×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0

Gabicce Mare: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009

Gabicce Mare è un comune della costa adriatica che si posiziona al confine tra le Marche e l'Emilia Romagna. Sorge all'interno di una splendida baia incastonata alle pendici del Monte San Bartolo (nota col nome Baia degli Angeli e situata nell'ultimo tratto del Golfo di Rimini) e presenta un panorama piuttosto variegato: si va dai sentieri collinari a splendidi strapiombi sul mare, passando per un litorale ed un porto che, durante l'ultimo secolo, hanno letteralmente fatto la fortuna della città.

La costa di Gabicce Mare è infatti tra le più competitive di tutte le Marche, grazie a circa 40 stabilimenti balneari perfettamente attrezzati per andare incontro alle esigenze più disparate: si va dall'accoglienza al relax, passando per attività ed intrattenimenti vari, dedicati sia agli adulti che ai più piccini, con particolare attenzione per le famiglie; menzione d’onore anche per la qualità delle sue acque, che si fregiano della ambita Bandiera Blu dal 1987.

Il monumento storico più famoso e rappresentativo di Gabicce si trova nell'antica località Gabicce Monte, ovvero il luogo dove sorsero i primi insediamenti della zona durante l'epoca romana: stiamo parlando della Chiesa di San Ermete che, secondo la tradizione, sarebbe stata fondata su beni donati ai monaci ravennati da un castellano con lo stesso nome del santo, attorno all'anno 775 dopo Cristo. La struttura è nota sia per la sua facciata bianca che, soprattutto, per i diversi oggetti di valore che custodisce al suo interno: dai candelieri ed i reliquiari passando per vere e proprie opere d'arte quali la Madonna del latte (proveniente dalla Chiesa della Natività di Maria, distrutta nel 1963) ed un Crocifisso ligneo databile attorno al 1300 e presumibilmente proveniente dalla famiglia Tonini di Gabicce Monte.

Detto ciò la città è comunque famosa per centinaia, se non addirittura migliaia di piccole opere d'arte diffuse in tutta Europa durante il XVI secolo. Stiamo parlando delle particolarissime ceramiche di Girolamo e Giacomo Lanfranco, due artigiani locali che furono dei veri e propri precursori nell'uso della tecnica di decorazione di ceramiche con l'oro zecchino: una pratica che li rese particolarmente famosi e che portò loro addirittura un riconoscimento ufficiale da parte del Duca Guidubaldo II Della Rovere in un editto del 1569.

Oggi è possibile osservare alcune ceramiche della bottega dei Lanfranco in diversi musei sia italiani che stranieri ed i (pochi) pezzi ancora in circolazione sono particolarmente ambiti dai collezionisti di tutto il mondo, finendo spesso e volentieri al centro di aste internazionali.

Oggi come un tempo l'artigianato è uno dei motori dell'economia di Gabicce Mare e non a caso il comune ha pensato a particolari forme di aggregazione tra imprese commerciali locali per valorizzare il proprio territorio e regalare ai turisti un'esperienza il più appagante possibile: se volete scoprire i veri prodotti del territorio non dovete fare altro che recarvi in uno dei cosiddetti "Centri Commerciali Naturali" di Gabicce, dove potrete entrare in contatto diretto con diversi produttori locali. Stando al portale del comune i più importanti centri commerciali naturali della zona sono in Via Vittorio Veneto, in Via Cesare Battisti ed in Piazza Matteotti/Piazza Unità d'Italia.

Se si parla di Natura è infine doveroso ricordare come gran parte del territorio comunale di Gabicce Mare si estenda all'interno del Parco Naturale del San Bartolo, una riserva istituita nel 1994 che copre una superficie di quasi 1600 ettari. La principale peculiarità del parco sta nelle caratteristiche del suo territorio, che possiede diverse grotte e falesie, conformazioni piuttosto rare per quello che riguarda la costa adriatica.

Un parco splendido dunque, oltre che particolarmente "famoso", se consideriamo che è stato citato addirittura da Dante Alighieri nella Divina Commedia, indicando il suo promontorio come un luogo particolarmente ventoso e, di conseguenza, pericoloso per i naviganti (Inferno XXVIII, 76-90).

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0060055

Attività

Divertimenti

Shopping

AttractionFilter-GetPartialView = 0,0090085
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



16 risultati filtrati per:
Rank 1# di 16
2 Voti
Rank 3# di 16
1 Voto
Rank 4# di 16
1 Voto
Rank 6# di 16
Rank 7# di 16
Rank 8# di 16
Rank 9# di 16
Rank 10# di 16
AttractionList-GetPartialView = 0,1641571
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0050052
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0150144
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010013

Cerca offerte a Gabicce Mare

HotelSearch-GetPartialView = 0,0100093
ItineraryListSmall-GetPartialView = 0,0020017

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Gabicce Mare
GuideList-GetPartialView = 0,0010013
JoinUs-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020016
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0