×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020021
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Ugento: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009

Il bel centro salentino di Ugento, a poca distanza dal Mar Ionio, vanta una costa lunga circa 12 chilometri, prevalentemente bassa e sabbiosa, oltre a un centro storico di grande interesse tanto da essere stata riconosciuta come città d’arte dalla Regione Puglia nel 2008.

L’edificio più importante è la Cattedrale di Santa Maria Assunta, realizzata nel 1745 e costruita in stile barocco e neoclassico (la facciata, di circa un secolo più tarda, sostituì l'originale gotica); sorge al posto di un’altra andata distrutta durante un’incursione dei Saraceni nel 1537.

Altri edifici ecclesiastici notevoli sono la Chiesa di Sant’Antonio da Padova, il bizantino Santuario dei Santi Cosma e Damiano, la Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli con le pareti e le volte completamente affrescate, la Cripta del Crocifisso e la Chiesetta di Santa Lucia.

Quest’ultima, in particolare, è scavata nella roccia tufacea e vi si accede attraverso una grotta; all’interno, sia i muri perimetrali che la volta sono affrescati. Il Santuario della Madonna della Luce ha un aneddoto ad esso legato, quando il cieco Don Didaco di Vittorio, a metà di Cinquecento, a causa di un temporale riparò qui insieme alla sorella e un cane durante il pellegrinaggio verso Santa Maria di Leuca, per poi riacquistare la vista durante la preghiera; la prima cosa che i suoi occhi distinsero era un’immagine della Madonna, tuttora visibile nell’altare maggiore.

Di sicuro interesse anche il Palazzo Vescovile e il Seminario, che ancora mostra l’origine cinquecentesca della sua prima struttura. Tra gli edifici di natura non religiosa, invece, il più importante è il Castello normanno, vera e propria dimora-fortezza con tanto di torrioni che veniva usata dai baroni di Ugento e successivamente dai suo conti.

Probabilmente risalente al tredicesimo secolo, fu poi ampiamente rimaneggiato e quasi distrutto durante una delle tante invasioni barbare del Cinquecento. Sotto i marchesi d’Amore, la struttura è stata trasformata in un’elegante dimora residenziale, tra il Sei e il Settecento. Sul territorio di Ugento si trovano anche diverse torri costiere di avvistamento, come la Torre Mozza e la Torre San Giovanni.

Da vedere anche i palazzi storici, come Palazzo Gigli, dimora cinquecentesca dei Gigli di Ugento, Palazzo Colosso, Palazzo Rovito.

Ugento è anche una zona archeologica, tanto che sul suo territorio sono state riportate alla luce diverse iscrizioni messapiche e romane nonché una statua in bronzo di Zeus risalente al VI secolo avanti Cristo. Ci sono infatti tracce di almeno quattro necropoli, secondo gli ultimi studi ubicate lungo le più importanti arterie stradali.

Ancora oggi è possibile vedere le antiche mura di origine messapica: in origine pare che fosse costituita da ben 90 torri, con undici porte di accesso che si dirigevano verso i centri vicini. Per ammirare gli altri reperti, invece, c’è il Museo Civico Archeologico Salvatore Zecca, che custodisce la storia della cittadina e si trova oggi in alcune sale dell’ex convento dei Celestini del XV secolo. Tra i pezzi forti, anche la sala con la “Tomba dell’Atleta”.

Ugento ha diverse marine, tra cui Torre San Giovanni e Torre Mozza. Si tratta di centri abitati che prendono il nome dalle rispettive torri di avvistamento, caratterizzate anche dalla presenza di numerosi bacini salmastri che vengono utilizzati per l’acquacoltura.

Altri luoghi ideali per chi è alla ricerca di sole e di mare, con stabilimenti attrezzati e tutto quanto è necessario per godersi lunghe giornate in spiaggia approfittando di uno dei mari più puliti d’Italia, sono Lido Marini, Tore Pali e Marina di Ugento.

Per arrivare a Ugento ci sono diverse strade provinciali che la collegano a località limitrofe come Torre San Giovanni, Taurisano, Casarano, Torre Mozza, Lido Marini, Felline, Gemini. La statale 101 garantisce il collegamento con Lecce e Gallipoli, mentre la statale 274 conduce fino a Santa Maria di Leuca. Per chi arriva in treno c’è la stazione ferroviaria di Ugento-Taurisano, collocata sulla linea Novoli-Gagliano del Capo e gestita dalle Ferrovie del Sud-Est.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attività

Attrattive

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0010004

Cosa vedere secondo voi



15 risultati filtrati per:
Rank 1# di 15
Rank 2# di 15
1 Voto
Rank 4# di 15
Rank 5# di 15
Rank 6# di 15
Rank 7# di 15
Rank 8# di 15
Image not found
Rank 9# di 15

IL TEMPIO DEL BENESSERE DI SPENNATO EMANUELA & CO SAS

Indirizzo: , V. MASSIMO D'AZEGLIO
Telefono: 0833082428
Rank 10# di 15
AttractionList-GetPartialView = 0,1871788
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010008
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Ugento
GuideList-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008