×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Monasterolo Casotto: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
DestionationGallery-GetPartialView = 0,003003
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,003003

Un’antica iscrizione ritrovata presso la chiesa di San Colombano attribuisce origini romane al piccolo comune di Monasterolo Casotto, il cui nome va comunque attribuito ad un monastero di frati Benedettini che qui si insediarono nel XII secolo.
L’aggiunta di “Casotto”, dal nome del torrente che ne solca la valle, risale al 1862, quando un Regio decreto concesse ai Comuni della Provincia di Cuneo la facoltà di adottare un nuovo nome.
In quell’occasione venne anche adottato un nuovo stemma che raffigura una chiesa addossata ad un monastero su cui si erge una torre bianca, contornati da due rami di agrifoglio.
La storia di Monasterolo Casotto vede passarne la proprietà dal Conte di Bredolo a quello di Alba ed al Marchese di Ceva (su disposizione del Marchese Bonifacio di Savona che aveva diviso gli stati nel 1142). I Signori di Monasterolo abitarono il Castello, ormai distrutto, presso il torrente Feia, castello che fu sede di dazio e di giustizia durante la sanguinosa “Guerra del Sale”.
I territori furono contesi fra il Marchese di Ceva e la corte Sabauda, dopodichè anche gli abitanti di Monasterolo parteciparono alle varie guerre di liberazione che interessarono il Piemonte prima e l’Italia in seguito con i conflitti mondiali.
Durante il regime fascista il Comune fu annesso a quello di San Michele Mondovì fino al 1947, quando gli fu nuovamente riconosciuta l’autonomia.

Prefisso:
0174
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
Monasterolesi
Patrono:
San Giacomo
Giorno Festivo:
25 luglio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0040034
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Monasterolo Casotto

Stefano P
Livello 100     1 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Monasterolo Casotto, in provincia di Cuneo, risulta attualmente diviso in due parti. La borgata Sottana e quella Soprana a 824 m. La Chiesa parrocchiale è dedicata ai Santi Giacomo e Giovanni e mantiene la campana che era stata della chiesa... vedi tutto di San Bernardo, ex chiesa parrocchiale. Su un’altura oltre la borgata Soprana è invece situato il Santuario di San Colombano, costruito intorno al 1000 dai monaci benedettini. La chiesa attuale è formata da due corpi di epoca differente mentre all’interno sono ancora visibili opere ex voto a testimonianza della devozione al Santo. Per gli amanti della buona cucina, segnalo la qualità di due dei prodotti tipici: dolci e formaggi.
Da non perdere Dolci e formaggi , Chiesa parrocchiale SS. Giacomo e Giovanni
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0100093

Destinazioni vicine a Monasterolo Casotto

DestinationListNear-GetPartialView = 0,0610589
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Cerca offerte a Monasterolo Casotto

HotelSearch-GetPartialView = 0,0100098
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010008
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0040038
JoinUs-GetPartialView = 0,0020022

Meteo Monasterolo Casotto

Poco nuvoloso
4 °
Min 4° Max 8°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0230217
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008