×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0156267
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

San Michele Mondovì: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Il centro di San Michele è caratterizzato da una sequenza di portici e da palazzi nobili in ottimo stato di conservazione. Leggermente sopraelevati si trovano la chiesa parrocchiale ed il municipio. La chiesa è dedicata a San Michele Arcangelo e sorge sui resti di una precedente del XII secolo di probabili origini longobarde. I lavori di costruzione furono avviati nel 1628 e completati negli anni successivi; sul finire del 1800 furono aggiunti il presbiterio e la nuova sacrestia e fu ristrutturato il campanile. All’interno si possono ammirare vari affreschi dedicati ai Santi Giacomo, Antonio, Sebastiano ed alla Madonna.
Queste devozioni si ritrovano in alcune cappelle lungo le principali strade di collegamento con i centri vicini: la Madonna della Neve lungo la strada per Piana Gatta (tipica costruzione quadrangolare sorta inizialmente quale riparo per il viandante o per deposito di attrezzi rurali e successivamente adibita ad uso religioso), la cappella del Buon Gesù, in direzione di Torre M.vì, i cui dipinti vengono indicati quale esempio del “rinascimento piemontese” nell’arte pittorica, la cappella di San Sebastiano, lungo il Corsaglia, i cui dipinti raffiguranti la Madonna e S. Sebastiano sono datati 1400, la cappella di San Bernardino, in direzione della Bicocca, i cui affreschi sono attribuiti al Mazzucco, pittore locale del 1400.
Oltre al capoluogo, San Michele è costituito di due frazioni San Paolo (sito a 600 m. sulla destra orografica del torrente Corsaglia) e Tetti Casotto (all’imbocco della valle solcata dal torrente Casotto).

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0
AttractionFilter-GetPartialView = 0,0156267
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



0 risultati filtrati per:
AttractionList-GetPartialView = 0,125009
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0156263
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di San Michele Mondovì
GuideList-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0