×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Rosignano Marittimo: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Rosignano Marittimo è una città dai molti simboli: le sue celebri Spiagge bianche, 4 chilometri di sabbia con un colore incredibile, il castello, la fabbrica della Solvay. Ancora oggi la città è un miscuglio interessante di industria, turismo e storia.

Il castello, che sorge su antichi resti etruschi e romani, vanta delle imponenti torri circolari medicee, con alti bastioni di difesa, e custodisce al suo interno un complesso che comprende anche la Chiesa dei Santi Giovanni Battista e Sant’Ilario e il Palazzo della Fattoria Arcivescovile.

Un altro castello da visitare, ma ben diverso dal precedente, è il Castello Pasquini nella frazione di Castiglioncello: costruito a partire dal 1889 in stile medievaleggiante, era la residenza del barone Lazzaro Patrone, e vanta anche un bel parco di impronta romantica. Oggi qui si tengono numerose manifestazioni ed eventi, visto che la struttura è passata all’amministrazione comunale di Rosignano Marittimo.

Castiglioncello è anche la frazione più dedita al turismo balneare, vista la sua posizione molto panoramica e anche un po’ isolata, lontana dalle maggiori vie di comunicazione. Qui, un tempo, venivano in vacanza anche Alberto Sordi e Marcello Mastroianni, e qui si girarono anche delle parti del celebre “Il sorpasso” di Dino Risi. A Castiglioncello ci sono da vedere anche la Torre seicentesca, che faceva parte del sistema di avvistamento del litorale livornese, la razionalista Villa Celestina e Monte Pelato, area ricca di percorsi da trekking.

La frazione più popolata di Rosignano Marittimo è comunque Rosignano Solvay, che vanta più della metà degli abitanti complessivi del comune. Qui, infatti, l’industriale Ernest Solvay all’inizio del ventesimo secolo fece costruire quella che poi sarebbe diventata la più importanta sodiera italiana, con tanto di Villaggio destinato agli impiegati dello stabilimento. In particolare, il Villaggio Solvay è una vera e propria città-giardino, con grandi spazi verdi e viali alberati, nonché numerosi edifici di primo Novecento come il Teatro Solvay, la Chiesa di Santa Teresa, il Circolo ricreativo i Canottieri. Addirittura si parla di un vero e proprio “stile Solvay” per descrivere l’architettura del Villaggio, così caratteristica: viene così chiamato per la presenza di vari tipi edilizi, molto regolari, che sono ripetuti su tutta la superficie seguendo una griglia ortogonale molto rigorosa, data dall’incrocio da Viale Ernesto Solvay, che costituisce anche l’accesso alla fabbrica, e Via Piave.

Caratteristica di questa zone è la calma e la privacy, anche per via dei tanti viali alberati. Particolarmente noto è il Circolo ricreativo I Canottieri, che porta la firma dell’architetto Italo Gamberini. Di chiara matrice razionalista, fa ricorso a materiali come il cemento, il ferro, il vetro e quasi nessuna decorazione, e come tutto il Villaggio Solvay è un esempio di grande interesse per l’architettura industriale.

A non molta distanza si trovano le famose Spiagge Bianche, tra le più note della Toscana: si tratta di quattro chilometri di litorale tra Rosignano Solvay e Vada, all’estremità settentrionale della Maremma, con una sabbia così candida da sembrare quasi tropicale. In realtà il colore deriva proprio dalla presenza del parco industriale Solvay, per via degli anni di lavorazione della soda e gli scarichi di carbonato di calcio. Si tratta di una zona ancora piuttosto inquinata ma che negli ultimi anni, vista la sua attrattiva turistica, ha compiuto importanti passi per arrivare verso una bonifica definitiva, con l’eliminazione dapprima del mercurio dal ciclo di fabbricazione Solvay (a causa della conversione dell’impianto all’elettrolisi a membrana), anche se ancora permangono scarichi di cloro.

Malgrado questo, le Spiagge Bianche rimangono tra le mete più frequentate della Regione e hanno ricevuto più volte la Bandiera Blu come riconoscimento. Di interesse è anche il cimitero di Rosignano Marittimo, che ha una bella parte storica monumentale, tra cui spiccano la Cappella Gori, dove è sepolto il celebre rivouzionario Pietro Gori.

Altra frazione importante è quella di Vada, che ospita dal punto di vista amministrativo le Spiagge Bianche, e che è caratterizzata dalla grande torre, in passato sede del faro, poi spostato nella struttura attuale al largo della costa, sulle Secche di Vada. Proprio il faro assicura una navigazione sicura ai natanti che arrivano in questa zona, dove i fondali sabbiosi hanno una profondità anche solo di 2,5 metri pur essendo situati a più di 4 miglia dalla costa. Da segnalare anche l'ottocentesca Chiesa di San Leopoldo Re con il suo campanile, il Palazzo Ducale o Palazzo del Diavolo e la villa della famiglia Tardy.

Un’area molto apprezzata dagli abitati di Rosignano Marittimo e dai turisti è quella del Monto Pelato, detto anche Poggio Pelato. Si tratta del monte più alto della zona, anche se non arriva ai 400 metri sul livello del mare; da Rosignano arriva fino a Castiglioncello, Castelnuovo della Misericordia e Nibbaia.

Qui è possibile passare belle giornate nel verde sfruttando i tanti sentieri e le strade, e vengono non di rado organizzati anche dei raduni di fuoristrada da Rosignano Solvay. In particolare, la zona è molto frequentata in tarda primavera, in occasione del ponte del 25 aprile e del primo maggio.

Per arrivare a Rosignano Marittimo basta seguire la Via Aurelia o l’autostrada A12. Le linee ferroviarie sono la Tirrenica e la Pisa-Collesalvetti-Vada, e sulla linea Roma-Livorno si trovano ben tre stazioni nel comune: quella di Rosignano, a Rosignano Solvay, quella di Castiglioncello e infine quella di Vada. Sono numerosi i porti, come il porto di Cala de’ Medici, i due porti di Castiglioncello (nord e sud), il porto del Chioma e il Porto del Circolo Canottieri Solvay.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attività

Attrattive

Divertimenti

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



29 risultati filtrati per:
Rank 1# di 29
6 Voti
Image not found
Rank 2# di 29
Rank 3# di 29
2 Voti
Rank 4# di 29
2 Voti
Rank 5# di 29
1 Voto
Rank 6# di 29
1 Voto
Rank 7# di 29
Rank 8# di 29
Rank 9# di 29
Rank 10# di 29
AttractionList-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Rosignano Marittimo
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156257
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0