×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Montagnana: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Montagnana è un piccolo comune di neanche 10.000 abitanti che sorge all'interno della Pianura Padana: formalmente all'interno della provincia di Padova, ma molto vicino sia al confine di quella di Verona che di quella di Vicenza, più precisamente nei dintorni della zona in cui scorre il fiume Fratta.

Nata come stazione di posta ai tempi dell'Impero Romano, Montagnano ha attraversato la storia fungendo principalmente da roccaforte difensiva. Col passare dei secoli ha mantenuto praticamente intatti decine di monumenti e non a caso oggi fa parte del club "I borghi più belli d'Italia", istituito nel 2001 dalla Consulta del Turismo dell'Associazione dei Comuni Italiani per salvaguardare nuclei di immenso valore culturale/artistico, purtroppo fuori dai principali circuiti turistici.

La principale attrazione di Montagnano è la sua splendida Cinta Muraria, uno degli esempi più insigni e meglio conservati di architettura militare medievale in tutta Europa. I tratti della cinta più antichi risalgono al XII secolo e alla volontà della famiglia Carrara di difendersi dalla Verona degli Scaligeri: si tratta di mura coronate da merli di tipo guelfo, alte dai 6,5 agli 8 metri, con uno spessore di 90-100 centimetri; sono inoltre intervallate da 24 torri, distanziate circa 60 metri l'una dall'altra ed alte tra i 17 ed i 19 metri. La cinta nel suo complesso racchiude un'area di circa 24 ettari e percorre un perimetro di circa 2 chilometri. L'asse principale dell'impianto urbanistico all'interno del centro murato è Via Matteotti, attorno alla quale si sviluppano i palazzi più importanti della città.

Tra questi, è assolutamente da vedere innanzitutto la Rocca degli Alberi: costruita sempre dai Carraresi tra il 1360 ed il 1362 con scopi esclusivamente militari, ospita l'ostello della gioventù dal 1964 ed oggi è visitabile nel periodo che va tra aprile ed ottobre. Parlando invece di architettura religiosa l'edificio più rappresentativo di Montagnano è senza ombra di dubbio il Duomo di Santa Maria Assunta, costruito in stile tardo gotico a partire dal 1431 (i lavori sarebbero terminati nel 1502) e reso unico da aggiunte di tipo rinascimentale. Una struttura famosa sia per la sua magnifica facciata che per gli affreschi custoditi al suo interno: tra le opere più importanti segnaliamo lavori di Paolo Veronese e Giovanni Buonconsiglio.

Proprio la Rocca degli Alberi ospita ogni anno (a partire dal 1977) il "Palio dei 10 Comuni del Montagnese", uno degli eventi più caratterizzanti del comune: si tratta di una manifestazione rievocativa che ricorda la liberazione dalla tirannide di Ezzelino III da Romano e che va in scena ogni prima domenica di settembre.

Detto ciò in realtà Montagnana è immersa in un clima medievale per tutto il mese, e viene resa ancora più speciale da rappresentazioni in costume, sfilate storiche per le vie cittadine, tenzoni tra arcieri, musici, sbandieratori e chi più ne ha più ne metta. Tra gli altri eventi da segnalare ricordiamo per lo meno "Montagnanese in Fiera", rassegna del mondo agricolo ed artigianale che va in scena agli inizi del mese di ottobre ed è caratterizzata da esposizioni varie, e la "Festa del prosciutto crudo dolce di montagnana", organizzata durante il mese di maggio: Montagnana è infatti famosa per la produzione del Prosciutto Veneto Berico-Euganeo, un preparato a base di carne a marchio DOP caratterizzato da un aroma delicato, dolce e fragrante, che si ottiene soltanto da cosce di maiali della varietà Suino Pesante Padano dell'età di almeno 9 mesi (in modo che abbiano superato i 150 chili di peso corporeo).

Tra gli altri piatti più tipici della cucina locale segnaliamo se non altro i Casunziei (delle polpette di verdure miste lessate e servite con burro fuso) ed i Baicoli (dei biscotti al forno a base di farina, zucchero, burro ed albume).

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attività

Attrattive

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



13 risultati filtrati per:
Rank 1# di 13
5 Voti
Rank 2# di 13
4 Voti
Rank 3# di 13
Rank 4# di 13
2 Voti
Rank 5# di 13
Rank 6# di 13
Rank 7# di 13
Rank 8# di 13
Image not found
Rank 9# di 13
Image not found
Rank 10# di 13

ESTETIC CENTER DI FARINAZZO PAOLA E C. S.N.C. CENTRO ESTETICO

Indirizzo: 19, V. FRASSENARA
Telefono: 0429800133
AttractionList-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0,0156249
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Montagnana
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0