×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020021
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

Borgio Verezzi: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008

Borgio Verezzi deve il nome ai due centri che lo compongono: Borgio lungo la costa (alla foce del torrente Bottassano) e Verezzi in posizione elevata (200 m.s.l.m.). A Borgio si ammira il SANTUARIO DEL BUON CONSIGLIO situato nel cimitero; la chiesa, iniziata dai monaci Benedettini intorno al IX secolo, è a tre navate e costituisce un bell'esempio di architettura romanica-gotica; all'interno vi sono ancora resti di affreschi quattrocenteschi mentre l' altare maggiore, in stile barocco, fu costruito nel 1721. Pregevole è il campanile trecentesco (iniziato nel 1076) a due ordini di bifore. La chiesa, inizialmente dedicata a S.Pietro (fino al 1808), divenne poi Oratorio di S.Stefano in quanto sede dell'omonima confraternita. Nel 1960 Giovanni XXIII eresse la Chiesa a Santuario dedicato alla Madonna del Buon Consiglio. L' attuale CHIESA DI S.PIETRO fu edificata alla fine del XVIII secolo in stile neoclassico, sull'area dove sorgeva il vecchio castello cinquecentesco costruito per la difesa dalle incursioni saracene. La parrocchia, i cui muri perimetrali sono gli stessi del 'forte', è a navata unica con sei cappelle laterali. Tra le opere più significative vi è la grande tela raffigurante S.Pietro nell'abside, il coro in legno massiccio ed un bell'organo risalente al 1890. Nelle vicinanze, ormai inglobato tra le antiche case della città, si può ancora osservare il TORRIONE, antica torre di avvistamento (1564). Percorrendo una strada a tornanti, estremamente panoramica, lunga circa quattro chilometri si giunge a Verezzi, costituito dalle quattro frazioni Poggio, Piazza, Roccaro e Crosa, le quali conservano le antiche caratteristiche ambientali e architettoniche dei piccoli borghi collinari della riviera ligure. Nella suggestiva frazione Piazza, fra antiche case di tipo mediterraneo articolate intorno alla stretta via Roma e alla PIAZZETTA S.AGOSTINO, si trovano la chiesa omonima e una bella torre difensiva rettangolare. La piazzetta, che da decenni ospita nella stagione estiva delle rappresentazioni teatrali, si apre in una bellissima terrazza panoramica sul mare. In località Crosa è situata invece la CHIESA DI S.MARTINO: eretta per volontà del popolo nel XVII secolo, la parrocchiale è a navata unica con quattro cappelle laterali di forme barocche. Si noti la grande tela nell'abside raffigurante S.Martino di Tours e il pulpito scolpito in pietra di Verezzi del 1652. A est dell'abitato, nel letto del torrente omonimo si apre la grotta di Valdemino, dovuta a un fenomeno carsico di erosione chimica e meccanica dell'acqua piovana in profondità. Esplorata per la prima volta nel 1945 e aperta la pubblico nel 1970, la grotta è ricca di concrezioni stalattitiche e stalagmitiche di particolare interesse; è suddivisa in rami (ognuno con sue peculiarità idrologiche, concrezionarie e biologiche), i quali si sviluppano per circa 5 chilometri, aperti solo agli studiosi. Ai visitatori è riservato un percorso di circa 800 metri, interessante per la ricca policromia e caratterizzato dalla grande varietà di stalattiti e stalagmiti che conferiscono all'ambiente un'atmosfera fantastica: basti ricordare il cosiddetto "Manto di S.Martino" (che richiama alla mente le movenze di un drappeggio) oppure la "Cascata", la "Lanterna", la "Pagoda", il "Busto di Papa Giovanni", alcuni esempi delle numerose e tipiche formazioni su cui ci si sofferma durante la visita. In prossimità di un laghetto, la cui origine è dovuta come per altri non alla presenza di un fiume sotterraneo bensì alla pioggia raccoltasi nei punti più bassi delle cavità, alcune colonne di origine naturale ricordano l'"ingresso di un tempio"; all'interno di questa singolare ambientazione fu collocato un Presepe dotato di illuminazione, omaggio a S.Francesco.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attività

Attrattive

Divertimenti

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0010013

Cosa vedere secondo voi



7 risultati filtrati per:
Rank 1# di 7
6 Voti
Rank 2# di 7
Rank 3# di 7
Rank 4# di 7
Image not found
Rank 5# di 7
Image not found
Rank 6# di 7

COMUNE BIBLIOTECA COMUNALE

Indirizzo: 33, V. GIACOMO MATTEOTTI
Telefono: 019612973
Image not found
Rank 7# di 7

Frumento Lorenzo

Indirizzo: 5, Via Trento E Trieste
Telefono: 019610783
AttractionList-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0010004
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010013

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Borgio Verezzi
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009