×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0

Torre Pellice: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0010013

Il centro di Torre Pellice dista da Torino 51 chilometri e si trova nell'omonima vallata ad est del capoluogo. Sulla sommità della borgata Ruà è presente un belvedere da cui si gode del panorama dell'intera vallata.



Nel passato venne dominato dai Savoia, ma fin dal XII-XIII secolo vi si rifugiarono i Valdesi che ne fecero un loro centro nevralgico. Oggi la contrada valdese, un tempo quasi un ghetto, è un villaggio storico ricostruito nel secolo scorso. 



Oggi è un centro industriale e di soggiorno sia estivo che invernale; la sua posizione è tra i due torrenti Angrogna e Pèllice e dominato dal molte Vandalino.



E' famosa per essere il centro principale della chiesa valdese.

Prefisso:
0121
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
torresi
Patrono:
San Martino
Giorno Festivo:
11 novembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010009

Recensioni Torre Pellice

Barbara Vola
Livello 15     1 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Torre Pellice, centro religioso delle Chiese Evangeliche Valdesi, definita da Edmondo De Amicis “la Ginevra italiana”, sorge alla confluenza del torrente Angrogna con il Pellice, nel cuore di una valle ricca di storia, di tradizioni, di arte e di cultura. Conta... vedi tutto 4555 abitanti e ha circa 1000 anni di storia. Luogo ideale per escursionisti e appassionati di montagna, che in poco tempo possono raggiungere i rifugi alpini e le vette circostanti, vanta anche una varia e apprezzata tradizione gastronomica. Ricca di musei, biblioteche, archivi storici, gallerie d’arte moderna, è secolare meta del turismo storico, religioso e culturale. Non mancano gli impianti sportivi e un palazzo del ghiaccio di recente costruzione. Torre Pellice ha infatti una lunga tradizione sportiva di hockey sul ghiaccio ed è stata scelta come sede di allenamento dell’area metropolitana alle Olimpiadi Invernali del 2006 e come sede di gare per i Mondiali Under 21 e le Universiadi di Torino 2007. Il “quartiere valdese”, costruito intorno a via Beckwith, comprende una serie di edifici storici. Procedendo dall’incrocio delle strade Beckwith, D’Azeglio e Pietro Valdo, sulla destra troviamo: ¦la Casa Valdese, costruita in occasione del duecentesimo anniversario del Glorioso rimpatrio, nel 1889, ha al piano terra l’aula sinodale dove ogni anno si riunisce in assemblea il Sinodo, massimo organo di governo della Chiesa. Di particolare interesse è l’affresco realizzato dal pittore Paolo Paschetto, autore dello stemma della Repubblica Italiana. Di fronte, la sala della biblioteca, oggi usata per conferenze pubbliche, e, al primo piano, gli uffici della Tavola valdese. Nel giardino un bassorilievo in bronzo, copia del monumento al colono valdese eretto a La Paz in Uruguay, ricorda che numerosi valdesi vivono oggi nel Sud America ¦Il Tempio Nuovo, progettato su iniziativa di Beckwith nel 1853 e inaugurato il 15 giugno del 1552, è in stile romanico,con tre navate, con abside e galleria e facciata caratterizzata da due campanili laterali. ¦Accanto al Tempio vi è la Casa pastorale costruita tra il 1859 e il 1861. ¦Le ex Case dei professori, cottage con giardinetto di chiara architettura anglosassone, residenze degli insegnanti del collegio valdese che svolsero un ruolo importante nella vita culturale di Torre e della Valle tutta. ¦Di fronte si trova la Casa Unionista che fu sede dell’UCDG (Unione cristiana delle giovani) che nell’ottocento svolse un’opera fondamentale di formazione culturale con l’organizzazione di conferenze e dibattiti ¦Accanto, scendendo per via Beckwuith, c’è un edificio progettato nel 1922 come orfanatrofio per i figli dei caduti nella guerra del 1915-18. Ristrutturato nel 1989 , in occasione del terzo centenario del Rimpatrio, ospita oggi gli uffici del Centro Culturale Valdese, il Museo storico, il Museo etnografico, l’Archivio storico e quello fotografico, nonché la Biblioteca e la sede della Società di studi valdesi, punti di riferimento per lo studio della storia valdese e del protestantesimo italiano. Il percorso espositivo dell’edificio comprende anche lacollezione permanente delle opere del pittore Paolo Paschetto e la collezione archeologica Ippolito. La Fondazione Centro Culturale Valdese e la Società di Studi Valdesi svolgono anche attività culturali ed editoriali. ¦Subito dopo si,trova il Collegio valdese, oggi liceo europeo ad indirizzo linguistico. Fu eretto nel 1832 su intervento del canonico Gilly per preparare i giovani valdesi destinati a proseguire i loro studi superiori all’estero.
Barbara Vola
Livello 15     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : Torre Pellice deve il nome alla torre edificata sulla collina, oggi detta del Forte, intorno all’anno Mille. La storia di Torre Pellice, dal XIII secolo feudo dei Rorenghi, un ramo della famiglia dei Conti di Luserna, è strettamente legata alle vicende... vedi tutto della valle e del popolo valdese. Già agli inizi del XIII sec abbiamo testimonianza dell’esistenza in valle di numerose famiglie aderenti al movimento valdese, sorto in Francia nel XII secolo ad opera di Pietro Valdo. Con l’adesione dei Valdesi alla Riforma Protestante (1532), il territorio diviene luogo di scambi religiosi e culturali a livello europeo. Dal XVI al XIX secolo Torre è pesantemente colpita dalle persecuzioni antivaldesi. Particolarmente cruente quelle del 1655, ricordate come Pasque Piemontesi, quando le armate dei Savoia saccheggiano il paese (su 295 famiglie, 279 sono valdesi) e quelle del 1686 dopo la firma, da parte del duca Vittorio Amedeo II, dell'editto di Fontainebleu (a seguito della revoca dell'Editto di Nantes); il duca impone l'espatrio o il massacro: i seguaci di Valdo decidono di restare e organizzano la difesa (21 aprile - 15 maggio) contro 8500 soldati savoiardi e francesi. A settembre i Savoia sono costretti a scendere a patti con i ribelli concedendo l’espatrio in Svizzera. Ma il desiderio dei Valdei è quello di tornare nelle Valli; “Il Glorioso rimpatrio” avviene tra il 1689 e il 1690, grazie al pastore Enrico Arnaud. Nella seconda metà del XVIII secolo ha inizio il processo di industrializzazione. Sotto il dominio napoleonico cessa ogni forma di discriminazione religiosa, Torre Pellice diventa un importante centro di cultura. Dopo la caduta di Napoleone (1815) tornano tempi difficili per i valdesi, ma finalmente, il 17 febbraio 1848, re Carlo Alberto firma le "Lettere patenti" con le quali si concede ai Valdesi la libertà civile e politica; seguono grandi feste nelle valli e da allora ogni anno, la sera del 16 febbraio, le montagne delle Valli valdesi si illuminano di falò per ricordare la raggiunta libertà. L'Ottocento vede in Torre il consolidarsi dell'industrializzazione, con un deciso aumento demografico: da 2343 abitanti nel 1819, a 6000 agli inizi del 1900. Il paese si espande sul territorio, crescono anche le attività commerciali. Nel 1882 viene realizzata il collegamento ferroviario Pinerolo-Torre Pellice. L'industrializzazione ha conseguenze anche nel tessuto sociale; il ceto operaio è numeroso e ben organizzato. Nel 1920 nasce a Torre la prima sezione del Partito fascista e nel 1926 il Consiglio Comunale è costretto a dare le dimissioni. Ma i cittadini di Torre e della Valle sono prevalentemente antifascisti ed hanno modo di dimostrarlo durante la Resistenza. Tra il 1940 e i 1942 un gruppo di giovani studenti, operai e contadini di orientamento antifascista, si riunisce periodicamente ed entra in contatto con ambienti antifascisti di Torino e di Milano. A poche ore dall’annuncio dell’armistizio nascono i primi nuclei partigiani, viene così scritta un’altra pagina gloriosa della storia valligiana, coerente con lo spirito di libertà e di democrazia che ha sempre contraddistinto la comunità locale. Oggi la cittadina, definita da Edmondo De Amicis la “Ginevra Italiana”, è una realtà dinamica e di forte interesse turistico che eccelle per le attrattive naturali, storiche, culturali, artistiche, culinarie e sportive.
Sergio Rivoir
Voto complessivo 3
Guida generale : Ci sono nato. Ho studiato in gioventù al collegio, durante le scuole medie. Ho avuto un grande maestro,Lorenzo Bein, che ha posto la base per la mia esistenza, gli sono riconoscente. Sergio Rivoir
Luciano Lovera Lovera
Livello 20     3 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici
Voto complessivo 6
Guida generale : Centro splendido per passeggiate anche impegnative ma non alpinistiche; no arte. Senza macchina ci si fa ben poco.
Da non perdere Vaccera , Conca del Pra , Conca del Barbara
mario borno
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Da solo
Voto complessivo 7
Guida generale : Paradiso x le camminate, da visitare i luoghi storici valdesi con ampie possibilità di pernottamento gustando le prelibatezze del luogo. Da Torino dista 50 km comodo sia in treno che in autostrada fino a Pinerolo poi provinciale. Valle corta appena... vedi tutto 15 km in linea d'aria.
Enzo Negrin Negrin
Livello 18     1 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 7
Guida generale : Ricca di storia e tradizioni, vicina a Torino, organizza molte attività su due fronti, quello laico e quello religioso valdese. Ciò permette una gamma ampia di attrattive e permette ai turisti una rosa di scelte non usuale per i comuni... vedi tutto montani come Torre Pellice. Ottimi i prodotti locali tra cui spicca il famoso Saras del Fen, ricotta stagionata.
Da non perdere Fondazione Centro Culturale Valdese , Itinerari montani , Ristoranti locali
Voto complessivo 8
Guida generale : Ci si invecchia egregiamente!
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0

Destinazioni vicine a Torre Pellice

DestinationListNear-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010009

Cosa visitare

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0

Meteo Torre Pellice

Poco nuvoloso
4 °
Min 2° Max 8°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0