×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020021
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0

Larissa: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010017

Larissa ha proprio tutto, una città di mare, con spiagge ampie e pulite, e di monti, verdi e imponenti, in cui andare pure a sciare, ma anche una città elegante e animata con quella sua (ulteriore) particolarità di essere inoltre al centro di una fertilissima pianura attraversata dal fiume Pinios.

Il castello di Larissa è il suo simbolo: anche se ora ci sono rovine, la sua imponenza è un ricordo del lungo sistema difensivo che comprendeva l’antica Acropoli della città di Argos (e che comprendeva anche appunto l’antica Larissa). Un sistema difensivo che è come se fosse il libro di storia di tutto questo territorio, visto che in sé racchiude una serie di diverse fortificazioni che hanno seguito le differenti dominazioni, a partire dal VI secolo avanti Cristo. Non solo, qui sono intervenuti i Bizantini, ma anche i Francesi, i Veneziani, i Turchi. E tutti hanno documentato la loro presenza intervenendo sul manufatto.

A Larissa da vedere i resti del grande teatro che poteva contenere circa 20mila spettatori, sul versante sud della collina: dominava la città antica ed è stato costruito nella prima metà del III secolo avanti Cristo, una struttura maestosa dove si svolgevano le gare di musica e le rappresentazioni teatrali. Oggi, ristrutturato in anni recenti, viene a volte utilizzato per vari eventi culturali.

Una visita anche alla Galleria d'Arte comunale, al Museo archeologico, al Museo del folclore, il più grande di tutta la Tessaglia, nonché alla piccola Moschea di Yani, gialla e quasi inglobata nei moderni palazzi tutto intorno.

Da visitare pure la Chiesa di San Achillios che si eleva sul punto più alto della città e si affaccia sul parco di Alcazar e il fiume Pinios che la attraversa. Un viaggio a Larissa significa anche spostarsi verso il territorio costiero e le sue spiagge. Tra queste, quella di Agiokampos, estensione del villaggio di Skete: assieme alle spiagge di Velikas e Sotiritsa si estende per un totale di 14 chilometri di lunghezza, tutte molto frequentate dagli abitanti della capitale della Tessaglia.

Ci sono poi la spiaggia di Platania, sabbia e ghiaia ideale anche per le immersioni, e quella di Fakistra, che diventa una baia color turchese essendo riparata da due promontori rocciosi. Montagne alle spalle per le spiagge della zona di Potistika, tra sabbia e roccia.

Per lo shopping, la città è molto ricca di negozi, in ogni sua parte, ma per avere ‘sotto controllo’ i diversi oggetti che si possono comprare (artigianato, abbigliamento, prodotti alimentari, souvenir vari) c’è il centro commerciale Pantheon Plaza. Per tirar tardi, si può andare nei locali sulla sponda orientale del fiume Pinios, dove si concentra la Larissa moderna.

Ma ovunque in città le strade sono caratterizzate da animati caffè dove si fa anche musica e sempre molto gettonati. In città e verso le località dei dintorni ci sono parecchi ristoranti dove mangiare le ricette greche, di pesce verso la spiaggia. Nel centro, in zona Protopapadaki, c’è Just.WineBar, dalle parti di via Panagouli c’è Estro, lontano dal centro, su Old National Road, c’è Na me Thimasai.

Larissa è al centro del territorio della Tessaglia e tra le mete in questa regione ci sono il Monte Olimpo (dove viene anche la neve, il rifugio più alto è Kakkalos a circa 2600 metri di altezza), e le Meteore, rocce di arenaria che formano picchi nella pianura, luoghi che si possono visitare anche in ‘modalità’ trekking attraversando panorami da 110 e lode tra altopiani, laghetti, gole. Ricordando che le Meteore ospitano antichi monasteri (24 di cui solo 4 ancora attivi), che sono inseriti nella lista dei Patrimoni dell'Umanità UNESCO.

Altri luoghi sono le aree boschive della penisola del Monte Pelion e le sue spiagge. A Larissa si arriva dall’aeroporto in località Volos, da cui si raggiunge la città con i Magnesia Intercity Bus. La città è servita anche da due stazioni ferroviarie che la collegano con i principali centri della Grecia.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0010009

Attività

Divertimenti

Mangiare e bere

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0010013

Cosa vedere secondo voi



3 risultati filtrati per:
Rank 1# di 3
1 Voto
Image not found
Rank 2# di 3
Image not found
Rank 3# di 3
AttractionList-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010004
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010008

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Larissa
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0