×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Parco Regionale Porto Selvaggio - Torre Uluzzo: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0312525
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Valutazione generale

7
Media
6
Ottimo
4
Buona
1
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
5
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0156262

Il parco naturale di Porto Selvaggio, steso su circa 424 ettari, si trova in provincia di Lecce, nel comune di Nardò ed è l’unico Parco Naturale attrezzato della Regione Puglia.

Una visita a Porto Selvaggio è da programmare per la sua ricca fauna e flora, dove potrete ammirare varie tipologie di uccelli che popolano questa zona verdeggiante assieme a mammiferi quali volpi, donnole e faine

Ma oltre ad essere un’oasi verde, il parco naturale di Porto Selvaggio ospita delle zone di grande interesse archeologico. Ad esempio, la baia di Uluzzo dispone di  un deposito preistorico molto conosciuto (giacimenti della Grotta del Cavallo, della Grotta di Carlo Cosma e della Grotta di Uluzzo) che hanno rivelato una frequentazione antropica dal Paleolitico (40.000 anni fa) risalente naturalmente ad un’ambientazione molto diversa da quella attuale.

Inoltre, le grotte sommerse, tra Torre dell’Alto a Torre Uluzzo, sono anche particolarmente interessanti perché anche esse erano abitate nell’era del Paleolitico, quando il livello del mare era più basso di 100 metri rispetto ai giorni nostri.

Il Parco è stato per fortuna salvato diverse volte dalla speculazione immobiliare e dal cemento. Dal  2007 è inserito nei "100 luoghi da salvare" dal Fondo per l'Ambiente Italiano (FAI).

Gestore:
Ente Parco Regionale Porto Selvaggio – Torre Uluzzo

Istituzione:
Legge regionale n.21 del 24 marzo 1980.

Tipologia dell'area:
Fascia costiera ricca di macchia mediterranea che occupa una superficie di circa 450 ettari.

Le vie d'accesso al Parco
In auto

Autostrada A/14 uscita Bari Nord e prendere la superstrada
Bari-Brindisi-Lecce-Gallipoli-Nardò.


In treno
Stazione ferroviaria di Lecce.


Contatti e info
Contattare l’ente di promozione turistica del comune di Nardò.

CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0

Le guide più popolari

21
MONUMENTI ED EDIFICI STORICI
5
SPIAGGE
3
ALTRE ATTRAZIONI
2
ITINERARI ED ESCURSIONI
1
CONSIGLI GENERICI
GuideListAggregateByDestination-GetPartialView = 0,2656466
EventListByDestination_NxN-GetPartialView = 0,12501
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Sole e Mare
Arte e cultura
Enogastronomia
Sport
Verde e natura
Mete per la famiglia
Mete romantiche
Shopping
Giovani e single
Studenti
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
DiaryListByDestination_1xN-GetPartialView = 0,7500598
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0