 d.C.: due piani con arco a tutto tondo, tutto in marmo bianco, escluse le colonne, ornata con bassorilievi e incisioni e fiancheggiata da due torri. Proprio come una porta, sembra dividere il nuovo dall’antico.

Da vedere, la Moschea Kesik Minare conosciuta anche come Minareto Tronco, visto che la parte superiore della struttura, che reca tracce romane, bizantine, selgiuchide e ottomane, andò distrutta, lasciando appunto un troncone. Dall’insolita forma, inferiore e quadrata sotto, cilindrica sopra, la Torre Hidirlik, vicino al mare, mentre è a pianta esagonale il cinquecentesco Mausoleo di Nigar Hatun; del 1377 il Mausoleo di Zincirkiran Mehmet Bey, in onore di Mehmet Bey, eroe di qui, detto Zincirkiran ovvero "colui che spezza le catene" per le sue gesta. Tra i tanti edifici anche la Karatay Medresesi, la scuola coranica del 1250 che sovrasta decisamente il porto. La città di Antalya ha una fascia costiera lunga 640 km, che sembrano un merletto, per via di quell’incantevole intarsio di piccole e grandi baie, in un continuum tra paesaggio naturale da lode, strutture accoglienti e divertimenti, tra cui il surf o lo sci nautico. Tra le spiagge, da ricordare Konyaalti, a 3 km da Antalya; la spiaggia di Lara, un po' più distante, a 12 km dal centro, ha sabbia sottilissima, circondata da una pineta. Ancora, Topçam, che si raggiunge dal centro in 10-15 minuti, è da sempre luogo di passeggio e picnic, circondata da una foresta, sulla spiaggia di fronte all’isola di Siçan ci sono tanti punti per dedicarsi alle immersioni. Da ricordare, inoltre, la spiaggia di Adalar, rocciosa.

Stoffe decorate, argenti intarsiati e gioielli deliziosi ornati con pietre dure dalle nuance fantastiche, oggetti in legno, sempre con fregi di grande delicatezza e eleganza: nel centro città è facile trovare tanti negozietti per scovare il souvenir desiderato, per sé e gli altri.

Per il divertimento e gli amanti della vita notturna, Antalya offre tante opportunità in tal senso, sia nel lungomare sia dirigendosi verso la città interna, con i suoi lunghi viali costeggiati da palme e i vicoli stretti attorno al vecchio quartiere di pescatori, dove sono posizionati locali alla moda e molto caratteristici, per passare qualche ora in una piena atmosfera turca.

Ci sono tanti tipi di ristoranti, i lokanta, dove trovare piatti caldi e sostanziosi, anche a base di pesce, i kebapci dove servono carni arrostite, i meyhane, le taverne specializzati in antipasti freddi o caldi. Per trovarli, basta raggiungere il centro storico, soprattutto, ma anche lungo la costa. Caratteristici sono i büfe, piccoli bar o caffè, nonché i carrelli e i banchetti ambulanti dove assaggiare con soddisfazione la pizza turca o le simit, le ciambelline con il buco tempestate di semi di sesamo che si trovano ovunque. Naturalmente, ristoranti e bar sono presenti negli alberghi dove non è raro gustare pure la cucina tradizionale.

Il porto di Antalya offre tanti servizi per le imbarcazioni di ogni tipo ed è da qui che partono tour marittimi con orari, durata e distanze diversi verso le zone dove si trovano le cascate, le falesie, le grotte marine, le spiagge, le baie, le antiche città e le isole lungo la costa. A bordo si può mangiare, bere e divertirsi, partecipando a itinerari giornalieri o notturni.

Da Antalya si può andare alla scoperta delle città antiche, come il Monte Güllük e la città di Termesso, con un grande teatro che poteva ospitare oltre 4mila persone e da cui si può osservare un panorama spettacolare. Da ricordare anche Perge, a circa 20 km da Antalya, chiamata Parha dagli Ittiti e che fu pure visitata da San Paolo, arrivato qui attraverso il fiume Aksu: è considerato un luogo simbolo di pellegrinaggio cristiano. Senza dimenticare il teatro di Aspendos che nella sua totalità ospitava fino a 20mila spettatori. Da visitare inoltre i caravanserragli dei dintorni, i luoghi dove le carovane si fermavano per riposare, come Evdir Han, dalle strutture del XIII secolo in cui i decori con la pietra sono mirabili. E poi, le tante grotte naturali delle pendici del Monti Tauri che caratterizzano tutta la provincia di Antalya: ce ne sono circa 500, come quella di Karain, dove si stanziarono i primi abitanti della zona durante l’età della pietra. In questi luoghi si può inoltre praticare alpinismo e sci nei periodi invernali. Per gli appassionati di sub, c’è il "relitto francese", sommerso a un chilometro al largo del porto di Antalya appartenete alla nave francese Saint Didier, affondata durante la guerra nel 1942.

Ad Antalya, dotata di aeroporto internazionale che dista dal centro 13 km, si gira con l’autobus come il Dolmus, un microbus che trasporta nei punti più importanti, lasciando scendere e salire nel corso delle 24 ore, con lo stesso biglietto e quante volte si vuole. Ci sono anche i tram che ogni 30 o 60 minuti partono dalla fermata ovest di Konyaalti Beach e dal Museo Antalya, con un tragitto che va in parallelo con gli alberghi più prestigiosi come lo Sheraton e portando verso il centro storico.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0156267

Attività

Attrattive

Divertimenti

Mangiare e bere

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



13 risultati filtrati per:
Rank 1# di 13
Rank 2# di 13
5 Voti
Rank 3# di 13
2 Voti
Rank 4# di 13
Rank 5# di 13
Rank 6# di 13
2 Voti
Rank 7# di 13
2 Voti
Rank 8# di 13
1 Voto
Rank 9# di 13
1 Voto
Rank 10# di 13
AttractionList-GetPartialView = 0,1875152
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0156262
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Antalya
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0