×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0156248
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

I Balzi Rossi a Ventimiglia  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Valutazione Generale
  
Rank 3# di 29
Numero votazioni 4

AttractionDetailTopContainer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
MapSinglePin-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni I Balzi Rossi

Scrivi una recensione su I Balzi Rossi
Livello 100     7 Trofeo   
Voto complessivo
La Località dei Balzi Rossi si trova a pochi passi dalla frontiera con la Francia, tra Mentone e Ventimiglia .Si raggiunge la vecchia dogana di Ponte San Ludovico, in prossimità della Spiaggia degli Smeraldi. Il sito presenta un museo contenente... vedi tutto tutti i reperti qui ritrovati e la sua stessa ubicazione appare sorprendente. Il complesso di grotte, che si presenta a strapiombo sul mare, ha un caratteristico colore rossastro, da cui deriva il nome di BALZI ROSSI. La storia e le testimonianze giunte a noi da questo luogo hanno origini lontanissime: I primi lavori di scavo eseguiti con un certo rigore scientifico, furono effettuati dal Principe di Monaco Florestano I ne1 1846 che raccolse resti scheletrici di animali poi inviati a Parigi. Successivamente, nel 1854, lo scienziato francese GRAND effettuò scavi e ricerche rinvenendo importanti relitti paleontologici. Altri ancora, come lo svizzero FOREL nel 1858, PERES e GENY dal 1862 al 1871, MOGGRlDGE nel 1864, CHANTRE e BROCA nel 1868, proseguirono nei lavori di scavo. Nel 1870 EMILIO RIVIERE continuo l’esplorazione. I suoi lavori portarono a scoperte molto interessanti tra cui il ritrovamento di scheletri umani completi. Nel 1883 il prof. LEONE ORSlNI di Ventimiglia compie esplorazioni nella BARMA GRANDE e deposita il materiale raccolto presso il Museo Geologico di Genova. I ritrovamenti dei vari reperti stratificatisi nel tempo fanno compiere al visitatore un viaggio nell era preistorica sino ai ritrovamenti umani dell uomo di cro-magnon. Le principali grotte sono la BARMA GRANDE, LA GROTTA DEL PRINCIPE, LA GROTTA DEI FANCIULLI, LA GROTTA DEL CAVIGLIONE, LA GROTTA DI FLORISTANO. Nei pressi del complesso ha inizio un sentiero che costeggia il mare e la ferrovia dal quale sono raggiungibili piccole spiagge e calette naturali. Una semplice e affascinante escursione.
Livello 12     1 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo
In riva al mare, un unicum di piccolo parco preistorico con alte grotte e il museo.
Livello 12     1 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
AttractionDetailReviewList-GetPartialView = 0

Conosci Ventimiglia? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Ventimiglia
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0