×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Porretta Terme: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Porretta Terme (ora compresa nel comune di Alto Reno Terme, di cui è capoluogo, insieme a Castelluccio, Corvella e Capugnano) si trova nella valle del fiume Reno, alla confluenza con il torrente Rio Maggiore, in una zona ad alta densità urbanistica su due importanti direttrici stradali e ferroviarie, tanto che si parla ormai di Porretta come di un “comune lineare” di fatto. Il clima è caratterizzato da estati calde e inverni rigidi, sovente con la neve sulle montagne circostanti. La cima più alta della zona è il Monte Piella, con i suoi circa 1.500 metri d’altezza, e in questa zona si trovano ben 700 chilometri di sentieri ideali per le escursioni per tutto l’anno.

La località è ben nota per le sue terme fin da tempi molto antichi, e già i Romani ne conoscevano le proprietà: lo dimostrano i ritrovamenti archeologici nel territorio, come un mascherone con un muso di leone recuperato verso la fine del diciannovesimo secolo e risalente al primo secolo dopo Cristo, diventato poi il simbolo stesso delle terme.

Secondo una leggenda, invece, l’acqua curativa cominciò ad essere utilizzata per vari rimedi e terapie durante il Medioevo, quando un bue malato, lasciato libero dal suo padrone, vagò fino ad abbeverarsi a queste fonti e tornò completamente guarito. In realtà, nell’Alto Medioevo Porretta Terme andò incontro allo spopolamento, fino alla sua riscoperta con l’affermazione del Comune di Bologna. Proprio al capoluogo emiliano la città di Porretta rimarrà sempre intimamente legata. Dal XII secolo fino a oggi le terme di Porretta hanno così ospitato tanti personaggi d’alto rango, vista anche la vicinanza con la Toscana: da Lorenzo il Magnifico a Machiavelli (che ne parla nella sua celebre commedia, la “Mandragola”), dal Mantegna a Gioachino Rossini. Il periodo tra il sedicesimo e il diciottesimo secolo vede, con l’Illuminismo, l’applicazione del metodo sperimentale e le nuove scoperte della medicina anche alle acque termali; in questa epoca Porretta è governata dalla contea dei Ranuzzi, che terminò con la Rivoluzione Francese.

Insieme a Bologna passò poi allo Stato Pontificio ed entrò a far parte della provincia di Bologna con il Regno d’Italia, in un periodo che segnò un grande rinnovamento, sia dal punto di vista teorico che da quello pratico, dell’idrologia, con tanto di rinnovamenti profondi nell’architettura delle stazioni termali come Porretta. La zona fu poi particolarmente colpita dai combattimenti tra partigiani e nazifascisti durante la seconda guerra mondiale, con i tristemente noti eccidi dell’Alto Reno. Subito dopo la fine del conflitto, Porretta Terme venne ricostruita e ritornò in breve tempo una delle più importanti stazioni termali italiane, uno status che ha mantenuto fino a oggi. Dal 2015, in seguito a referendum consultivo, Porretta Terme si è fusa con il vicino comune di Granaglione, con il nome di Alto Reno Terme.

La prima attività economica di Porretta è indubbiamente il turismo termale, che ha attraversato un momento di crisi negli anni Novanta del XX secolo per vari fattori economici negativi ma rimane una fondamentale realtà, soprattutto perché può essere praticata in ogni periodo dell’anno, anche in considerazione dell’importanza di Porretta Terme come base di partenza per escursioni e trekking nella zona.

Tra le specialità della gastronomia locale, sono da ricordare i tipici piatti della tradizione bolognese e della cucina di montagna, come focaccine, zampanelle, necci di farina di castagne. Un prodotto noto di questa zona è la birra di castagne Beltaine. Tra dolci, da ricordare specialità come “La tortina” e gli “zuccherini montanari”.

L’evento più importante a Porretta Terme è sicuramente il Porretta Soul Festival, che dal 1987 è una delle principali rassegne dedicate alla musica soul in Italia. Anche il Porretta Cinema è una rassegna cinematografica che attira grandi registi e star del cinema internazionale.

Prefisso:
0534
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
porrettani
Patrono:
Santa Maria Maddalena
Giorno Festivo:
22 luglio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0156258
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Porretta Terme

Assurdelenina Caì
Livello 33     2 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : A pochi passi dalla Toscana, un paesaggio mozzafiato all'altezza media di 349 m.s.l.m. Il posto giusto per trascorrere un po' di tempo, camminando e riflettendo, fermandosi ogni tanto per assaporare la buona cucina emiliana. Un piccolo gioello situato nell'Appennino Tosco-Emiliano... vedi tutto nella valle del fiume Reno, sulla sinistra idrografica del fiume alla confluenza del torrente Rio Maggiore. Atmosfera da non perdere.
Da non perdere Camminare sul lungo Reno , Chiacchierare con Guccini , Assaporare la cucina emiliana
Annarosa Berselli
Voto complessivo 10
Guida generale : Si tratta di una cittadina ideale per il relax e le passeggiate. Anche le iniziative di svago estivo sono buone: peccato solo il degrado delle Terme Alte!Soggiornandoa Porretta si può curare il corpo (segnalo il reparto dermatologico delle terme) e... vedi tutto lo spirito, girovagando tra i boschi del circondario, con sentieri adatti a tutti!
predieriraffaella
Voto complessivo 6
Guida generale : Porretta che balla è una bella iniziativa peccato che non c'era il country come gli altri anni, speriamo di poterlo ballare la prossima volta....
Daniela
Voto complessivo 8
Guida generale : E' una cittadina nell'Appennino Tosco-Emiliano, molto carina, tranquilla e immersa nel verde. Circondata da boschi con possibilità di molte escursioni o semplici passeggiate. Famosa per le sue terme. Ha diverse frazioni tra le quali molto carina la frazione di Castelluccio.
Giovanni
Voto complessivo 6
Guida generale : Ex cittadina di turismo termale oggi non è altro che una semplice cittadina priva di ogni attrattiva turistica. Le terme sono solo curative e non navigano in buone acque.
vincenzo
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 6
Guida generale : Cittadina carina ma in degrado oramai da 20 anni, con terme e poco divertimento. È molto cara economicamente
Voto complessivo 6
Guida generale : tranquillita vita sana aria sana tutto x rilassarsi
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156266
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Cosa visitare

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156262

Meteo Porretta Terme

Pioggia
3 °
Min 1° Max 5°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0