×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Sant'Elia Fiumerapido  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0156254
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Sant'Elia Fiumerapido

Superfice:
41 km2
Altitudine:
120 m
Abitanti:
6283 [2010-12-31]
Introduzione

Il comune di Sant’Elia Fiumerapido si trova su un altitudine di 150 metri s.l.m. e possiede circa 6.422 residenti. Questa località in epoca romana era compresa nel territorio di Casinum, come lo documentano le superstiti iscrizioni e la storia di S. Elia si lega strettamente a quella di Montecassino; infatti al Monastero si deve il primo sorgere della vita associata. 

Importante centro bizantino nel X secolo, divenne successivamente possedimento dell' Abbazia di Montecassino. I monaci benedettini imposero la denominazione di S. Elia che assieme alla presenza del fiume Rapido, che attraversa il centro cittadino, ha dato origine al nome attuale.

La sua economia si basa, oltre che sull' agricoltura, anche sull' industria, nel settore del legno e della carta, notevole fonte di reddito per la zona. Di particolare interesse naturalistico è la zona dei Monti Bianchi, una delle aree più selvagge del territorio nazionale.
Grazie alla sua posizione riparata da vari sistemi montuosi e dalla vicinanza con il fiume Rapido, le cui acque, con impianti sopraelevati, permettono una buona irrigazione rendendo il terreno fertile, l'agrosanteliano può vantare la produzione di primizie e verdure sufficienti al fabbisogno locale e ai mercati della Valle del Liri e della Val Comino: fave, piselli, peperoni, pomodori, cavoli broccoli dal sapore acre, introvabili altrove, cetrioli, fagioli rampicanti, semenzai e peperoncini.

Dovuto alla costituzione e alla felice esposizione dei terreni, è presente anche una buona produzione di uva da vino: sirah, cabernet, "ciccastrieglio", vino tipico di Vallerotonda, viti queste che vengono coltivate sulle colline; nei terreni a fondovalle, che risentono degli influssi dell'umidità del fiume, si preferisce la coltivazione della mutolana, della fragola e della piginera, caratteristica vite di S. Elia, perché risulta ben acclimata ai terreni irrigui.

Sui monti che circondano la conca, e in qualche terreno della pianura, crescono gli olivi, che costituiscono una delle principali risorse dell'agricoltura santeliana.

Prefisso:
0776
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
santeliani
Patrono:
Sant'Elia
Giorno Festivo:
20 luglio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

1
Ottimo
1
Buona
1
Media

Chi c'è stato

Famiglie
1

Indicatori

Sicurezza
convenienza
Attrattive
Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
attività
shopping
Intrattenimento
Trasporti
Servizi ai turisti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0156263
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Sant'Elia Fiumerapido

Conosci Sant'Elia Fiumerapido? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Voto complessivo 6
Guida generale : Un luogo unico al mondo, a pochi passi dall'abbazia di Montecassino e dal parco nazionale d'abruzzo, immerso nel verde e nell'arte dal tempo dei romani ai giorni nostri. Rettifico il nome della chiesa principale è Santa Maria la Nova ed oltre... vedi tutto al bellissimo organo Catarinozzi del XVII secolo ospita un meraviglioso coro ligneo dello stesso periodo. Notevoli anche, oltre al bassorilievo già citato, gli affreschi della volta ad opera di Enrico Risi. Altro gioiello è la chiesetta di Santa Maria Maggiore: le sue origini sembrano essere nel XIII secolo, periodo cui risalgono i suoi affreschi, l'altare maggiore affrescato e il pavimento cosmatesco.
Fabrizio Stefanelli
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 8
Guida generale : Sant'Elia Fiumerapido è un piccolo e grazioso paese della Ciociaria dove si possono ancora assaporare i piaceri di una volta, quelli dei nostri nonni per intenderci. Un paese very slow per una vacanza slow e all'insegna della buona cucina e... vedi tutto del folklore locale. Da visitare almeno una volta nella vita nelle cosiddette "gite fuori porta".
Da non perdere Picnic lungo il fiumiciattolo , Visita del centro storico al crepuscolo , Assaporare i formaggi e i salumi locali davanti il caminetto
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156262
IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0,0156258
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0625064
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156259
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Sant'Elia Fiumerapido

HotelSearch-GetPartialView = 0,0156267
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Enogastronomia
Mete per la famiglia
Sole e Mare
Verde e natura
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,015628
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0,0156241

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156258
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156267
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0