×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0156258
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Patong Beach: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Patong Beach è la capitale del divertimento a Phuket, l’isola più grande della Thailandia e una destinazione celebre per tutti gli amanti dei mari tropicali. Patong si trova sulla costa occidentale dell’isola, dall’altra parte rispetto alla capitale Phuket. Tutta l’isola ha una lunghezza di 48 chilometri e una larghezza di 21 chilometri, e gran parte di essa è coperta da montagne, con foreste e piantagioni di gomma e di olio di palma.

Patong Beach è di gran lunga l’area turistica più popolosa e affollata di Phuket, anche grazie al suo comodo accesso a una splendida spiaggia lunga e larga. Patong ospita anche la maggior parte della vita notturna e dello shopping di Phuket: il suo nome significa “la foresta piena di foglie di banano”.

Il clima di Phuket è quello tipicamente monsonico tropicale: la stagione secca va da dicembre a marzo, quando la temperatura si aggira intorno ai 24-28 °C, mentre quella delle pioggie dura ben otto mesi, e tocca i 38 gradi a maggio. La pioggia, comunque, non è infrequente nemmeno nella stagione secca: chi vuole garantirsi il numero più alto possibile di ore di sole deve scegliere gennaio o febbraio.

Tra i primi europei a esplorare Phuket ci fu il portoghese Fernao Mendes Pinto: all’epoca si trattava sostanzialmente di un porto dove le navi si fermavano per fare rifornimento, anche se per via dell’attività dei pirati ci fu un notevole rallentamento verso la metà del sedicesimo secolo. Il re del Siam, nel diciassettesimo secolo, affidò a un governatore francese il controllo dell’isola e del fiorente commercio di stagno, ma la rivoluzione del 1688 mise fine allo status quo. La Birmania tentò di attaccare Phuket nel 1785, e le due eroine Than Phu Yung Chan, moglie del governatore recentemente deceduto, con la sorella Mook resistettero con le loro truppe per oltre un mese. Nel 1933 Phuket divenne una provincia.

L’evento recente più tristemente noto di Patong Beach e di Phuket è stato lo tsunami del 2004, causato dal terremoto nell’Oceano Indiano. A Phuket morirono circa 250 persone, senza considerare le centinaia di immigrati birmani irregolari che stavano costruendo nuovi resort nella zona di Khao Lak. Patong, in quanto sulla costa occidentale, fu estremamente danneggiata insieme a Kamala, Karon e Kata, ma già nel febbraio 2005 gran parte dell’isola era già tornata alla normalità.

Per quanto riguarda l’economia di Patong Beach e più in genere di Phuket, è ovviamente il turismo l’attività di gran lunga più importante. Patong, Karon e Kata sono tra le spiagge più famose del mondo, con resort di grande lusso e un mare celebre in tutto il mondo per la sua limpidezza e per i paesaggi da sogno. In passato, invece, fu l’estrazione dello stagno a rendere ricca l’isola, mentre oggi oltre al turismo le grandi attività sono le piantagioni di alberi della gomma (che fanno della Thailandia la maggiore produttrice di gomma del mondo).

Patong Beach e Phuket hanno anche un ricco calendario di eventi. Tra i più importanti c’è il Carnevale di Patong, ovvero la fiera itinerante di Phuket, dal 1° novembre, occasione per parate, eventi sportivi, una competizione di bellezza per i turisti stranieri. La fiera di Thao Thep Krasattri e Thao Si Sunthon celebra le due eroine che difesero Phuket dagli invasori birmani. Molto suggestivo è la Festa dei fantasmi, nel settimo mese lunare cinese, quando vengono offerti omaggi, offerte e pasti vegetariani per i morti, liberando nel male migliaia di barchette di carta in miniatura e lanterne accese, per segnalare la giusta direzione alle anime perdute. Da ricordare infine il festival vegetariano, detto anche Festa dei nove dei imperatori, nel nono mese cinese lunare.

 

CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Patong Beach

patrizia
Voto complessivo 9
Guida generale : Ho visitato Patong lo scorso anno...il periodo che ho scelto è stato azzeccato,tra fine gennaio primi di febbraio...le giornate sempre molto calde e soleggiate. Bellissime spiagge dal color smeraldo e sabbia bianchissima. Nonostante la povertà ,i servizi erano ottimi e... vedi tutto funzionali anche nelle spiagge più isolate. La città è molto caotica ma noleggiando un motorino sì gira bene. La notte offre molto divertimento e sì ha l'imbarazzo della scelta di ristoranti e localini dove poter mangiare spendendo davvero pochissimo.
Voto complessivo 8
Guida generale : Ottimo connubio di vacanze di mare e di divertimenti notturni.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Cosa visitare

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156258
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0