×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Isola delle Femmine  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Isola delle Femmine

Superfice:
3 km2
Altitudine:
6 m
Abitanti:
7191 [2012-08-30]
Introduzione

Isola delle Femmine si trova ai piedi di rilievi come Pizzo Mollica e il Raffo Rosso; la caratteristica fisica più evidente è la presenza dell’omonimo isolotto.

Le coste sono perlopiù basse e rocciose, ma non mancano le spiagge di sabbia bianca ideali per la balneazione.

Il clima di Isola delle Femmine è mediterraneo, caldo e secco in estate e con precipitazioni concentrate soprattutto nel semestre invernale. La storia di Isola delle Femmine è legata a doppio filo con il suo isolotto caratteristico, intorno al quale non mancano leggende fantasiose.

Secondo una di queste, il nome dell’isola deriva da una nave turca che portava, senza marinai né timoniere, tredici fanciulle che per motivi sconosciuti erano state esiliate dai loro congiunte; sbarcate sull’Isola delle Femmine, vissero qui per sette anni, fin quando i parenti pentiti le cercarono e le ritrovarono, e si stabilirono anch’essi sull’isolotto.

Per festeggiare il ritorno della pace, venne quindi fondata una città, Capaci  (ovvero “qui la pace”). Più probabile invece che il nome derivi dal termine arabo “fim”, latinizzato in “fimis”, a indicare uno stretto braccio di mare.

Ma le leggende su questo luogo sono tantissime: la rocca diroccata che si vede sull’isola, infatti, secondo alcuni fu la prigione di una donna di cui si era invaghito il conte di Capaci, finché questa non si buttò sugli scogli piuttosto che sopportare la solitudine e l’isolamento.

Ogni anno pare che si sentano delle urla agghiaccianti provenire dall’Isola delle Femmine nel giorno della sua morte.

La torre, in realtà, faceva parte del sistema di avvistamento che proteggeva il Regno di Sicilia dai frequenti attacchi dei corsari barbareschi, e venne edificata nel Cinquecento.

Ecco perché il secondo nome dell’isola, “Isola di fuori”: si tratta infatti di una delle due strutture difensive dell’area, gemella della “torre di dentro” che si trova sulla terraferma.

La più antica è proprio quest’ultima, ed è probabilmente coetanea delle analoghe strutture di Capo Mongerbino e Capo Rama: risale forse alla fine del ‘400, al tempo del re d’Aragona Martino il Giovane.

La torre sull’isola, invece, sarebbe opera dell’architetto fiorentino Camillo Camilliani, autore anche della Fontana Pretoria di Palermo.

Di per sé, l’isolotto prospiciente la costa venne abitato fin dall’epoca punico-romana, e lo testimoniano i numerosi ritrovamenti di reperti di ogni tipo (da vasi ad ancore e cisterne) nello specchio di mare tra l’Isola delle Femmine e Sferracavallo.

Il paese, invece, si è basato per secoli sull’esistenza della tonnara di Fimi, tanto che la piccola chiesetta costruita nel Quattrocento fu costruita proprio per dare un luogo di culto ai pescatori.

Il territorio fece parte per lungo tempo del fondo dei Conti di Capaci, che nel 1799 lo diedero in concessione ai pescatori con lo scopo di edificare un borgo.

L’ex edificio della tonnara oggi è la casa municipale, dopo che il cambiamento delle rotte dei tonni nei secoli passati vide la struttura andare in disuso. Nel 1997 è stata costruita la Riserva Naturale Orientata dell’Isola delle Femmine e nel 2003 l’Area Marina Protetta di Capo Gallo - Isola delle Femmine.

Dal punto di vista economico, la primaria occupazione degli abitanti di Isola delle Femmine è sempre stata la pesca: il suolo del territorio infatti non è adatto alla coltivazione.

Una curiosità legata a Isola delle Femmine è che da qui provenivano i genitori del grande campione di baseball Joe DiMaggio, Giuseppe e Rosalia.

Da qui, infatti, soprattutto con il tramonto dell’attività pescatoria, nel Novecento è partita una consistente emigrazione in una zona della California dove poi è sorta la città di Pittsburg, ancora oggi gemellata con Isola delle Femmine (in Piazza Pittsburg nel borgo siciliano c’è una statua dedicata al pescatore identica a quella che si trova nella città americana).

Prefisso:
091
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
Isolani
Patrono:
Maria S.S. delle Grazie
Giorno Festivo:
02 luglio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156254

Valutazione generale

5
Media
3
Buona
1
Ottimo

Chi c'è stato

Tutti
2
Turisti maturi
1

Indicatori

Attrattive
Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Servizi ai turisti
Intrattenimento
Sicurezza
Trasporti
attività
convenienza
shopping
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Isola delle Femmine

Conosci Isola delle Femmine? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Michelangelo
Voto complessivo 7
Guida generale : Meraviglie di camping Isola delle Femmine di La PLAYA , da molti e' intesa come terra di mare cristallino e di spiagge infinitamente spettacolari. Vero e', come è vero che l Isola delle Femmine e' ricca di differenti contesti paesaggistici... vedi tutto che la rendono davvero unica. Mai perdere: mare,sole,divertimento, locali tipici, bar,gelaterie, ristorante, pizzeria e mercato. Noleggio barca e motoscafo, porto, pescatori.
piero DOCA
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Poche località hanno una splendida veduta come come questo panorama che spazia da capo gallo a castellammare con in mezzo l'incontaminato isolotto che con la sua torre di avvistamento (peccato il suo stato di abbandono) in estate di giorno che... vedi tutto al tramonto è una magnificenza. Abbisognerebbe di un litorale a due corsie più la passeggiata e più servizi.
Giulia
Voto complessivo 4
Guida generale : Bella di giorno e molto frequentata, la sera altrettanto bella con bar e locali aperti
Claudia Aloi
Livello 25     2 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 6
Guida generale : Il mare è stupendo fino ad ottobre inoltrato. I locali tipici sono davvero carini e offrono un'ottima cucina, soprattutto per gli amanti del pesce. La cucina tipica in tutto il paese è squisita e il luogo è ideale per il... vedi tutto bel paesaggio che permette piacevoli camminate al tramonto o serali.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0

Altre Risorse

IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0

Destinazioni vicine a Isola delle Femmine

DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Isola delle Femmine

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Sole e Mare
Enogastronomia
Mete per la famiglia
Mete romantiche
Giovani e single
Sport
Verde e natura
Studenti
Arte e cultura
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Isola delle Femmine

Poco nuvoloso
28 °
Min 245° Max 2877°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0