×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0,0010021

Fort Lauderdale: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0060051
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0030025

Fort Lauderdale, ormai da molti decenni una delle capitali balneari degli Stati Uniti, è il capoluogo della Contea di Broward e fa parte della grande conurbazione conosciuta come "Grande Miami". Si trova alla foce del New River, su una striscia di terra pianeggiante, non distante dalle paludi delle Everglades che possono essere raggiunte dalle spiagge in pochi minuti. Dei circa 15 chilometri di costa di Fort Lauderdale, ben 11 ospitano infatti spiagge celebri come Hollywood Beach e Fort Lauderdale Beach.

A Fort Lauderdale clima è particolarmente piacevole, a metà tra il temperato umido e il tropicale, con temperature che non scendono sotto i 15 °C neanche a gennaio e non superano i 35 °C durante la stagione calda, con pochissime piogge. L’unica eccezione sono gli uragani del Golfo del Messico che arrivano da sud fino alla Florida, lasciando spesso morte e devastazione dietro di sé.

Come testimoniano i musei della città, la zona era in passato abitata dai pellerossa, gli indiani Seminole. Il piccolo avamposto militare dei coloni bianchi venne fondato dal maggiore dell’esercito William Lauderdale nel 1838, ma fu successivamente, quando arrivò un servizio di traghetti lungo il New River, alla fine del XIX secolo, che le paludi cominciarono a trasformarsi in un insediamento; il momento della massima espansione fu però negli anni venti del Novecento, quando la Florida, con la complicità di una politica piuttosto permissiva nei confronti del gioco d’azzardo e dell’alcool, si popolò di case e residenze, superando anche la crisi della Grande Depressione grazie alla posizione strategica della città, perfetta per il controllo dei Caraibi e del Golfo del Messico. Oggi Fort Lauderdale si è affermata come uno dei più importanti centri d’America per quanto riguarda la nautica da diporto, ed è una destinazione estremamente popolare per il turismo balneare, oltre a vantare un’area metropolitana sui due milioni di abitanti.

L’economia di Fort Lauderdale è progressivamente cambiata anno dopo anno; in particolare, fino agli anni Ottanta del XX secolo la città era una delle indiscusse capitali dello spring break, la pausa delle lezioni tipica dei licei e dei college americani. Negli ultimi anni, anche a causa delle leggi più restrittive che sono state promulgate, nel tentativo di frenare gli eccessi dei visitatori più giovani (tanto che colloquialmente veniva chiamata anche "Fort Liquordale"), Fort Lauderdale ha cominciato ad attirare turisti più ricchi e anziani, pur mantenendo un’anima chiaramente giovanile, come si può notare passeggiando per le affollate strade di Las Olas e del downtown.

I visitatori più anziani arrivano soprattutto in inverno, approfittando del clima eccellente (e vengono detti "snowbird", cioè uccelli migratori, proprio per la loro abitudine di passare la stagione più fredda tra le spiagge e i lidi dell’assolata Florida). In particolare, Fort Lauderdale è una destinazione molto popolare per chi possiede uno yacht o una barca a vela, viste le decine di ormeggi e di porticcioli che si trovano lungo il litorale. Questa attività non ha fatto altro che sviluppare, di conseguenza, una serie di industrie collaterali, prime tra tutte quelle legate alla manutenzione delle imbarcazioni, più di 100.000 posti di lavoro, con 42.000 barche e la più grande fiera nautica del pianeta, il Fort Lauderdale International Boat Show, che da solo porta 125.000 visitatori in città.

Fort Lauderdale vanta anche un enorme centro per convention di più di 50.000 metri quadrati, e circa un terzo dei 10 milioni di turisti annuali della città si reca qui proprio per partecipare agli eventi allestiti all'interno di questa struttura.

In questa zona della Florida, come del resto Miami, il boom immobiliare è stato particolarmente intenso, e oggi quasi non si contano le nuove costruzioni residenziali e gli hotel, oltre a centri commerciali di ogni dimensione. Da ricordare anche che Fort Lauderdale è una delle capitali del turismo omosessuale negli Stati Uniti.

Per quanto riguarda la proposta gastronomica, Fort Lauderdale offre molte opportunità, tenendo conto che i ristoranti sono circa 4.000, di tutte le tradizioni culinarie: vanno sempre molto forte i ristoranti con pesce freschissimo, considerando l’ottima materia prima di cui abbonda sia il Golfo del Messico che l’Oceano Atlantico, i ristoranti orientali, quelli italiani e le classiche "steak house" dove si possono gustare le più note specialità di carne degli Stati Uniti.

Una curiosità su Fort Lauderdale: qui ha sede la James Randi Educational Foundation, una delle più note associazioni per la lotta alle pseudoscienze e alla superstizione. Anche l’attività sportiva professionale attira migliaia di fan: da Fort Lauderdale arriva una celebre squadra di hockey, i Florida Panthers, e un importante club calcistico, i Fort Lauderdale Strikers, che nelle loro fila hanno potuto contare su campioni come la leggenda George Best e Gerd Müller.

Una delle maggiori attrazioni turistiche di Fort Lauderdale rimane il celebre Parco delle Everglades, l’area naturale protetta raggiungibile in pochi minuti dalle spiagge della città e che ospita un ecosistema paludoso tutto particolare, con i "fiumi d’erba" e la presenza di alligatori e coccodrilli, oltre a lamantini e uccelli acquatici di ogni genere, per non parlare delle splendide specie di orchidee. La zona è ricchissima di punti di osservazione ma richiede una guida esperta perché i pericoli, soprattutto per via dei feroci rettili, sono dietro l’angolo. Una caratterstica poco gradevole della zona di Fort Lauderdale è invece costituita dalla cosiddetta Osborne Reef, una diga artificiale realizzata con pneumatici usati che si è rivelata un autentico disastro ambientale, e ancora oggi parecchie gomme arrivano sulla spiaggia, in particolar modo durante i frequenti uragani che colpiscono questa zona.

Prefisso:
0754
Fuso Orario:
UTC+-5
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0140136
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010009

Recensioni Fort Lauderdale

GIANCARLO PAESANI
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Viene considerata la Venezia D'America, anche se non ha nulla a che vedere con la Venezie italiana. Siamo comunque in Florida e la città vi farà impazzire. Non dista molto da Miami.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0110106

Destinazioni vicine a Fort Lauderdale

Fort Myers, Bradenton
DestinationListNear-GetPartialView = 0,007006
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Fort Lauderdale

HotelSearch-GetPartialView = 0,0110106
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0020017
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0260251
JoinUs-GetPartialView = 0,0010009
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,018017
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
Footer-GetPartialView = 0,0020021
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008