×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0156253
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Castello di Belriguardo a Voghiera  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Valutazione Generale
  
Rank 1# di 3
Numero votazioni 4
Strada Provinciale, 274

Il torrione del Castello visto da dentro il primo cortile
Uno di sei finestroni gotici che si possono ancora oggi ammirare nella prima corte del Castello di Belriguardo
Contenitore per profumi in onice, II sec. d. C., unico esemplare integro esistente al mondo.
AttractionDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0156244
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
MapSinglePin-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Castello di Belriguardo

Scrivi una recensione su Castello di Belriguardo
Livello 4     0 Trofeo   
Voto complessivo
Fatto costruire da Niccolò III d'Este nel 1435, Belriguardo è la prima residenza estiva di una signoria in Europa. In poratica si tratta del prototipo, come idea, di Versailles, dei Palazzi d'Estate degli Zar, di Venaria, di Poggio a Caiano,... vedi tutto di Castelgandolfo, della Reggia di Caserta, ecc. Oggi si può amirare solo il 60% del palazzo originario, essendo stato smontato il resto dagli Este stessi nel corso del XVII secolo. Nell'ambito delle delizie estensi, Belriguardo è oggi patrocinio dell'UNESCO. Al suo interno si trova l'omonimo Museo Civico, diviso nelle quattro sezioni: quella archeologica, con i reperti provenienti dalla vicina necropoli romana, da una villa, sempre di epoca romana, da una necropoli bizantina. Almeno due di questi reperti, un anello di ambra ed un balsamario di onice, sono pezzi unici al mondo, mentre un terzo, un diploma inciso in bronzo, è di interesse nazionale. Nella parte alta del salone si possono amirare dei travoni, ognuno dei quali è formato da sette travi incastrate tra loro senza l'uso di chiodi (travi composte), che sono il primo esempio in Europa di questo tipo di travoni e furono progettate da Leonardo da Vinci. Sullo stesso cortile si apre anche la Sala della Vigna, la sezione rinascimentale del Museo, con affreschi del XVI secolo, dipinti da DossDossi, da Gerolamo da Carpi, dal Garofalo e da Battista Dossi. Nel primo cortile invece si trovano la sezione di Arte Contemporanea, dedicata ad Giuseppe Virgili, un artista locale e di Archeologia industriale, con oggetti prodotti da fabbriche ferraresi tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX.
Livello 13     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
AttractionDetailReviewList-GetPartialView = 0

Conosci Voghiera? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Voghiera
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0156245
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0