×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0156258
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di San Severino Marche  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su San Severino Marche

Superfice:
194 km2
Altitudine:
236 m
Abitanti:
12852 [2014-07-31]
Introduzione

San Severino Marche, in provincia di Macerata, è sita nella regione delle Marche che figura anche nel suo nome. La città si trova a circa 50 km dal mare Adriatico e a circa 50 km dall'Appennino umbro-marchigiano.

La parte medievale è costituita dalla località di Castello, sita in cima al Monte Nero dove è possibile visionare parte delle antiche mura, due porte e due torri. Queste ultime sono il simbolo della città stessa in quanto legate l’una agli Smeducci (l’attuale torre comunale) e l’altra al Duomo Vecchio in quanto ne costituisce il campanile.

Quel che rimane dell’epoca romana, invece, è visibile nei pressi della strada provinciale 361 ed equivale alle Terme, a parte delle mura ed ai resti di due porte. Sotto il profilo storico, bisogna partire dal Paleolitico per delineare la storia di San Severino Marche i cui resti sono visibili nella località detta Stigliano.

Tra i primi a popolare la città vi sono i Piceni di cui restano la zona residenziale e varie necropoli rinvenute grazie ad operazioni di scavo. In seguito, si ebbe la conquista del territorio ad opera dei Romani, nell’anno 268 avanti Cristo, con Septempeda municipio. Dell’epoca romana restano anche delle domus e un sepolcreto oltre ai resti già citati. Solo in seguito la città prese il nome di San Severino che fu vescovo di Septempeda a metà del VI secolo. Ancora, in seguito, sul territorio si affermò la signoria degli Smeducci, poi vi fu Francesco Sforza che governò per il breve periodo compreso tra il 1433 e il 1445, prima che la città entrasse sotto il controllo dello Stato della Chiesa.

Dal punto di vista economico, la città vive perlopiù di agricoltura (in particolare uva, frumento e barbabietole) e allevamento del bestiame, ma anche l’industria è attiva, soprattutto quella legata ai prodotti alimentari, alle calzature, alla lavorazione dei metalli e della pietra. Discretamente sviluppato il turismo grazie alla posizione montana e ad edifici storici di rilievo.

Tra gli eventi di San Severino Marche, citiamo in primis il Premio Salimbeni, ad opera della Fondazione Salimbeni per le arti figurative, in particolare per la storia e la critica d'arte, presente dal 1983. Da non perdere è, inoltre, il Presepe Vivente che si tiene annualmente, nel giorno dell’Epifania, con più di 300 figuranti, in località Castello, a Monte Nero.

Per gli amanti della musica, consigliamo il San Severino Blues Festival che si tiene ogni anno in estate, tra luglio e agosto. Altra manifestazione degna di nota è il Palio dei Castelli che si svolge ogni anno nelle prime due settimane di giugno, organizzato dall'associazione Palio dei Castelli. Figuranti e spettatori vengono così immersi nell’atmosfera del ‘400, quando a San Severino vi era la signoria degli Smeducci. Dal 1987, all’interno del Palio vi è la Corsa delle torri che ne costituisce il gioco fondamentale.

Tra i prodotti tipici della zona, vi sono senza dubbio il miele, il vino, gli insaccati, l’olio. In particolare, consigliamo di assaggiare il miele della Marche e i vini targati Macerata DOC. Buone anche le produzioni casearie, in particolare la ricotta aromatizzata alle erbe.

Proprio in merito alle erbe locali, vale la pena citare una curiosità. Da sempre, infatti, esse costituiscono parte del patrimonio alimentare del luogo. Un tempo, questo piatto povero, era consumato dai contadini ad insalata oppure dopo bollitura e salto in padella. Le erbe, condite con l’olio tipico della zona, restano ancora oggi sulla tavola dell’indigeno quanto del turista, soltanto che con il tempo è andata a scomparire la figura della Vergara ovvero della donna atta a ricercare le erbe.

Sotto il profilo turistico, San Severino Marche è conosciuta perlopiù per la presenza di edifici e chiese storiche, musei, siti di interesse archeologico, ma anche per la possibilità di week-end e passeggiate in tranquillità.

Prefisso:
0733
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
settempedani
Patrono:
San Severino di Settempeda
Giorno Festivo:
08 giugno
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

4
Media
2
Ottimo
2
Buona

Chi c'è stato

Tutti
3
Coppie
1
Famiglie
1
Turisti maturi
1

Indicatori

Accoglienza
Alloggio
mangiare e bere
Sicurezza
convenienza
Attrattive
Intrattenimento
Accessibilità
attività
Trasporti
Servizi ai turisti
shopping
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni San Severino Marche

Conosci San Severino Marche? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
federica belardinelli
Livello 25     2 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 8
Guida generale : Un gioiellino, situata a 30 minuti dal mare, a 20 dalla montagna, tranquilla, con attrazioni semplici, il grande giardino pubblico, ben curato e punto d'incontro per tanti giovani in estate, la piazza piccola ma stupenda, poi da visitare ci sono... vedi tutto il chiostro di S. Domenico, a pochi passi dalla piazza,il teatro Feronia, il santuario di San Pacifico, oltre alla struttura è spettacolare la vista della natura nella quale è immerso, il santuario della Madonna dei Lumi. Questi sono secondo me i posti da visitare, purtroppo c'è da dire che un po' hanno perso gli antichi splendori, ed anche per quanto riguarda i servizi publici per raggiungerli lasciano un po' a desiderare.Stupenda poi Villa Collio, che è pero' una villa privata, ed in questi ultimi anni è diventato il luogo prediletto per organizzare matrimoni, feste e sfilate, ottime occasioni per ammirarne la bellezza. Poche le vere grandi feste, ma quella più importante è la rievocazione storica che viene fatta a giugno, in collaborazione anche con altri paesi vicini. Bel paesino, piccolo e tranquillo, ottima cucina, poche le vere specialità ma tutta cucina genuina.
Da non perdere santuario di S. PACIFICO , teatro feronia , chiostro S. Domenico
celia
Voto complessivo 10
Guida generale : Molto caratteristica, possibilità di escursioni e di visione di antichi fabbricati. Per chi ama la tranquillità e la storia. La consiglio vivamente.
francescobartoloni
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : il passeggiare al trramonto nella bellissima piazza ovale fa rivivere la stagione della bella epoche
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0

Altre Risorse

IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a San Severino Marche

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Enogastronomia
Mete romantiche
Sport
Verde e natura
Mete per la famiglia
Avventura
Cicloturismo
Montagna
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo San Severino Marche

Pioggia
18 °
Min 1767° Max 2706°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0