×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Ercolano: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Ercolano nella sua lunga storia si è sempre affermata come una città ricca di cultura e dallo stile raffinato, adornata da antiche ville arredate con estremo gusto. Ricche famiglie, ma anche semplici viaggiatori e mercanti di passaggio, si sono fermati i questa terra incantati dalla dalle sue bellezze paesaggistiche.

Nel 1709, durante gli scavi per la creazione di un pozzo, emersero alcuni marmi pregiati, rivestimento di un antico teatro, dell’antica Resina. Tuttavia gli scavi sistematici cominciarono trent’anni dopo, per volontà di Carlo III di Borbone, che fece edificare nei suoi pressi una residenza, la Reggia di Portici.

Successivamente, lungo la strada che dalla Reggia conduce a Torre del Greco, le altre grandi famiglie della nobiltà partenopea realizzarono stupende ville residenziali, per il loro splendore la strada che le costeggiava acquisì l’appellativo di “Miglio d’Oro”. Le antiche dimore sono all’incirca 123, tutte realizzare da i migliori artisti dell’epoca (tra cui Luigi Vanvitelli e Ferdinando Fuga, Ferdinando Sanfelice, e Domenico Antonio Vaccaro).

La maggior parte hanno uno stile tardo barocco, che spesso tende al rococò, mentre qualcuna annuncia lo stile neoclassico. L’elenco comprende anche Villa Ravone, meglio conosciuta come Villa Maturi, che pur risalendo ai primi anni del secolo scorso è un edificio di grande valore storico, essendo stata la residenza dell’illustre archeologo Amedeo Maiuri.

Il complesso monumentale è attualmente location di incontri, mostre, esibizioni musicali, oltre ad essere sede per la celebrazione di matrimoni civili. Ercolano è quindi inserita a pieno titolo tra le città vesuviane, più ricche di storia, arte e bellezze naturalistiche, della Campania. Il sito archeologico di Herculaneum è una sezione aperta che ha restituito importanti ritrovamenti, anche se parte di essi restano ancora ricoperti sotto l’attuale insediamento urbano. I visitatori devono infatti scendere per ben 20 metri rispetto al piano calpestabile della nuova città, il lato positivo è che i suoi edifici sono ben conservati.

Appena prima di entrare, all’interno di un padiglione, è custodita una barca bruciata, danneggiata forse dal maremoto e dalle frane che precipitavano in mare dall’eruzione del Vesuvio nel 79 dopo Cristo. Nell’imbarcazione sono stati ritrovati 150 scheletri e diverse monete, probabilmente appartenenti ad alcuni abitanti che vi avevano cercato invano rifugio, portando con sé qualche avere. Tra i tesori restituiti dagli scavi spicca Villa dei Papiri, appartenuta alla Famiglia dei Pisoni, prende il nome dai circa mille papiri ritrovati nella ricchissima biblioteca. La villa, è stata una delle più grandi dell’antichità, cenacolo di filosofi e letterati europei. Costruita a strapiombo sul mare, con le sue stanze affrescate, e i suoi mosaici unici al mondo, è stata riportata parzialmente alla luce dopo un lungo restauro.

Tra le tante cose da vedere ad Ercolano spiccano per eleganza le antiche Domus. La Casa dei Cervi, è la dimora più elegante dell’antica Ercolano, (deve il suo nome al ritrovamento, di una statua rappresentante due cervi sbranati da un cane). Mentre la Casa dell’Atrio è costituita da un ingresso con pavimentazione in mosaico, entrambe offrono un panorama spettacolare, che affaccia sul Golfo. Vi è poi Casa di Nettuno e Anfitride, che deve il suo nome al mosaico in pasta vitrea che decora la parete orientale dell’edificio, la casa confina con un’antica bottega che conserva anfore e resti di un letto in ottone. Uno degli aspetti degni di nota del sito archeologico campano sono le case private, che hanno conservato per alcuni tratti il loro meraviglioso aspetto originale. Una delle più belle è sicuramente la Casa Sannitica risalente al II secolo avanti Cristo, situata nella zona storica della città. L’edificio vanta un ingresso decorato in stile pompeiano, con soffitto a cassettoni.

Un altro edificio degno di nota è la Casa del Tramezzo, anche questa risalente all’epoca sannitica, che conservata una mensa in marmo, cui fa da base una statuetta della divinità frigia Atthis. Di grande interesse storico anche il Museo Archeologico Virtuale (MAV), uno dei pochi presenti al mondo, vale la pena visitarlo anche solamente per poter rivivere l’eruzione che distrusse Ercolano nel 79. Il centro città è inoltre caratterizzato da diverse piazze che contengono importanti monumenti. Nella Piazzetta Santa Croce, in Via Pugliano, è posta una Croce eretta all’indomani dello scontro tra i giacobini ed i sanfedisti del 1799.

Piazza Colonna, lungo il Corso Resina, è chiamata così perché, il 21 ottobre 1861, vi era stato eretto un monumento in occasione del primo anniversario del voto con cui le province meridionali si erano unite al Regno d’Italia. Degne di nota anche la Basilica di Santa Maria a Pugliano, dell’anno Mille, la Chiesa di Sant’Agostino, capolavoro di arte barocca napoletana, e la Chiesetta di Santa Maria del Pilar del 1700.

Dedicarvi allo shopping mentre siete ad Ercolano è molto semplice, basta recarsi nelle principali vie del centro (via IV Novembre, Corso Italia, e Piazza Trieste), dove si concentrano la maggior parte degli esercizi commerciali. Famoso in tutta Italia è il Mercato di Pugliano, un luogo in cui si possono fare grandi affari, soprattutto per ciò che concerne il vestiario vintage, qui si può trovare praticamente tutto quello che si desidera, dalle pellicce, alla bigiotteria d’epoca. Nel secolo scorso molti importanti costumisti di Cinecittà si sono recati ad Ercolano per acquistare gli abiti di scena. (es: “I cento passi”, “La meglio gioventù”, “Prima dammi un bacio”). Inoltre vicino agli scavi di Ercolano si possono trovare molte bancarelle e negozi di souvenir.

Ercolano non dorme mai, le luci sulla sua affascinante storia si accendono anche di sera, infatti da maggio ai primi di ottobre, si può entrare nei parco archeologico di Ercolano, per uno speciale tour archeologico “by-night”. Per una tradizionale serata tra amici, l’ideale è recarsi nella centralissima Piazza Trieste, uno dei maggiori luoghi di ritrovo per i giovani, e cuore della movida di Ercolano. Nelle principali vie del centro (Corso Resina, Corso Garibaldi, via San Vito, via Viulo, e Piazza Matteotti) ci sono diversi disco-pub e locali notturni dove bere qualcosa in compagnia e ascoltare buona musica, per terminare la serata.

Con la tradizione enogastronomia che la contraddistingue, Ercolano non può che offrire una vasta scelta per quanto riguarda il cibo. Si può optare per le specialità di pesce, in uno dei ristoranti inseriti nella guida Michelin e ubicati all’interno delle sfarzose ville del centro (Corso Resina, via Vesuvio, via S.Vito ) oppure ordinare una pizza con il “pomodoro giallo del piennolo” in una delle pizzerie aperte da quasi cinquant’anni (in via dell’Osservatorio, via IV Novembre, via Emilio Bossa). Tutto questo ovviamente alle falde del Vesuvio, con vista panoramica.

Chi si trova ad Ercolano non deve allontanarsi molto per godere di altre bellezze naturalistiche, la prima tappa è quasi scontata, e non può che essere il Monte Vesuvio, un vulcano attivo (attualmente in stato di quiescenza) situato in Campania nel territorio dell’omonimo Parco Nazionale, dove si possono effettuare bellissime escursioni. Visitare il cratere è un’esperienza unica nel suo genere, il nome del vulcano è associato al termine “cas” che significa “risplendere, bruciare” o al nome della dea greca Vesta, divinità del fuoco e del focolare. È possibile anche recarsi presso l’Osservatorio Vesuviano, il più antico osservatorio vulcanologico del mondo, nato grazie ad un’idea di Macedonio Melloni.

Ercolano può rappresentare anche un punto di partenza per visitare il territorio campano. A poco più di 20km potete visitare Pompei, “la città eterna”, famosa per i suoi antichi scavi, ossia quel che resta della fiorente città dell’Impero romano, completamente distrutta dall’eruzione del Vesuvio del 79 dopo Cristo. A Pompei è possibile visitare anche il Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario, uno dei più importanti santuari mariani di tutto il mondo cattolico.

A metà strada tra Pompei e Ercolano, si trovano gli Scavi Archeologici di Oplonti, anch’essi seppelliti dall’eruzione del 79 dopo Cristo. Un altro splendido esempio di villa d’otium romana è Villa di Oplonti, mentre l’area archeologica di Villa Regina a Boscoreale, al contrario, offre un esempio di villa rustica.

A soli 40km di distanza vi è la città di Sorrento, conosciuta come la “terra delle sirene”, meta turistica da sempre apprezzata per le sue acque cristalline e la movimentata vita notturna. Chi decide di visitare Napoli (a soli 11km di distanza) ha solo l’imbarazzo della scelta per bellezze storiche e naturalistiche, che la città offre. Dal Museo di Capodimonte a Piazza del Plebiscito e Palazzo Reale, da Napoli Sotterranea alla Cappella San Severo (che custodisce il Cristo Velato di Giuseppe Sanmartino, datato 1753) perdendosi per gli eleganti negozi di Via Roma e i tradizionali vicoletti di Spaccanapoli.

Se si vuole visitare Ercolano nella sua interezza è consigliabile spostarsi in macchina o in taxi, in quanto i mezzi pubblici non raggiungono tutti i musei e i luoghi d’interesse. Si può raggiungere Ercolano in diversi modi, in treno: da Napoli-Piazza Garibaldi, servirsi della ferrovia EAV – Circumvesuviana linee Napoli-Sorrento o Napoli-Poggiomarino. In città si trovano due stazioni: la stazione Ercolano-Scavi, collocata nei pressi degli scavi archeologici, e la stazione Ercolano-Miglio D’oro, che consente di visitare le ville disposte lungo l’asse viario. Si può raggiungere Ercolano anche tramite la ferrovia Trenitalia, scendendo alla stazione FS di Portici-Ercolano (distanza dagli Scavi 1,6 km).

In autobus; la città è servita da diverse compagnie, il costo del biglietto varia a seconda della tratta da effettuare e dalla tipologia del biglietto (ANM - CTP). In aereo; l’aeroporto più vicino è Napoli-Capodichino, dall’Aeroporto di Napoli si può prendere un taxi oppure: autobus Alibus dall’aeroporto alla Stazione Centrale (Piazza Garibaldi), quindi treno EAV-Circumvesuviana, linee Napoli-Sorrento o Napoli-Poggiomarino. In automobile: si prende l’autostrada A3 Napoli-Reggio Calabria e si esce al casello di Ercolano. La distanza da Napoli è di circa 11 km. Dall’uscita dell’autostrada seguire le indicazioni stradali per gli scavi archeologici di Ercolano ed infine le indicazioni per il parcheggio auto del Sito.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0156258

Attività

Attrattive

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



6 risultati filtrati per:
Rank 2# di 6
6 Voti
Rank 3# di 6
Rank 5# di 6
Rank 6# di 6
AttractionList-GetPartialView = 0,1572885

Conosci Ercolano? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0,0156267
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0156263
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0625046
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156271
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionListMapMultiplePin-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0





FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Ercolano

HotelSearch-GetPartialView = 0,0156263
ItineraryListSmall-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Ercolano
GuideList-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0