×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Bosco dell'Alevè a Pontechianale  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Valutazione Generale
  
Rank 2# di 3
Numero votazioni 3
AttractionDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
MapSinglePin-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Bosco dell'Alevè

Scrivi una recensione su Bosco dell'Alevè
Livello 22     3 Trofeo   
Voto complessivo
Censito nei Siti di Interesse Comunitario (SIC) dell’Unione Europea, grazie al Progetto Natura 2000, il bosco dell’Alevè è la più grande distesa di pini cembri in purezza d’Italia. Si trova in alta Valle Varaita, una delle valli Occitane del Piemonte,... vedi tutto al confine fra Italia e Francia, più precisamente ai bordi del parco del Queyras, alle pendici del Monviso, raggiungibile dal Colle dell’Agnello. Le dimensioni del bosco sono notevoli, in quanto occupa lo spazio di 820 ettari, circa 2030 campi da calcio. Il bosco si trova ad una quota compresa tra i 1700 m e i 2500 m sul livello del mare, anche se è possibile trovare a 2950 m l’esemplare di pino cembro più in quota di tutto il suo areale, sul versante nord della Cima delle Lobbie. Al suo interno possiamo trovare esemplari millenari di pino cembro, già ricordato nell’Eneide di Virgilio, quando parla di “Vesulus pinifer”, ossia montagna visibile da ogni luogo e ricoperta da una foresta di pini. Altre tracce si trovano nelle opere dello storico latino Stradone, nella sua “Historia naturalis” redatta da Plinio il Vecchio.
Livello 34     4 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo
È accessibile da Sampeyre, Pontechianale e Casteldelfino per mezzo di mulattiere e sentieri. Il toponimo è di origine occitana, e significa letteralmente bosco di pini cembri (dall'occitano èlvo, pino cembro). Non a caso l'Alevè è la cembreta più estesa delle... vedi tutto Alpi: ricopre una superficie di circa 825 ettari e si estende dai 1500 ai 2500 m s.l.m.. Tuttavia l'esemplare più in quota cresce a 2950 m, sul versante nord della Cima delle Lobbie. Si tratta di un bosco antichissimo, le cui origini si fanno risalire alle grandi glaciazioni del quaternario. Fu ricordato nell'Eneide di Virgilio e nella Historia Naturalis di Plinio il Vecchio. Il Bosco dell'Alevè è un autentico tesoro naturale immerso in un paesaggio montano di notevole interesse naturalistico.Da visitare!!
Livello 34     4 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo
AttractionDetailReviewList-GetPartialView = 0,0156258

Conosci Pontechianale? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0

Natura e sport vicino a Bosco dell'Alevè

AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
ReviewLatestSmall-GetPartialView = 0,0156267

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Pontechianale
GuideList-GetPartialView = 0

Zone turistiche

CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0
Gallery_3xN_Small-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0