×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Macinaggio: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0156258

Il noto comune della Corsica settentrionale gode di un paesaggio naturale di indubbio fascino costituito da un meraviglioso scenario marittimo con lunghe distese di sabbia bianca e coste rocciose che nascondono incantevoli baie.
Benché il centro abitato di Macinaggio non sia molto grande, il paese costituisce uno dei centri abitati di maggior interesse del nord della Corsica per la bellezza dei suoi monumenti e soprattutto per il suo attrezzato porto turistico, luogo di sosta e di rifornimento in mezzo al Mediterraneo per chiunque si sposta dall’Italia alla Costa Azzurra e viceversa oppure per chi deve intraprendere un’attraversata impegnativa.

CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Macinaggio

Manuela Toscano
Livello 12     2 Trofeo   
Voto complessivo 4
Guida generale : Prima ed ultima vacanza in Corsica … sono talmente basita e sconfortata da non saper da dove iniziare. Destinazione: il famoso “dito” corso, ovvero il Capo Corso tanto strombazzato, spingendoci poi anche in diversi luoghi interni oltre che numerose “gite” a... vedi tutto Bastia ed Ajaccio. Inizierò a caso, cercando di riassumere ma toccando tutti i punti dolorosamente salienti del tour. Costo della vita: ALTISSIMO! Persino in paesucoli come Macinaggio (250 anime residenti), nell’unico “Spar” (l’equivalente dei nostri vecchi Despar) ad esempio le pesche locali costavano quasi 5 euro al chilo e l’acqua gasata in bottiglia da 1 litro Euro 3. Nei mercati e nella grande distribuzione presente solo a Bastia ed Ajaccio, pochi centesimi in meno al kg. Ho scritto “Mercati” … ho voluto essere generosa concedendo l’uso ai corsi di questo termine, decisamente improprio se si considera che talvolta abbiamo macinato centinaia di Km. (tutti di curve quindi il tempo impiegato era più triplicato rispetto alla proporzione km./tempo a cui siamo abituati) per giungere al “mercato” composto da 5-10 banchi, carissimi, piccolissimi, che vantavano questa o quella produzione artigianale… tutta da verificare. Distanza Bastia-Macinaggio: Km. 40 Tempo di percorrenza: tra i 60 ed i 75 minuti. Caffè pagato mai meno di Euro 1,30-1,50, GPL mai meno di Euro 1,10 al litro. Costo delle sistemazioni più economiche intese come le seconde case affittate dai residenti rigorosamente in nero … ad agosto mai meno di 500-700 euro a settimana (e non certo dei salottini a questo prezzo…). Costo dei treni: Bastia-Ajaccio a/r 40 euro. Panini mai meno di 5 euro. Servizi igienici: considerando che l’isola corsa è costellata di oasi protette, in tali oasi non è previsto il servizio fognario quindi … le deiezioni umane si sparpagliano open-air ovunque, con relativo spargimento di fazzolettini e carta di fortuna quindi premunitevi per tempo perché quando andrete in spiaggia nemmeno i chioschi locali attrezzati come bar-ristoranti dispongono di w.c. e se storgete la faccia o ripetete la richiesta di un w.c., vi risponderanno sgarbatamente indicandovi l’esterno e proferendo un frettoloso “dans la maqi, en pleine nature” (nella macchia mediterranea, nella natura). Quindi occhio: da qualsiasi spiaggia se vi allontanerete dalla sabbia verso la macchia mediterranea, terreno minato di deiezioni umane a profusione! Bar: non esistono i tovagliolini di carta quindi spesso vi verranno portate le consumazioni alimentari appoggiate sullo stesso tavolino dove fiumi di umanità vi hanno preceduti. E quando finirete di consumare non disporrete di nulla in cui pulirvi o asciugarvi la bocca quindi attrezzatevi in tempo oppure vi dovrete pulire sul bavero della vostra t-shirt o sul braccio. Dehor dei bar: rigorosamente obbligatori per tutti gli avventori. Nel senso che non potrete entrare nei bar e consumare al ancone poiché verrete vigorosamente sospinti verso il dehor ed esortati ad attendere che un cameriere venga al vostro tavolo. L’interno dei bar è spesso adibito a magazzino o ricovero di masserizie quindi entrandovi potrete vedere spesso un certo stato di abbandono e cose varie stipate nel locale. Panini: burro ovunque, anche nel semplice panino al prosciutto cotto. E se chiederete di farvene uno al momento e senza burro, vi risponderanno tutti NO perché vengono fatti tutti dal mattino. E vogliamo spendere qualche parola anche sulla proverbiale e confermatissima odiosità dei corsi-francesi? Ebbene nonostante molti di loro si proclamino anti-francesi, l’appartenere loro malgrado alla Francia da 250 anni (1769) ha fatto entrare nel loro DNA la stessa quota di indisponente ed insopportabile antipatia che suscitano nell’interlocutore in tempo zero dall’inizio del contatto, nonostante cerchino di camuffare ogni loro frase con un’inutile quanto falsa moltitudine di “s'il vous plaît - je vous remercie” (per cortesia – la ringrazio) in realtà traspare e trasuda ben altro. Chi non desidera insabbiarsi in spiaggia per tutta la durata della vacanza e desidera itinerare, vedere, scoprire, in Corsica non troverà pane per i propri denti poiché macinerà una serie infinita di curvosissimi chilometri per spostarsi da un paesucolo all’altro per poi trovare una chiesina o un borghetto. Non si può certo riempire una giornata con panorami una chiesa ed un borgo. Credo possa essere una buona meta solo per i camminatori poiché l’isola dispone di un bel circuito trekking a vari livelli di difficoltà, oppure per chi desidera spiaggiarsi e rimanere immobile in un luogo dai bei panorami. Le due città Bastia ed Ajaccio sono due siti iper turistici, discretamente affollati, densi di bar e ristori e con qualche sito storico da visitare. Spiagge: molte delle spiagge super descritte su guide famose ed anche su opuscoli abbelliti e forniti dagli Uffici turistici come quello di Bastia sono assolutamente sopravvalutate. Ad esempio la famosa spiaggia di Tamarone era difficilmente praticabile a causa della presenza massiccia di alghe sia stratificate sulla spiaggia, sia in mare, sia ammucchiate in alte colline accantonate nel parcheggio ed in questa situazione si trovano molte spiagge corse, visione reale taciuta dai più mentre viene propagandata quella romantica ed addolcita delle spiagge da sogno. Alghe permettendo, il mare era cristallino. Alcune spiagge semi famose erano completamente coperte di spessi strati di alghe, tanto che non si vedeva nemmeno la sabbia sottostante e da lontano le alghe potevano ingannevolmente apparire come il manto di sabbia in quanto dello stesso colore… oltre alla puzza di marcio che regna sovrana a causa della reiterata putrefazione delle alghe. Zanzare: presenti abbondantemente anche se non ovunque. Se si decide di attardarsi in spiaggia oltre l’orario canonico (oltre le 19) armarsi di potenti spray. L’unica spiaggia graziosa e praticabile, dopo averne girate e scartate decine, è stata quella di Barcaggio, attraversando un picolo guado, camminando dal parcheggio per 10 minuti per saltare la parte più sovrastata dalle alghe e dalle deiezioni delle mucche. Su questa spiaggia abbiamo apprezzato la quotidiana presenza di mucche di un vicino casaro che transitavano indisturbate su tutto il litorale, raccogliendo coccole e selfie da parte di molti turisti … Infine ma non per ultimo, vogliamo parlare della connessione internet … inesistente persino per i residenti. Ogni volta che cercavamo di venirne a capo recandoci presso le sedi dei maggiori operatori di telefonia mobile locale, persino i dipendenti scrollavano tristemente la testa pronunciando una serie infinita di “désolées” (desolato) quando cercavamo di approfondire e di cercare una soluzione temporanea al problema. Persino ad Ajaccio e Bastia in piena città il segnale era un fantasma quasi inesistente, per non parlare del resto dell’isola… settimane trascorse in quasi totale isolamento dal resto del mondo dove né Whatsapp né Sms erano contemplati e spesso anche le telefonate erano una chimera irraggiungibile. Concludo: probabilmente è solo per pochi o comunque solo per discreti camminatori o contemplatori di paesaggi, se disposti a farsi andar bene anche tutto quanto sopra.
Franca Mezzadri
Livello 11     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : Ricordo la natura rigogliosa e le barche a vela, sole caldo, colori, mare cristallino, gente genuina e dignitosa... il sentier des douaniers, piccole spiagge incontaminate, i profumi della macchia mediterranea, mucchi di alghe... cavalli in riva al mare, cene curate... vedi tutto e paesaggi selvaggi... emozioni, serenità e piacevolezza, gusto di vivere, semplicità, vita vera.
Giuditta
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : la cità bella, fortunata, tranquilla, libera, molto favorevole per godere giorni di riposo
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156258
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0