×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Sansepolcro: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Sansepolcro è un piccolo borgo che sorge nel cuore dell'Appennino italiano e si posiziona al confine tra la Toscana, l'Umbria e le Marche, pur appartenendo amministrativamente alla provincia di Arezzo. Un comune caratterizzato da una fortissima escursione altimetrica, si va dai 295 metri sopra il livello del mare di altitudine minima ad una massima di ben 1.384 metri, e da un clima particolarmente rigido, soprattutto durante i mesi invernali.

Sansepolcro è una magnifica città d'arte, nota in tutto il mondo per avere dato i natali a Pietro di Benedetto de' Franceschi, meglio noto come Piero della Francesca, una delle personalità di maggiore spicco del Rinascimento italiano, autore di opere capaci di accogliere sia l'arte più sregolata che la geometria, dal punto di vista formale, sia la teologia che l'attualità più stretta, da quello contenutistico. Una città che, nonostante le sue piccole dimensioni, è caratterizzata da una quantità davvero impressionante di monumenti più che meritevoli di una visita e che, tra l'altro, hanno il merito di conservare al loro interno opere immortali di maestri sia del Rinascimento che del Manierismo, quali Matteo di Giovanni, Luca Signorelli, il Perugino ed il Rosso Fiorentino.

L'edificio più rappresentativo di Sansepolcro è la sua più importante chiesa cattolica, ovvero la Basilica Concattedrale di San Giovanni Evangelista, fondata attorno al XVI secolo sulla base di un monastero benedettino e poi modificata/restaurata a più riprese durante i secoli successivi. Un monumento con una storia importantissima, che non a caso è stato visitato da personalità eccellenti quali san Francesco d'Assisi e Papa Gregorio XII, ma anche dallo scienziato professor Antonio Zichichi e, recentemente, da Papa Benedetto XVI.

Per il resto, Sansepolcro presenta davvero decine e decine di architetture religiose eccellenti, tra le quali ci limitiamo a citare la Badia di San Bartolomeo a Succastelli, nota per la sua cripta quattrocentesca, il Convento di Montecasale, che al suo interno conserva l'impianto primitivo di uno dei più antichi conventi francescani, e l'Oratorio della Compagnia del Crocifisso, reso unico dal tempietto in pietra arenaria che custodisce al suo interno, ripreso dal modello del Santo Sepolcro di Leon Battista Alberti.

Oltre ad essere una straordinaria città d'arte, Sansepolcro è anche una straordinaria città di cultura e storia, come ben dimostrato dai suoi splendidi musei. Il Museo Civico di Sansepolcro, oltre a possedere opere eccezionali del già citato Piero della Francesca, ospita capolavori di Gerino da Pistoia, Raffaellino dal Colle e Remigio Cantagallina. Il Museo della Resistenza di Sansepolcro possiede invece diversi cimeli appartenenti al periodo della Seconda Guerra Mondiale e documenta la storia della Resistenza locale, che si oppose fortemente al nazi-fascismo. Assolutamente prestigiose anche le biblioteche comunali, come la Biblioteca Dionisio Roberti che conta circa 40.000 volumi, tra cui spiccano i fondi antichi appartenenti ai secoli XV-XVIII, mentre la Biblioteca Vescovile ne conta circa 20.000, trattanti temi quali storia, teologia, sacre scritture, letteratura italiana e molto altro.

Un altro modo per respirare a pieno la storia di Sansepolcro consiste nel prendere parte ad una delle diverse manifestazioni che toccano il comune con cadenza fossa. Quella religiosa più importante va in scena nei giorni precedenti la Domenica delle Palme, mentre, parlando di manifestazioni civili, ogni settembre vengono organizzate le Feste del Palio della Balestra, una manifestazione storica che si svolge ininterrottamente dal XV secolo e che coinvolge anche la città di Gubbio: il 1° settembre viene presentato il drappo del Palio, dopodiché vanno in scena il Palio dei Rioni, tra balestrieri di porta Fiorentina e porta Romana, ed il Palio della Balestra in Cattedrale. La seconda domenica di settembre è quella del confronto effettivo tra i balestrieri di Sansepolcro e quelli di Gubbio, che va in scena nella cornice di piazza Torre di Berta. Un'altra rassegna di cui vale la pena parlare è il Kilowatt Festival, dedicato alla scena contemporanea di teatro, danza, musica ed arti performative; a ciò si aggiungano diversi mercati e manifestazioni di carattere enogastronomico all'interno dei quali è possibile provare diversi deliziosi prodotti tipici del posto.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0156254

Attività

Attrattive

Divertimenti

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156262

Cosa vedere secondo voi



23 risultati filtrati per:
Rank 1# di 23
Rank 2# di 23
7 Voti
Rank 3# di 23
Rank 4# di 23
1 Voto
Rank 6# di 23
Rank 7# di 23
Rank 8# di 23
Rank 9# di 23
Rank 10# di 23
AttractionList-GetPartialView = 0,1718887
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0

Cosa vedere vicino a Sansepolcro

AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0156258
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Sansepolcro
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0