×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0156248
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Livorno  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Livorno

Altitudine:
146 m
Introduzione

Livorno è un capoluogo di provincia della Toscana e il territorio si estende per 104,5 km. La città affaccia sul Mar Ligure e il porto di Livorno è uno dei più importanti in Italia; poggia su un terreno pianeggiante privo di corsi d'acqua rilevanti; è classificata, come buona parte dei comuni toscani, con un grado di sismicità 9 (categoria 2) e presenta il tipico clima mediterraneo: inverni non particolarmente freddi, la minima media durante i mesi di gennaio e febbraio è di 6°, ed estati mitigate dalla brezza marina, la massima media dei mesi di luglio ed agosto non tocca i 30°.

Reperti archeologici dimostrano come la zona di Livorno sia stata abitata sin dall'epoca preistorica e diverse fonti confermano un passaggio di popolazioni etrusche e romane; detto ciò, il toponimo "Livorna" è attestato per la prima volta nel 1017 e si riferisce a primi assembramenti abitativi nei dintorni di Pisa che affacciavano direttamente sul Mar Ligure. L'area di Livorno passa sotto il controllo dei Visconti di Milano durante il XIV secolo per poi finire sotto quello dei Medici, che avrebbero contribuito in maniera decisiva allo sviluppo sia della cittadina che del suo sistema portuale.

Data chiave nella storia di Livorno è il biennio 1591-1593, durante il quale vengono emanate le "Leggi Livornine", che portarono un fortissimo afflusso di mercanti stranieri, con conseguente crescita economica generale, garantendo loro la libertà di culto e l'annullamento di determinate condanne penali precedenti: questi sono gli anni in cui si stabilisce nel comune anche una comunità ebraica che, successivamente, diventerà una delle più importanti d'Italia. Finita la dinastia medicea, il controllo di Livorno passa ai Lorena; la città prima subisce l'assedio di Napoleone, verso l'inizio del 1800, per poi tornare a crescere durante la Restaurazione. L'Unità d'Italia e la conseguente abolizione delle franchigie doganali avrebbero portato ad un calo drastico dell'attività commerciale e dei traffici marittimi, ma il prestigio navale livornese non sarebbe più calato, come attestato dalla successiva istituzione dell'Accademia nell'area del Lazzaretto di San Jacopo.

La storia di Livorno è caratterizzata tanto da una sorta di predisposizione per l'avanguardia insita nei suoi cittadini, quanto da drastici ritorni al passato: da una parte la città è stata tra le prima in Italia ad avere una propria ferrovia (1844), una propria linea telegrafica e telefonica (1881, 1888), addirittura il primo apparecchio a raggi x (1899); dall'altra sarebbe stata messa a durissima prova dai bombardamenti alleati durante la seconda guerra mondiale, che avrebbero distrutto sia gran parte del centro che diverse aree industriali.

Proprio a causa della guerra, purtroppo, sono andati perduti moltissimi monumenti storici soprattutto quelli legati al periodo tardobarocco, ma restano ancora luoghi in grado di raccontare la storia di Livorno come la Fortezza Vecchia, uno dei numerosi esempi di architettura militare, la cui edificazione è iniziata secoli prima di Cristo per poi venire sviluppata fino al 1500: si tratta di una fortificazione che si erge a margine del Porto Mediceo e al cui interno sono individuabili reperti di epoche etrusca e romana, oltre che insediamenti risalenti addirittura alle età del ferro e del bronzo. Tra le altre architetture civili livornesi vale la pena di citare quanto meno l'Acquedotto Leopoldino, costruito sulla fine del 1700 per alimentare la città, ed il monumentale Cisternone, un serbatoio che, oltre a funzionare perfettamente, rappresenta uno dei migliori esempi di architettura neoclassica italiana.

Parlando invece di monumenti religiosi, Livorno, come buona parte delle principali città italiane, presenta un numero di chiese davvero impressionante: tra le tante menzioniamo quanto meno il Duomo dedicato a San Francesco, caratterizzato da un magnifico soffitto ligneo che però purtroppo è andato distrutto durante la guerra, e la Chiesa di Santa Caterina, resa celebre dalla presenza al suo interno di un dipinto ad olio del Vasari. Livorno è inoltre nota per i suoi splendidi cimiteri, che tra l'altro raccontano splendidamente la natura multietnica della città: dal cimitero ebraico a quello degli inglesi, passando per il cimitero greco-ortodosso, quello della Congregazione olandese alemanna e addirittura il Famedio locale, una specie di pantheon dove sono sepolti cittadini illustri.

Oggi, come allora, Livorno continua a dare i natali a personalità di spicco dei più disparati campi del sapere e dello sport: da Giovanni Fattori, pittore ottocentesco, è stato uno dei principali esponenti del movimento dei macchiaioli, all'ex calciatore ed allenatore Massimiliano Allegri; dal regista cinematografico Paolo Virzì al tennista Filippo Volandri, dall'ex Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi al cantautore Piero Ciampi. Proprio a Piero Ciampi è dedicato un concorso musicale nazionale riservato alle nuove generazioni che va in scena ad ottobre all'interno di un programma di iniziative culturali più ampio. Questo è solo uno dei diversissimi eventi che caratterizzano Livorno con cadenza annuale: ad esempio, dal 1953 la città ospita il Premio Rotonda, una rassegna pittorica nazionale di arte contemporanea, mentre ogni estate la manifestazione "Effetto Venezia" anima uno dei quartieri più antichi e caratteristici della città con spettacoli, iniziative, ma anche mercatini artigianali.

Livorno dista circa 90 chilometri dal capoluogo di regione, Firenze, cui è collegata dall'Autostrada A12 e dalla Strada di Grande Comunicazione Firenze-Pisa-Livorno; è inoltre attraversata dalla Strada Statale 1 via Aurelia, che la collega fino a Roma, e dalla via Tosco Romagnola che si dipana fino a Ravenna. La città ha, come già detto, un proprio porto ed una propria ferrovia attiva sin dalla prima metà dell'Ottocento. L'aeroporto più vicino è l'internazionale Galileo Galilei di Pisa, distante meno di 30 chilometri.

Prefisso:
0586
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
limoncini
Patrono:
Santa Giulia da Corsica
Giorno Festivo:
22 maggio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

51
Media
17
Ottimo
16
Buona
6
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
21
Giovani e single
6
Coppie
5
Turisti maturi
5
Famiglie
4

Indicatori

mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Sicurezza
shopping
Intrattenimento
Trasporti
convenienza
Attrattive
Alloggio
Servizi ai turisti
attività
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Livorno

Conosci Livorno? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
federico
Voto complessivo 9
Guida generale : Ho scoperto Livorno da studente all'Università di Pisa quando mi sono ritrovato a preparare l'esame di Storia del Risorgimento. Non mi aspettavo mai, infatti, che questa città avesse avuto un ruolo così importante in questo periodo storico. Ed ancor più... vedi tutto mi stupì scoprire che mentre i livornesi abbracciarono col più fervente entusiasmo la causa dell'Unità d'Italia tutti gli altri toscani rimasero per lo più a dormire, e in primo luogo i pisani. Un giorno così presi il treno e me ne venni a fare un giro, e qui scoprendo una città che mai mi sarei aspettato di trovare. Il lungomare letteralmente mi calamitò, e quattro mesi dopo mi ci trasferii con due compagni. Una scelta che per quanto possa sembrare assurda consiglio ad ogni studente. La sensazione di libertà che da questa città è così straordinaria che si può star certi che è assai più facile arrivare alla laurea studiando qui piuttosto che nella città universitaria. Si capisce perché abbia dato i natali a così tanti talenti: Fattori, Modigliani, Mascagni, Nomellini, Guerrazzi, Niccodemi, Ernesto Rossi, Angelica Palli ecc.
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Uno dei simboli di Livorno, attrattiva per molti turisti è il monumento ai quattro mori, che rappresenta  la statua di Ferdinando I De’ Medici contornata da statue di pirati in catene;la costruzione risale al 1595 ad opera di Giovanni Bandini... vedi tutto e Pietro Tacca. Molto suggestiva anche Piazza Grande, dove e’ situato anche il Palazzo Grande,il Duomo e il Palazzo Comunale, cuore della citta’ interamente ricostruita dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale che l’avevano completamente distrutta. Di non meno importanza  la Terrazza  Mascagni ,formata da una balaustra di 4100 colonne marmoree e una pavimentazione molto suggestiva a mosaico, la Fortezza Nuova  e la Fortezza Vecchia . Numerosi sono anche i musei scrigno di antichi tesori, come il museo ebraico Yeshivè, il museo Provinciale e il Museo Ma scagno.
Massimo
Voto complessivo 9
Guida generale : Livorno è bella, ma penalizzata dalle vicine Pisa e Lucca. Immeritatamente direi visto il patrimonio artistico che ha per i vari Modigliani, Fattori, i macchiaioli, Mascagni, Piero Ciampi e via discorrendo. È una città che conta più di 160000 abitanti... vedi tutto nonostante la grandezza, la terza della Toscana dopo Firenze e Prato. Non ha mai sviluppato un granchè il turismo perchè sempre incentrata su vocazione industriale e portuale. Come città è tutta da scoprire anche se i Livornesi, nonostante oggettivamente abbiano una marcia in più rispetto agli altri toscani, credono che esista solo Livorno e per questo sono gelosi della propria terra.
francesca farri
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : Si vive ancora abbastanza bene, rimane più che una città un paesone, la puoi girare in lungo e in largo in davvero poco tempo, offre un paesaggio unico, la bellezza della costa è imparagonabile e la veduta dal santuario di... vedi tutto Montenero è proprio spettacolare e da non perdere. Unica pecca poche attrazioni, pochi monumenti da visitare anche se da non perdere c'è pure il giro in battello nel quartiere la venezia anche se viene effettuato solo in alcuni periodi. La città comunque è da vedere non si è mai lamentato nessuno che io conosca e son sempre tornati volentieri, vi consiglio di venirla a vedere.
Laura
Livello 24     2 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : Comunque sia, amo sempre la mia città. La Terrazza "Mascagni" è bellissima, nelle giornate di sole si possono ammirare all'orizzonte le isole Gorgona, Capraia, Elba e il "dito" della Corsica. Chi ha la fortuna di fare un giro in barca... vedi tutto può vedere da vicino le secche della "Meloria", teatro della storica battaglia. Inoltre a Livorno c'è il famoso monumento dei 4 Mori e la fortezza Vecchia, con il mastio della Contessa Matilde dalla cui cima si può godere del panorama di tutto il porto. Ci sono anche i fossi che circondano il "Pentagono del Buontalenti" e la fotezza Nuova, di più recente costruzione, sui quali si può fare un giro in battello e vedere la città da un altro aspetto. Per questo ci ricorda anche Venezia dalla quale prende nome un quartiere del centro: il quartiere "Venezia" appunto.
pamela V.
Livello 12     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : È davvero una gran bella città, già è vero che alcuni monumenti non sono tenuti bene, ma la cosa che colpisce di più è la semplicità dei livornesi. Sempre accoglienti, gentili ma soprattutto spensierati. Per loro la cosa fondamentale è... vedi tutto il mare! Un mare che merita davvero! D'estate o d'inverno è splendido! Le passeggiate sul lungomare, le girate in città, da Via grande fino al quartiere della venezia, via Ricasoli e piazza Cavour..la terrazza Mascagni! D'estate le cantine, il palio marinaro, l'effetto Venezia appunto..le baracchine danno a Livorno un certo fascino! Io sono innamorata della città! So no milanese ma ci vado molto spesso poichè fidanzata di un livonese! Consiglio tutti di andarci e di amarla cosi com'e coi suoi pregi e difetti
alberto
Voto complessivo 7
Guida generale : Al contrario di cio' che si pensa Livorno presenta punti di interesse che possono essere visti agevolmente in 1 o meglio 2 giorni. Fortezza vecchia, Fortezza Nuova, Acquario, Terrazza Mascagni, Lungomare (circa 10km), Museo Fattori, Tour dei Fossi Reali, Santuario... vedi tutto Montenero (con Funicolare), Museo del Mediterraneo, Castel Sonnino. Purtroppo e' poco pubblicizzata a dispetto delle vicine Pisa e Lucca. Si mangia bene ed e' una citta' informale.
Da non perdere Terrazza Mascagni , giro in battello , Santuario di Montenero
anonimus
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : poco valorizzato l'aspetto naturale della città : i luoghi verdi naturali sono poco curati - i parchi cittadini hanno poche attrezzature e mal disposte - la bella costa offre solo attività di consumo le strade sono poco sicure - i... vedi tutto punti di attraversamento sono male segnalati e non offrono sicurezza per i pedoni soprattutto nelle ore serali - i marciapiedi presentano impedimenti frequenti dovuti a buche e auto parcheggiate male- le piste ciclabili sono scarse - la sera c'è poca vigilanza - gli abitanti sono in maggioranza maleducati e poco rispettosi delle regole
Da non perdere La Venezia
Enzo Tofanari
Livello 11     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : simpatica città, poco pulita, persone sincere, si mangia bene se sai scegliere il locale il clima e sempre più gradevole di qualsiasi altra città d'Italia. Se a Livorno piove, in altre località c'è tempesta. Le strade sono tutte livellate, non... vedi tutto ci sono salite o discese. Il traffico è normale, non caotico Anche per l'ordine pubblico non ci sono problemi, è una città tranquilla, certo qualche fatto di cronaca nera a volte si verifica, ma credo sia normale per una città di 180,000 persone.
francesco
Livello 14     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 6
Guida generale : Livorno a mio avviso è una città di gente semplice, alla mano e anche simpatica (la maggior parte), ma con una mentalità AUTODISTRUTTIVA. La città ha delle buone potenzialità logistiche-strutturali ma quest'ultime vengano lasciate quasi all'abbandono. Dal punto di vista... vedi tutto culturale archittetonico Livorno offre poco o nulla e quel poco che c'è è tenuto in modo mediocre (le fortezze), valido invece il litorale, di buon livello il mare e la cucina. Come città la consiglio x un breve periodo di vacanza-pernottamento estivo.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0
IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Livorno

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Sole e Mare
Enogastronomia
Mete per la famiglia
Pellegrinaggi
Mete romantiche
Sport
Shopping
Arte e cultura
Verde e natura
Avventura
Giovani e single
Studenti
Terme e Benessere
Casino'
Montagna
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Livorno

Sereno
28 °
Min 208° Max 2768°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0