×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Pineto: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0156262

Pineto si trova in provincia di Teramo e prende il suo nome dalla grande pineta a picco sul mare. La storia di Pineto non può essere separata da quella del borgo di Mutignano, sviluppatosi fino al 1929 vicino ad Atri. Si trattava di una zona residenziale con la maggior parte degli edifici localizzati nel territorio collinare retrostante, e solo poche di queste costruzioni si affacciavano sul mare.

Il grande cambiamento avvenne con la costruzione della Strada Consolare Marittima che raggiungeva la valle del Pescara dal confine sul Tronto con lo Stato della Chiesa. Una delle prime ville fu quella dei Filiani, che per lungo tempo rimase l’unica traccia di un insediamento umano nella zona insieme alla Torre Cerrano, il simbolo di Pineto. In realtà la villa Filiani era un casino da campagna, utilizzato dapprima come residenza estiva e poi definitiva. Nel frattempo infatti era stata costruita la stazione ferroviaria, che permetteva ai Filiani di controllare la fornace d’argilla che avevano fatto costruire nelle vicinanze. In seguito arrivarono altre residenze di lusso, come la villa “Maturanzi” di proprietà dei signori Caccianini.

Nel 1860 in questa zona viene costruita la ferrovia Adriatica, con la stazione proprio nel territorio di Mutignano per il personale interessamento di Giacinto Giliani. Lo scalo prende il nome di Atri-Mutignano, mentre la località mantiene il nome di Villa Filiani. Fu Luigi Filiani a elaborare un piano di sviluppo della località dopo la fine della prima guerra mondiale, tanto che cominciò a pensare all’impianto di una pineta litoranea, la cui piantumazione venne però ostacolata dal sindaco di Mutignano perché, si diceva, quello del Filiani era un interesse prevalentemente speculativo.

Alla fine nel 1923 cominciarono i lavori per l’impianto della pineta, con una concessione di 25 anni; vennero messi a dimora 2000 alberi di varietà Pinus Pinaea, e si sancì anche il cambiamento del nome della località da Villa Filiani a Pineto. Filiani scelse questo nome proprio ispirato dalla celebre poesia di Gabriele D’Annunzio, “La pioggia nel pineto”. Successivamente, nella zona vennero piantate altre specie di piante, come pini, lecci, lauri, fino ad arrivare all’impianto di un vero e proprio parco a coronare la collina. L’area diventa subito popolare per l’edificazione di eleganti villini, con la prima struttura alberghiera che viene infine costruita nel 1930. L’apertura negli anni Settanta del ventesimo secolo della Dorsale Adriatica, l’ultimo tratto dell’autostrada, rappresenta un altro grande passo avanti per l’abitato di Pineto, che ne trae giovamento sia dal punto di vista della produzione industriale che da quello turistico.

Per quanto riguarda l’economia attuale che sostiene il centro di Pineto, il turismo è naturalmente l’attività più importante della zona; Pineto, infatti, è tra le spiagge più apprezzate dell’Adriatico, con la Bandiera Blu europea a sancire la qualità delle sue acque e il livello molto alto dei suoi servizi. Le numerose strutture alberghiere e di ristorazione sul territorio permettono a Pineto di accogliere migliaia di turisti in alta e in bassa stagione. Pineto è anche un discreto polo industriale, con aziende edili, metalmeccaniche e della lavorazione del legno. Tra i prodotti principali dell’agricoltura della zona ci sono le olive e i cereali, ma è molto diffuso anche l’allevamento ovino e suino.

I piatti tipici di Pineto sono quelli della zona del Teramano, con l’antipasto classico di pesce con scampi, calamaretti, vongole e sogliole, il cardone in brodo serviti per la tradizione nel giorno di Natale, la ‘ndocca ‘ndocca a base di carne di maiale, i pasticcini noti come “bocconotti” realizzati con la pastafrolla. Tra i prodotti tipici del territorio, da ricordare il pecorino di Atri, la ventricina teramana, il marrone di Valle Castellana, il pecorino Marcetto.

Prefisso:
085
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
pinetesi
Patrono:
Sant'Agnese
Giorno Festivo:
21 gennaio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Pineto

MARIA PIA PESETTI
Livello 25     4 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : La piccola frazione di Scerne di Pineto si trova in posizione strategica per chi vuole trascorrere una vacanza in totale relax ma allo stesso tempo avere la possibilità di raggiungere in pochi minuti centri turistici più animati (Pineto e Roseto... vedi tutto si trovano rispettivamente a 5 e a 3 km. circa). Il paese è molto curato sotto tutti i punti di vista, le abitazioni sono ben tenute e quasi tutte adibite ad affitti estivi, con prezzi inferiori a quelli delle località più blasonate. Sul lungomare una piacevole strada non accessibile alle auto arriva fino a Pineto e anche oltre grazie ad un percorso suggestivo fra mare e collina (la Ciclovia Adriatica, ancora da terminare in alcuni punti, ha come obiettivo finale il totale percorrimento di tutta la costa dell’Adriatico, per oltre 1000 km). La spiaggia di Scerne è costituita da caratteristici ciottoli rotondi ed è preceduta da un prato all’inglese molto curato. Per chi ama la sabbia basta andare in direzione Pineto o Roseto e da entrambi i lati dopo pochi km finisce il tratto sassoso. Ho apprezzato molto la parte di Pineto che arriva fino alla Torre del Cerrano. Una splendida pineta fiancheggia una spiaggia pulitissima, un manto liscio ideale per lunghe passeggiate. La Torre spicca in tutta la sua bellezza, fa parte dell’Area Marina protetta ed è sede di un laboratorio di biologia. È possibile visitarla e in determinati giorni vengono organizzate escursioni in mare (snorkeling) per ammirare i resti dell’antico porto di Atri. L’acqua è pulita ma non cristallina, dal momento che il fondale è sabbioso.Nelle vicinanze di Scerne vi sono alcuni antichi borghi che vale la pena di raggiungere, come Mutignano e Atri. Mutignano è piccolo, ma pieno di opere d’arte e caratteristico per i suoi murales; Atri è una vera e propria cittadina, conta più di 11.000 abitanti (al contrario di Mutignano che ne annovera poco più di 500) ed è splendida con i suoi monumenti e opere d’arte. La sera è molto animata fino a tarda ora.Da Scerne in meno di un’ora è possibile raggiungere il Parco Nazionale degli Abruzzi, e la montagna è piena di piccoli paesi caratteristici.Dopo cena rimanendo a Scerne sulla passeggiata lungomare si trovano alcuni locali con musica e bar aperti fino a tardi. Dal 17 al 19 agosto 2012 per il 3° anno consecutivo il Comune ha organizzato una rassegna cinematografica con pellicole d’autore recenti, un’iniziativa gradita dai turisti presenti e dagli amanti del cinema di qualità, serate ad ingresso gratuito e con proiezione di due film diversi al giorno.I cani sono ben accettati quasi ovunque.
Da non perdere Torre Cerrano
Gerardo
Voto complessivo 8
Guida generale : Il paese di dannunziana memoria è pulito e funzionale con molti alberghi di svariate tipologie. Unico inconveniente è la ferrovia che passa a pochi metri dalla pineta dove il "Vate" correva a cavallo o si ispirava. La pineta è percorribile... vedi tutto sia a piedi che in bicicletta, molto bella è la pista ciclabile. Il mare è il classico Adriatico sabbioso dove si possono fare lunghe passeggiate. La ferrovia di cui parlavo sopra può essere uno svantaggio per la bellezza del luogo e la tranquillità notturna ma ti porta comodamente a destinazione da ogni parte tu venga, poi basta scegliere l'alloggio giusto e quasi non la senti. La via principale di notte è chiusa alle macchine per cui si può passeggiare comodamente e sedersi ad uno dei bar a sorseggiare una bibita senza che il traffico automobilistico infastidisca. Molto bella da visitare è la torre Cerrano alla fine della pineta, restaurata di recente con fondi della comunità europea e fruibile con il giardino che la circonda.
koki
Voto complessivo 10
Guida generale : Fantastica località marina. Finissima sabbia dorata , mare turchese e cristallino, meraviglioso riposarsi all 'ombra della rigogliosa pineta che si estende per chilometri lungo la spiaggia. Il paese é pulitissimo, tutte le case sono ben tenute , il panorama é... vedi tutto splendido dal Parco Filiani Castelluccio per i pinetesi. La vera perla é la Torre di Cerrano sita sulla spiaggia nella zona sud del paese. Piste ciclabili per chilometri. Si mangia divinamente ovunque pesce o carne , rimane difficile alzarsi da tavola! Da vivere tutto l'anno anche grazie alla sua vicinanza con Pescara. DAVVERO UNICA !!! I love Pineto !!!!
Da non perdere Torre Cerrano
adriana cislaghi
Voto complessivo 9
Guida generale : Un paese tranquillo con la sua pineta e la pista ciclabile, adatto per famiglie con bambini e per persone anziane, la vicina area marina del Cerrano assicura una biodiversità garantita e rispettata. Mare pulito e spiaggia ben organizzata. Alle spalle... vedi tutto le alture creano un clima accettabile in tutte le stagioni e tutte le città limitrofe offrono spunto per visite turistiche.
Da non perdere Torre Cerrano , atri
ADRIANA CISLAGHI
Livello 40     6 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Guida generale : È un paese sempre animato da attività che coinvolgono tutte le fasce di età, dai divertimenti e intrattenimenti per i più piccoli- giochi, spettacoli - alle serate danzanti per i più grandi o maturi. Il paese ed il circondario offre... vedi tutto attrattive a 180 gradi, ci si può muovere in tutta tranquillità utilizzando la pista ciclabile. La riserva naturale del Cerrano è un bene comune ben conservato.
ADRIANA CISLAGHI
Livello 40     6 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Guida generale : il mio giudizio su pineto è ampiamente positivo.Ho trovato una citta' tranquilla adatta alle famiglie con figli piccoli e agli anziani. ci si può muovere in tutta tranquillità, la sua pineta a ridosso della spiaggia e è un'oasi di verde... vedi tutto e di ombra ben sfruttata. Unico neo è la linea ferroviaria che se da un lato offre all'utente un'ampia visione della realtà marina adriatica dall'altro lato rompe quell'armonia e quel commubbio che c'è tra pineta, arenile e centro abitato.
Tiziana
Voto complessivo 9
Guida generale : Gente meravigliosa,accogliente,c'è da visitare molto intorno per il bello che offre l Abruzzo. voto generale 9. Da vedere: il gran sasso, le grotte di Stiffe, Atri. Far belle passeggiare sul lungo mare,ci sono piste ciclabili per km. Altro posto nuovo... vedi tutto per far shopping l'outlet a città sant angelo a due passi dall autostrada vicino a Pescara.
Da non perdere Parco del Gran Sasso , Atri
Maximilien
Voto complessivo 10
Guida generale : Posto bello per la sua pineta e la sua tranquillità, vicino alla montagna, molto adatto sia per il fare niente che per le gite, montagna, pescara e molto pratico per uno come me che proviene dal Belgio con aeroporto low... vedi tutto cost di Pescara.Vengo li da quando sono nato(40anni)e ne sono sempre inamorato!Senza parlare del mangiare... Pineto è veramente da provare!
Da non perdere Spiaggia e pineta , Parco del Gran Sasso , Atri
adriana cislaghi
Guida generale : Paese vivace anche di sera con attrattive di ogni genere rispettando le varie fasce di età, coinvolgenti dai bambini con serate organizzate a tema, alle fasce intermedie giovanili e alla generazioni più mature con serate danzanti. La ristorazione è eccellente... vedi tutto sotto tutti gli aspetti da quello economico a quello gastronomico quindi alla portata di tutte le tasche.
Nèri
Livello 51     3 Trofeo   
Voto complessivo 10
Guida generale : Vivamente consigliata la passaggiata, coi piedi in acqua, da Pineto alla pineta di Silvi Marina passando per la Torre del Cerrano, in corrispondenza della quale conviene deviare per visitare il giardino botanico. Meritato bagno finale. Il ritorno si può fare... vedi tutto anche in autobus su strada statale.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156267
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Cosa visitare

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,031252

Meteo Pineto

Sereno
18 °
Min 6° Max 18°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156271
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0