×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020025
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010004
AdvValica-GetPartialView = 0

Dego: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
DestionationGallery-GetPartialView = 0,003003
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0040038

Borgo di antica origine, Dego fu possesso di Bonifacio Del Vasto (XI secolo), passò poi ai Del Carretto (XII secolo) che lo fortificarono e ai Marchesi del Monferrato (XIV secolo). Durante il Medioevo (pare già nel XIII secolo) il paese ebbe una propria Zecca. Occupato dai Savoia nel Seicento, nel 1735 Dego venne annesso al Regno di Sardegna; nel 1796 fu teatro di una battaglia che vide l'esercito austriaco scontrarsi contro le truppe napoleoniche. Comune dell'entroterra finalese situato in una fertile pianura è caratterizzato da insediamenti sparsi che si spingono fino ai 958 m della colla Clavarezza. Già possesso dei Del Carretto di Savona, poi marchesi di Finale, subì la dominazione spagnola dal 1598 al 1713, quando fu acquistato dalla Repubblica di Genova. Le trincee di età napoleonica a Pian dei Corsi ricordano eventi della storia più recente. Poche le tracce di un ponte risalente all' epoca romana. La parrocchiale di San Nicolò, edificata nel XVIII sec. sui resti di una fabbrica duecentesca, si presenta con una vivace facciata barocca a due ordini, decorata di stucchi, e con una enorme cupola sostenuta dai pilastri laterali. Accanto ad essa si trova l'oratorio di San Carlo Borromeo. Al sec. XV appartiene la chiesa di San Sebastiano (sulla strada per Finalborgo) a tre navate e abside quadrangolare e con bel portale. Un portale rinascimentale ha pure la chiesa di San Lazzaro (sulla strada per Gorra). Negli anni '60 fu méta di diversi artisti attratti dall'estrosità e dalla bravura del pittore genovese di origine calicese, Emilio Scanavino. Il paesaggio agrario è caratterizzato dalle coltivazioni di peschi, aranci, viti e ulivi. Il turismo estivo, favorito da zone boscose, è in sviluppo.

Prefisso:
019
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
deghesi
Patrono:
Sant'Ambrogio
Giorno Festivo:
07 dicembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0029224
AdvValica-GetPartialView = 0,001004
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Dego

Attilio Brunelli
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 5
Guida generale : Cittadina tranquilla con diverse manifestazioni di spettacolo. Clima rigido d'inverno e afoso d'estate. Buoni ristoranti con prezzi bassi. Presenza di centro storico e diversi centri commerciali.
Da non perdere Ristoranti , Centro storico , Sagre estive
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0100098
DestinationListNear-GetPartialView = 0,060057
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Dego

HotelSearch-GetPartialView = 0,0100098
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010008
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0040043
JoinUs-GetPartialView = 0,0010008

Meteo Dego

Poco nuvoloso
5 °
Min 4° Max 9°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0160154
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009