×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020021
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010012

Monterrey: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0010009
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

La città di Monterrey si trova a 540 metri di altezza sul livello del mare, nello stato nordorientale del Nuevo Leon. La città è attraversata dal fiume Santa Caterina, per la maggior parte dell’anno secco in superficie. Monterrey è situata a nord delle pendici della Sierra Madre orientale, e come tale è circondata da vette di vari altitudine. Nelle immediate vicinanze ci sono il simbolo della città, il Cerro de la Silla, il Cerro de las Mitras (il cui profilo ricorda dei vescovi con le loro mitre), il Cerro de la Loma Larga, che separa Monterrey dal suo sobborgo di San Pedro Garza Garcia. Le montagne intorno alla città ospitano diversi canyon, ma anche strade e sentieri che attraversano foreste e deserti.

Il Parque Nacional Cumbres de Monterrey comprende le montagne della Sierra Madre Orientale a sud della città, e le aree naturali vantano diversi boschi lussureggianti con cascate e caverne. Per quanto riguarda il clima, è semiarido e molto caldo: a gennaio la media è di circa 15 gradi ma si arriva perfino a 38 gradi, mentre a luglio la media è di 29 gradi con picchi ben oltre i 40 gradi. È rarissimo qui che la temperatura scenda sotto lo zero.

Prima dell’arrivo degli Europei, nella zona di Monterrey la popolazione era limitata ad alcuni gruppi semi-nomadi di indigeni, e sono stati trovati resti di pitture rupestri e oggetti intagliati di quattro di queste tribù: gli Azalaps, gli Huachichiles, i Coahuiltecos e i Borrados.

Nel sedicesimo secolo l’esploratore spagnolo Luis Carvajal y de la Cueva ebbe da re Filippo II l’autorizzazione a fondare un territorio nella Nuova Spagna, da chiamar “Nuovo Leon”. Arrivò nel 1580 in quelle terre ma solo nel 1582 sorse il primo insediamento, San Luis Rey de Francia, in omaggio a Luigi IX il Santo di Francia, nel luogo dell’attuale Monterrey. Dopo otto anni il regno, fino a quel momento sostanzialmente disabitato, cominciò a popolarsi in seguito all’arrivo di tredici famiglie guidate dall’esploratore Diego de Montemayor, che fondò Ciudad Metropolitana de Nuestra Señora de Monterrey vicino a una fonte chiamata Ojos de Agua de Santa Lucia, dove si trova ora l’affollato lungofiume di Santa Lucia.

Negli anni della dominazione spagnola Monterrey rimase un piccolo centro, importante soprattutto per il suo traffico con San Antonio (oggi in Texas), ma dopo la Guerra d’indipendenza messicana la città divenne rapidamente uno dei principali centri economici della nuova nazione, diventando la capitale del nuovo stato di Nuevo Leon. A Monterrey si combattè anche una delle prime battaglie tra americani e messicani.

Negli anni successivi, Monterrey venne collegata al circuito ferroviario e continuò a crescere, diventando la grande metropoli che è oggi. Monterrey è stata considerata da Fortune nel 1999 la migliore città per gli affari di tutta l’America Latina, ed è un centro nevralgico per la produzione di acciaio, cemento, vetro, parti per auto e per l’industria della distillazione, anche grazie alla vicinanza con il confine degli Stati Uniti. Monterrey è la sede di grandi conglomerati come Cemex, FEMSA, Axtel, Vitro, Grum, Banorte, Selther. La città è anche una delle più dotate di centri commerciali e vanta un’università molto quotata, l’Universidad Autona de Nuevo Leon, oltre all’Instituto Tecnologico y de Estudios Superiores de Monterey.

Per quanto riguarda i piatti tipici, la specialità tradizionale di Monterrey è il cabrito o capretto, basato sulla cucina ebraica ereditata dai fondatori della città. Sempre legati a questa origine sono il pane non lievitato, il semita, e il dessert capirotada; mancano quasi del tutto piatti a base di maiale. La carne asada è un altro piatto tradizionale, servito di solito con cipolle grigliate, patate e salsicce o come tacos.

Prefisso:
081
Fuso Orario:
UTC+-6
Nome Abitanti:
Regiomontanos
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Monterrey

IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0010009
DestinationListNear-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Monterrey

HotelSearch-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0010013
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008