×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Barano d'Ischia: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Barano d’Ischia è un comune collinare situato nella parte sudoccidentale dell’isola di Ischia, noto soprattutto per gli splendidi panorami che da qui si possono godere sull’arcipelago delle isole Flegree e su Sant’Angelo. Barano è ancora in gran parte rurale, e l’interesse paesaggistico di questo luogo l’ha reso popolare. Nella zona del comune si possono ancora ammirare gli antichi mulini a vento, l’acquedotto dei Pilastri, la Torre dei Saraceni. Il tessuto urbano è caratterizzato soprattutto dalla presenza delle case cosiddette “a carusiello”, i tipici tetti a cupola dell’architettura ischitana comuni fino agli anni ’50. Un’operazione tipica nella costruzione era la battuta del lastricato, quando il tetto, rivestito nella sua struttura con uno strato di creta e di lapillo, veniva compresso con la calce viva per farlo diventare impermeabile, in una fase della lavorazione che vedeva coinvolto tutto il paese. Col tempo per alleviare le fatiche della battitura, che duravano tre giorni, si raccontavano filastrocche e aneddoti, e il tempo per battere veniva dettata da un tamburellista, un clarinettista e un fisarmonicista: questa modalità peculiare di costruzione ha dato poi origine alla danza popolare ischitano detta A vattut' e ll'astreche.

Il cuore del paese di Barano è la sua piazzetta, e qui si trovano le due chiese principali, cioè quella di San Sebastiano e quella di San Rocco; lo scorcio qui è molto bello, con anche palazzi del diciottesimo e del diciannovesimo secolo che decorano la piazza.

Sempre a Barano d’Ischia non mancano le spiagge suggestive come quella dei Maronti, ora dotata di strutture di ospitalità moderne e in grado di garantire il soggiorno a diversi turisti. È lunga due chilometri e si trova sul lato meridionale dell’Isola d’Ischia, il più soleggiato. L’acqua è sempre cristallina e color turchese, e passeggiando sulla spiaggia, dopo un bel bagno, si può arrivare fino alle Fumarole a Sant’Angelo. Da provare i piccoli taxi del mare che potano dalla spiaggia direttamente a Sant’Angelo e viceversa. La spiaggia dei Maronti è situata al termine della balle valle dell’Olmitello, con sorgenti d’acqua curativa.

Poi da visitare, per chi si trovasse da queste parti, località come le sorgenti di Buceto e la collina del Cretaio con l’omonima chiesetta. Pittoresco il villaggio di Testaccio, dove c’è la Torre dei Saraceni e la chiesa di San Giorgio al Testaccio. La frazione di Buonopane è ben nota per un’altra danza popolare tipica: la “ndrezzata”, di origine molto antica e che solo i più bravi danzatori sono in grado di eseguire senza errori. Davvero da non perdere la pineta di Fiaiano, piantata sull’ultima lava fuoriuscita da questa zona dell’isola d’Ischia: i pini, che sono stati piantati a metà del diciannovesimo scolo sulla lava dell’Arso, fuoriuscita nel 1301, danno un panorama del tutto particolare a questa zona dove si possono ancora vedere bellissime creste di lava che hanno ancora lo stesso aspetto di sette secoli fa. L’area del cratere dell’Arso è stata dotata anche di sentieri con percorsi ginnici, oltre a percorsi con funi e a piattaforme sugli alberi.

Anche Barano d’Ischia, come gran parte dell’isola, vanta acque curative, che spesso vengono utilizzate per trattamenti di benessere. Per la precisione si trovano a sud di Buonopane, presso la fonte di Nitrodi, già nota al tempo dei Romani per la cura delle malattie della pelle e come rimedio cosmetico. Qui vicino si trovano anche un ristorante e uno stabilimento balneare da cui si può godere una splendida vista sul mare. Il Parco termale Olympus, infine, consente di provare sul proprio corpo le qualità delle acque di questa zona, benefiche per varie parti dell’organismo e con convenienti pacchetti che uniscono il relax delle terme alla bellezza di questo mare.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0156258

Attività

Attrattive

AttractionFilter-GetPartialView = 0,0156262
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



21 risultati filtrati per:
Rank 1# di 21
Image not found
Rank 2# di 21

GIARDINI OLIMPUS

1 Voto
Indirizzo: 41, V. PROVINCIALE MARONTI
Telefono: 081990032
Rank 3# di 21
1 Voto
Rank 4# di 21
1 Voto
Rank 5# di 21
Rank 6# di 21
Rank 7# di 21
Rank 8# di 21
Rank 9# di 21
Rank 10# di 21
AttractionList-GetPartialView = 0,1718883
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0

Cosa vedere vicino a Barano d'Ischia

AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0156262
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Barano d'Ischia
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0