×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Strà: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

La riviera del Brenta ha inizio proprio presso Stra, dove il fiume si biforca, seguendo ad ovest il canale artificiale opera dell’ingegneria idraulica della Serenissima per evitare che i detriti portati verso la laguna dal fiume ne causassero l’interramento. Ciò che più conta ai fini turistici, sono le numerose ville che vi si trovano, la maggiormente nota delle quali è sicuramente villa Pisani ora Nazionale, che per la grandiosità d’impianto e l’epoca tarda della costruzione (1735), può considerarsi il culmine decadente della “cultura di villa”. Numerosi personaggi storici ne ebbero il possesso: dal doge Alvise Pisani che ne commissionò la realizzazione, a Napoleone Bonaparte, che, ne fece dono al viceré Eugenio Beauharnais; la villa fu poi proprietà degli Asburgo, dei Savoia, e nel 1934 vide nei suoi saloni il primo incontro di Mussolini con Hitler. La villa è oggi patrimonio del demanio. Ottimo esempio di “revival” palladiano, la villa è caratterizzata una grande balconata nel corpo centrale, da cui partono semicolonne corinzie a sostegno del cornicione, del timpano e di statue. All’interno, nel maestoso salone da ballo a doppia altezza, affreschi di Giambattista Tiepolo ( Gloria di casa Pisani ) e del figlio Giandomenico. Il parco, è parte integrante del complesso e ne risalta la dinamica ideazione spaziale originale del Frigimelica: una vasca, costeggiata da statue inquadra prospetticamente, riassumendole, la fronte posteriore della villa, le scuderie e l’esedra terrazzata. Un labirinto in siepi, le serre, un’aranciera con statue del ‘700, le scuderie e un belvedere con vista sul canale ne completano lo spazio. Altre ville si susseguono lungo le sponde del naviglio: villa Badoer-Draghi, del ‘400; la sei-settecentesca villa Zanetti; la cinquecentesca villa Gritti. Ancora: villa Benzi, del ‘600 e villa Soranzo, con affreschi di Benedetto Caliari, fratello di quel Paolo, più noto come il Veronese. Prima di lasciare il territorio di Stra ed entrare in quello di Mira, dove s’infittisce il tessuto edilizio di ville signorili, merita ancora attenzione la villa Lazara Pisani con una torre dell’orologio dei primi del ‘700.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attrattive

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



2 risultati filtrati per:
Rank 1# di 2
5 Voti
Image not found
Rank 2# di 2
3 Voti
AttractionList-GetPartialView = 0,1562622
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Strà
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0