×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,002003
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

Marano di Valpolicella: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0040025
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0030034

2.744 abitanti su una superficie di 18,64 kmq. Ha come frazioni Valgatara e San Rocco. Il toponimo Marano sembra derivare dal Latino tardo Marianum (terreno di proprietà di un Marius). Nel territorio di Marano sono numerose le documentazioni archeologiche relative all'età del Rame. Sul Monte Castelon è stato rinvenuto un abitato dell'età del Bronzo (un "castelliere"). In età romana anche Marano rientrava nel pagus degli Arusnati e sul Monte Castelon, dove oggi si trova la chiesa di Santa Maria di Minerbe (o di Valverde), sorgeva un tempio dedicato a Minerva. Nell'alto medioevo sorgono numerosi vici (= villaggi) e dal XII secolo Marano e Valgatara diventano comuni rurali. Un bell'esempio di edificio romanico, relativo a questo periodo, è la chiesetta di San Marco al Pozzo di Valgatara. Nel 1311 Federico della Scala diviene conte della Valpolicella e fa ristrutturare il castello di Marano (costruito nell'XI secolo). Nel 1325, anno della caduta di Federico, il castello venne abbattuto. Con la dominazione veneziana sorgono le ville signorili. Tra le meglio conservate: Villa Porta-Rizzini a Canzago e Villa Guantieri in località Fasanara a Valgatara. Nel 1576 e nel 1630 la valle di Marano è duramente colpita dalle epidemie di peste. Sotto i Francesi e gli Austriaci Marano è comune e dal 1866 entra a far parte con tutta la Valpolicella del Regno d'Italia.

Prefisso:
045
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
maranesi
Patrono:
Pietro e Paolo
Giorno Festivo:
29 giugno
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,004003
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Marano di Valpolicella

Giordano Rocco
Livello 100     4 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Marano di Valpolicella offre come attrazioni la piccola chiesa di San Marco al Pozzo, la parrocchiale di Valgatara, il Santuario di Santa Maria di Valverde e molte ville, come Villa Guantieri, Villa Porta, Villa Campagnola. Il territorio è interessante anche... vedi tutto per le grotte carsiche del parco della Lessinia. Piuttosto famosi anche i “tromboni” o i fucili originari della Lessinia che vengono usati ancora oggi per manifestazioni folcloristiche, caricati a salve.
Giovanni Savio
Livello 15     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : Il paese dove, tornando indietro nel tempo, andrei ad abitare. E' ancora poco costruito, ha abitanti ospitali ed una buona amministrazione. Si presta a belle passeggiate ed a numerose iniziative culturali.
Da non perdere Santa Maria di Valverde , Il pozzo di Valgatara , il ponte tibetano
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0110106
DestinationListNear-GetPartialView = 0,1030989
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

Cerca offerte a Marano di Valpolicella

HotelSearch-GetPartialView = 0,0100093
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010013
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0130119
JoinUs-GetPartialView = 0,0010009

Meteo Marano di Valpolicella

Poco nuvoloso
8 °
Min 4° Max 9°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0180175
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0