×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Comelico Superiore  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0156263
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Comelico Superiore

Superfice:
96 km2
Altitudine:
1210 m
Abitanti:
2366 [2010-12-31]
Introduzione

Il comune sparso di Comelico Superiore è diviso in diverse frazioni: la sede comunale di Candide, Casamazzagno, Dosoledo e Padola. Il territorio che dà il nome al paese è il Comelico, nell’alto Cadore, insieme a San Pietro di Cadore, Danta di Cadore e San Nicolò di Comelico. La zona è quella delle Dolomiti Orientali, al confine con il Tirolo, la Carinzia, il Trentino-Alto Adige e il Friuli-Venezia Giulia. Qui si trovano molte delle più celebri vette delle Dolomiti venete, tra cui la Tre Cime di Lavaredo.

La zona di Comelico era probabilmente abitata già in periodo preistorico, e di sicuro le popolazioni protoceltiche si stabilirino qui in tempi remoti, seguiti dagli Euganei e dai Paleoveneti, poi i Galli Insubri. L’area era già sottomessa a Roma nel secondo secolo avanti Cristo. In seguito, il Cadore fu dominio prima degli Eruli e poi di Ostrogoti, Bizantini, Longobardi, Franchi, della Marca del Friuli e infine del Ducato di Carinzia, per passare al Patriarcato di Aquileia e poi a Venezia. Il Cadore venne invaso agli inizi del sedicesimo secolo per opera dell’imperatore Massimiliano I d’Asburgo, ma poi rimase sempre fedele a Venezia fino alla caduta della Serenissima. Con Napoleone fece parte del Regno Lombardo-Veneto e dopo il Risorgimento italiano del Regno d’Italia. Queste zone sono state importante teatro di guerra durante il primo conflitto mondiale, con episodi cruciali come la battaglia di Monte Piana.

Il Comelico a partire dai Longobardi venne suddiviso nelle due decanie di Comelico Superiore e del Comelico Inferiore. La frazione più antica di Comelico Superiore è Candide; la borgata di Sega Digon è tristemente nota perché ivi si consumò la strage di Cima Vallona del 1967.

Oggi l’economia del Comelico dipende molto dal turismo, insieme alle attività legate alla produzione di legname, all’agricoltura e all’allevamento. Per quanto riguarda le tradizioni gastronomiche del Comelico e del Cadore, non mancano scambi con le vallate vicine. Sono soprattutto la polenta e le patate a essere tra i più importanti ingredienti di questa cucina, oltre ai funghi, le erbe di montagna, la cacciagione, i fagioli; non mancano i canederli, il classico frico o fricò, gli gnocchi, i casunsei, i saporiti formaggi di malga, speck e prosciutto.

Uno degli eventi in assoluto più sentiti a Comelico Superiore è il Carnevale, con cui si rinnova la tradizione della “maskarada”. Rito popolare molto antico, ha come maschere principali il “lachè” e il “matazin”, che si distinguono per essere raffinate ed eleganti, con un alto copricapo (la calota) rivestito di velluto. Il giorno della sfilata il matazin e il lachè fanno il giro del paese per raccogliere tutte le maschere, per poi lanciarsi nella danza della “vecia dal matazin”. La musica che sempre risuona in questa giornate è una caratteristica polka.

Tra le curiosità della Val Comelico, c’è la pera d’la borcia, il sasso della borcia, lungo la statale che Padola porta al Passo Sant'Antonio: un monolito lungo 3 metri, largo e alto 70 centimetri con cinque cappelle equidistanti e allineate sulla faccia superiore, di cui non si è ancora riusciti a chiarire il significato e l’uso. Poi c’è da ricordare la Regina della Val Comuna, un abete rosso di eccezionali dimensioni, il più grande della sua specie nell’intero Triveneto, con un’altezza di più di 50 metri e un’età forse superiore ai due secoli, davvero eccezionale per un abete. In questi boschi, inoltre, cresce il particolare “abete di risonanza”, che viene utilizzato per costruire da tempo immemore la parte anteriore della cassa armonica di vari strumenti a corda da parte dei migliori liutai del mondo, grazie a una particolare “musicalità” emessa dalle sue fibre.

Prefisso:
0435
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
comelicesi
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

3
Ottimo
1
Buona
1
Media

Chi c'è stato

Famiglie
1
Tutti
1

Indicatori

Attrattive
Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Servizi ai turisti
attività
shopping
Sicurezza
convenienza
Intrattenimento
Trasporti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Comelico Superiore

Conosci Comelico Superiore? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Voto complessivo 10
Guida generale : Comelico, è poesia il tuo nome, è poesia quel raggio di sole che filtrando fra i pini mostra l'incanto della montagna. Arrampico il cuore sulle vette silenziose , dove non c'è più nessuno, dove non c'è più sentiero, dove c'è il... vedi tutto mio rifugio. Io vado lassù dove il mio sguardo si perde in un paesaggio da fiaba imbrattato da mille colori. Imprigiono la tua immagine nei miei occhi. Quando li apro godo l'alba che tinge l'orizzonte lontano, quando li chiudo lodo chi ti ha creato.
giovanna
Voto complessivo 6
Guida generale : Luogo dove assaporare la natura autentica della montagna vera! D'inverno si possono fare lunghe camminate o ciaspolate sulla neve,gite in slitta trainata dai cavalli praticare lo sci nordico o alpino. Splendidi panorami si possono ammirare con lo sci alpinismo ed escursioni... vedi tutto guidate in quota. La primavera e l'estate offrono magiche vedute sui prati in fiore.
Voto complessivo 8
Guida generale : E' una vallata non molto conosciuta circondata da splendide montagne abitata da gente gentile e ospitale ancora all'insegna delle cose semplici, prati, boschi, funghi, camminate impegnative e tranquille terme
GIANLUIGI TOPRAN D'AGATA
Livello 100     3 Trofeo   
Voto complessivo 10
Guida generale : Splendide piste da sci alpino,ideali per chi ama sciare lontano dalla confusione dei luoghi affollati. 30 km circa di piste da sci nordico perfettamente preparate dove poter sbizzarrirsi tra tecnica classica e skating. Innumerevoli proposte escursionistiche con le ciaspole...divertimento assicurato!!!
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156236

Le migliori attrazioni e cose da fare a Comelico Superiore

Altre Risorse

IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0781247
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Comelico Superiore

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Montagna
Sport
Cicloturismo
Enogastronomia
DestinationListExperience-GetPartialView = 0

Cosa visitare

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Comelico Superiore

Poco nuvoloso
-1 °
Min -894° Max -102°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0