×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0

Librizzi: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
DestionationGallery-GetPartialView = 0,003003
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,003003
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

I primi documenti che fanno riferimento al "populus Libricii" sembrano risalire al 1117 e consentono di datare ragionevolmente ad epoca antecedente l'insediamento di una comunità in questa terra.
Sin da questi primi atti si desume che il popolo di Librizzi era fortemente legato alla terra e che anzi doveva disporre di quantità rilevanti di essa. Godeva, infatti, il diritto di lavorarla tre settimane per conto proprio, contro una per il Monastero di Patti e in un conflitto d'interessi, nel 1191 costrinse i cittadini Pattesi a rendersi garanti contro ogni ingerenza del Vescovo.
Nel 1371 le terre di Librizzi furono concesse dal re Federico III a Vinciguerra d'Aragona; nel 1392 dai re Martino e Maria al Conte Bartolomeo di Aragona; nel 1413 insieme alla Torre di Librizzi passano dal barone di San Pietro Berengario de Orioles alla nobile Ljanora de Centelles, alla quale viene pure affidato l'incarico di pacificare il "populus", che, come si ricava dai titoli di investitura, era già sicuramente organizzato in "civitas". Ed è un susseguirsi di assegnazioni e di conflitti col Vescovado di Patti, che reclama diritti e balzelli, scontrandosi con la tenace opposizione dei Librizzesi.
Tra i figli di Librizzi più noti sono da ricordare: Antonino Collurafi, storiografo ed erudito del seicento, precettore molto apprezzato alla corte di Venezia; Andrea Muscarà, esimio giureconsulto, più volte presidente della Regia Gran Corte e dal 1666 Patrono del Fisco.

Prefisso:
0941
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
librizzesi
Patrono:
Madonna della Catena
Giorno Festivo:
08 settembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0040038

Valutazione generale

2
Media

Chi c'è stato

Tutti
2

Indicatori

Accoglienza
Accessibilità
Attrattive
attività
Alloggio
Intrattenimento
Trasporti
Sicurezza
mangiare e bere
Servizi ai turisti
shopping
convenienza
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0070069
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Librizzi

Conosci Librizzi? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Maurizio Scatolari
Livello 76     1 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Del comune di Librizzi, in provincia di Torino, consiglio la Chiesa di Maria Santissima della Catena, risalente alla fine del 1800, cui è ispirata la Statua marmorea della Madonna della Catena, risalente al 1540 circa e custodita nell'omonima chiesa, in... vedi tutto Piazza Catena. La Santa è chiaramente la patrona di questa cittadina e viene celebrata ogni prima domenica dopo Ferragosto. Se avrete ancora tempo consiglio anche una visita alla Chiesa di San Paolo, altrimenti è opportuno godersi anche la bellezza paesaggistica del territorio coi suoi sentieri naturalistici nel Bosco di Lecceto.
Da non perdere Bosco di Lecceto , Chiesa di Maria Santissima della Catena , Chiesa di Maria Santissima della Catena
Ludwig Vacri
Livello 100     4 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Su di una piccola collina tra due corsi di fiumi ecco che si trova questo comune della provincia di Messina. Nonostante non sia sul mare si tratta di un posticino davvero molto bello e ricco di storia anche perché le... vedi tutto sue origini sono molto antiche. Di antiche trazioni contadine partecipate alle famose sagre ed eventi estivi della zona perché ne vale davvero la pena. Molto bella è anche la statua marmorea dedicata alla madonna della catena che si trova conservata all'interno della piccola cattedrale cittadina.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0150145
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0300286
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,006006
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Cerca offerte a Librizzi

HotelSearch-GetPartialView = 0,0090085
AdvValica-GetPartialView = 0





FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0020022

Tipi di vacanza

Arte e cultura
DestinationListExperience-GetPartialView = 0,0020017
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0040043
JoinUs-GetPartialView = 0,0010008

Meteo Librizzi

Poco nuvoloso
31 °
Min 1774° Max 3208°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0140133
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
Footer-GetPartialView = 0,0020022
AdvValica-GetPartialView = 0