×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Wellington: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Wellington è la capitale della Nuova Zelanda, situata nella punta meridionale dell’isola settentrionale della nazione, è la capitale più meridionale del pianeta e anche allo stesso tempo la più remota.

Molto interessante è la storia del suo nome; fu chiamata anticamente dai maori Te Whanga nui a Tara, ovvero “il grande porto di Tara”, mentre il nome inglese fu inizialmente Port Nicholson, e in un secondo momento cambiato in Wellington, in onore del duca di Wellington, vincitore della battaglia di Waterloo.

Il territorio di Wellington conta inoltre tre isole "secondarie", ovvero Matiu, Makaro e Mokopuna. Questa zona nel lontano 1848 ha subito una serie di gravi danni a causa di terremoto che trasformò interamente l’area intorno al porto in una palude. Secondo l’antica leggenda il grande navigatore polinesiano Kupe nel X secolo scoprì ed esplorò la zona intorno alla quale sorge la città.

Nel 1865 Wellington divenne la capitale della Nuova Zelanda. Nel corso degli anni è diventata la sede di una serie di eventi culturali, spettacoli e concerti molto importanti e rinomati anche a livello internazionale. Tra le più importanti e suggestive troviamo la biennale del New Zeland International Arts Festival, il Jazz festival of Wellington e grandi e rinomati eventi come il Brancott World of Wearable, il Cuba Street Festival, il New Zeland Sevens Weekend and Parade. Wellington è inoltre la sede della New Zealand Symphony Orchestra e del New Zeland Royal Ballet.

Città molto rinomata, Wellington è stata il set cinematografico di film molto importanti, tra i quali ricordiamo in particolar modo il Signore degli Anelli, King Kong e Avatar; proprio in questo senso, il celebre regista Peter Jackson ha descritto Wellington come un posto incantevole e meraviglioso, circondato da colline mozzafiato.

Molto importante e sempre più in espansione a Wellington è il settore delle navi da crociera, in linea con lo sviluppo nazionale. Dal punto di vista culturale e scolastico, la città offre inoltre una delle Università più prestigiose e importanti della Nuova Zelanda, ovvero la Victoria University of Wellington.

Il mondo dello sport è molto sentito e vissuto, in particolar modo il rugby al quale da sempre i neozelandesi sono molto legati, tanto da considerare degna di nota la presenza in questa città di Umberto Calcinai allenatore e rugbista nato e cresciuto in questa città. Si ricorda poi il rugbista degli All Black Julian Savea, così come Ardie Savea.

Uno dei modi migliori per scoprire questa meravigliosa città è anche assaggiare e degustare i prodotti tipici locali; ci sono moltissimi ristoranti che offrono dell’ottima cucina tipica. La cucina neozelandese deriva principalmente dalla cucina inglese, che ben si integra con le tradizioni maori e gli altri prodotti, il menù tipico si basa fondamentalmente sulla carne accompagnata con la kumara, una sorta di patata dolce molto buona e saporita.

Ciò che risulta a noi particolare è che anche la colazione è a base di carne, con salsiccia e uova oppure con toast ed insaccati. Non si può perdere tuttavia di assaggiare il piatto maori per eccellenza, simbolo della cultura enogastronomica locale, ovvero l’hangi: carne e verdura cotta al vapore in una buca scavata nel terreno e ricoperta da un’asse di legno.

La selvaggina anche è molto rinomata, mentre tra i frutti del mare non mancano anguille, aragoste e kingfish. Tra i piatti di pesce da non perdere anche le cozze verdi, le frittelle di abalone o orecchie di mare. Gli amanti delle ostriche non possono perdere di assaggiare la superba varietà di frutti di mare neozelandese.

Per i più golosi sono numerosi i dolci: dall'lìafghan, ovvero un biscotto al cioccolato, all’hokey pokey (un gelato con pezzi di zucchero caramellato). La produzione vitivinicola neozelandese è molto ricca, così come la produzione di fritta, soprattutto kiwi e albicocche; proprio con il kiwi viene prodotto un ottimo liquore e altre varietà di vino "aromatizzato".

Fuso Orario:
UTC+12
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Wellington

Michele
Voto complessivo 9
Guida generale : La città venne chiamata dai maori con il nome di "Te Whanganui-a-Tara" ("il grande porto di Tara"), mentre il nome attuale fu dato dagli inglesi, i quali prima la chiamarono Port Nicholson e successivamente la battezzarono in "Wellington" in onore... vedi tutto del duca di Wellington, vincitore della battaglia di Waterloo. Wellington è situata sulla punta sud-occidentale dell'isola del Nord e si trova tra lo Stretto di Cook e la zona di Rimutaka. È la città capitale più meridionale del mondo, ed è nel contempo anche la più remota capitale poiché lontana da qualsiasi altra. L'area urbana di Wellington è il centro principale del sud dell’Isola del Nord, ed è il capoluogo della Regione di Wellington, che oltre alla zona urbana copre la costa Kapiti e Wairarapa. La zona metropolitana della città comprende quattro quartieri: "Wellington City", sulla penisola tra lo stretto di Cook ed il porto, "Porirua City", a nord, "Lower Hutt City" e Upper Hutt City. Il clima è generalmente moderato per tutto l’anno. Raramente si superano i 25 °C, mentre la minima è intorno ai 4 °C. I record della più alta e della più bassa temperatura registrata in città rispettivamente è di: 31,1 °C e di -1,9 °C. La città in media ha 2025 ore (169 giorni circa) di sole all’anno; ed è molto ventosa, con un piovosità media annua di 1249 mm. Giugno e luglio sono i mesi più piovosi e freddi. La neve è molto rara. Nel 2008, Wellington è stata classificata come una città gamma secondo il gruppo di studio del "Globalization and World Cities" (GaWC). Nel 2010, l’indagine di Mercer ha classificato la città al 12º posto su scala mondiale. Nel 2011, Lonely Planet, ha conferito a Wellington il titolo di “più piccola capitale cool del mondo”, ed inoltre è al quarto posto tra le “Top 10 Cities to Visit in 2011”. Wellington presenta una varietà di stili architettonici. Casette di legno del XIX secolo, come Italianate Katherine Mansfield Birthplace; strutture in Art Deco, situate nel vecchio quartiere del Wellington Free Ambulance come il Central Fire Station, la Fountain Court Apartments, la City Gallery, e il Former Post and Telegraph Building. Sono presenti anche strutture dalle forme e dai colori vivaci nel CBD, ove si trova l’edificio più alto, il Majestic Centre, sulla Willis Street, con 116 metri d’altezza. L’edificio più antico è del 1858, ovvero la Casa Coloniale a Mount Cook. Old Saint Paul's è un esempio del XIX secolo di architettura Gothic Revival, adattate alle condizioni coloniali e materiali come Saint Mary of the Angels. Il Museum of Wellington City & Seabuilding e il Bond Store sono dello stile del secondo impero francese; il Wellington Harbour Board Wharf Office Building è del tardo classico inglese. Il centro della città è compatto, e offre una serie di locali notturni, cafè, zone turistiche ed arte contemporanea. È un importante centro per la produzione cinematografica, e per il teatro. Si pone sempre in alto, nelle classifiche mondiali, tra le città che hanno una buona qualità della vita. Tra le città della regione Asia-Pacifico, Wellington è al terzo posto (2009) dietro ad Auckland, e Sydney. Negli ultimi anni, la città è diventata molto conveniente, in termini del costo della vita, passando dal 93º posto (più costoso) al 139º posto (meno costoso) tra le altre città del mondo. Ha un reddito medio molto superiore alla media del paese, e una percentuale molto più alta di persone che lavorano nel settore terziario. Wellington possiede un pittoresco porto naturale, e verdi colline circostanti adornate di ville coloniali. Sono presenti inoltre oltre 500 km² di parchi regionali e foreste. Il Central Business District si trova a ridosso di Lambton Harbour. A Wellington, la cultura del caffè è preminente. I ristoranti offrono una grande varietà di cucine, da quella Europea a quella Asiatica, a quella Polinesiana in modo particolare. Tra i piatti che spiccano tra la cultura neozelandese ci sono: l’agnello, il maiale, il cervo, il salmone, i gamberi, le ostriche, le cozze, le capesante, pipis e tuatua (frutti di mare della Nuova Zelanda), la kumara (patata dolce), il kiwi, il tamarillo, e il dolce nazionale chiamato “Pavlova”.
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Wellington presenta una costruzione urbanistica atipica. Intorno al nucleo originario dell’antica cittadina agricola e del suo porto, sono sorti numerosi villaggi che invece di inglobarsi durante lo sviluppo urbanistico della città, hanno mantenuto una posizione ... vedi tutto distinta, rendendone l’aspetto complessivo anomalo ma estremamente gradevole. La zona centrale di Wellington, racchiude la maggior parte degli edifici storici della città, sorti per lo più nel periodo vittoriano. Partendo dalla zona del porto, che è anche la zona degli uffici amministrativi e delle strutture governative, si incontrano l’Old Government Buildings, una enorme struttura in legno che fu sede del governo neozelandese fino al 1917 ed ora occupati dalla Law School Victoria University; la Cathedral Church of St. Paul, importante esempio di neogotico coloniale; la Wellington Cathedral of St. Paul, completata solo nel 1998 in uno stile neoromanico e il Parliament Buildings, in stile edoardiano, l’attuale sede del Parlamento Neozelandese. La zona del porto è anche quella più ricca di musei e di teatri. Il Museum of Wellington, City and Sea, illustra la storia della città, soprattutto del suo passato marittimo; il Museum of New Zealand Te Papa Tongarewa, testimonia la storia dei maori raccontata attraverso manufatti, oggetti artistici e comuni e grazie all’ausilio delle sale interattive; la Town Hall è il teatro cittadino con un severo colonnato in stile romano, che ospita le più prestigiose compagnie internazionali. I dintorni di Wellington offrono la possibilità di praticare molte attività ricreative e di svago. Le spiagge di Porirua sono famose per i forti venti che permettono di cimentarsi con la vela e il windsurf; l’isola di Paraparaumu è una splendida riserva naturale dove è possibile ammirare in libertà rari esemplari di avifauna;le cittadine di Featherston, Martinborogh e Masternon sono le mete ideali per una escursione di un giorno, capaci di evocare il suggestivo fascino delle antiche comunità rurali ed agricole della zona. Dalla parte opposta della baia di Wellington si erge l’Egmont National Park, con il maestoso vulcano Taranaki, la cui vetta, perennemente innevata è una meta ideale per gli amanti delle escursioni in montagna e per lo sci alpino.
igygggvghv
Voto complessivo 4
Guida generale : ogouyguyguyfuyfv
Diana Arecco
Livello 44     7 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : Una città molto vivibile, meno caotica delle nostre. Poi è esattamente agli antipodi dell'Italia.
vanessa
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : fantastica come tutto quello che c'è intorno
lucia gazzola
Livello 11     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : Wellington è la capitale della Nuova Zelanda. Una città sul mare con bei musei (es. Te papa) gratis da visitare, tanti ristoranti, locali e tanta natura. se si è fortunati in città si possono vedere: pinguini, delfini, orche e foche.... vedi tutto Consiglio una buona colazione al chocolate fish dopo il tour in macchina delle baie della città.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0