×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020022
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Vini e formaggi d'Oltralpe, l'abbinamento perfetto  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
13 nov 2018 - by Alessio
Francia // Cucina e vini

Italia e Francia sono da sempre due paesi tanto vicini quanto lontani, soprattutto nell’ambito della rivalità enogastronomica.

Una sfida che sottintende soprattutto a due ambiti, quello dei vini e quello dei formaggi, eccellenze tradizionali che dalle due sponde delle Alpi rappresentano fonte di ricchezza culturale ed economica.

La Francia, del resto, è una vera e propria potenza mondiale in fatto di formaggi, con decine di migliaia di produttori caseari (se ne contano circa 30.000) e oltre trecento tipologie di formaggio codificate e riconosciute a livello nazionale. Che i francesi amino i formaggi, lo dimostra anche il loro consumo medio pro capite: 24 chilogrammi, una quantità enorme!

Ecco dunque una breve carrellata delle eccellenze casearie dei nostri “cugini”.


Brie e Camembert

Il Brie è un formaggio caratterizzato da pasta molle e crosta “fiorita”, che viene prodotto utilizzando unicamente il latte crudo vaccino. Insieme al Camembert, è considerato il simbolo universale dei formaggi francesi

Questi due formaggi si differenziano per l’aroma e per le stagionature, mentre in comune hanno la crosta commestibile. Dal Brie e dalla Bretagna, due regioni bellissime anche turisticamente, i due formaggi si sono diffusi in tutto il mondo.

L’abbinamento giusto: il Brie va abbinato a un vino mediamente acidulo, come ad esempio lo Chardonnay. In questo modo i due sapori, alternandosi, restituiscono un complesso organolettico al palato di grande spessore.

 

Il Roquefort

Sai qual è il corrispettivo francese della amatissima gorgonzola italiana? Te lo diciamo noi! Il Roquefort. Simili sì, ma ovviamente non identici.

Infatti, il Roquefort viene realizzato utilizzando (cosa curiosa) il latte di pecora, ma proprio come la gorgonzola è arricchito, visivamente, da strepitose venature blu-verdastre che si formano per l’azione delle muffe.

La muffa si produce per via delle grotte umide nelle quali viene lasciato stagionare, e che danno al Roquefort un sapore e una consistenza unici nel genere. Similmente agli altri formaggi francesi e alla gorgonzola, è un formaggio che si può consumare facilmente anche in Italia.

L’abbinamento giusto: ai formaggi erborinati si accompagna generalmente un vino rosso robusto o un vino lievemente liquoroso, che compensa la nota amarognola. Molto adatto il Nobile di Montepulciano, il Passito di Pantelleria o il Sauternes, se si vuole rimanere in un ambito tutto francese.

 

 

Gli altri formaggi francesi

Con centinaia di formaggi a disposizione, quando si vuole mangiare un piatto misto in Francia c’è davvero l’imbarazzo della scelta!

Si può provare il gusto “spalmabile” del Vacherin, formaggio a cucchiaio oppure lasciarsi conquistare dal Neufchatel che viene realizzato con una curiosa forma a cuore.

Molto gustoso il Pelardon che viene utilizzato per arricchire anche la più semplice delle insalate (magari sciolto sopra come una fonduta) o l’altrettanto goloso Ossau-Iraty.

Se amate le note aromatiche della natura il Comtè ha un lieve retrogusto di nocciola, mentre sono tutti da scoprire il Saint Nectaire e il Reblochon.

Elegante, se non fosse altro per la sua forma allungata e cilindra, è il Crottion de Chavignol dal sapore molto intenso.

L’abbinamento giusto: al Vacherin Mont D’Or si abbina (anche in preparazione) un bianco di struttura, magari un Grechetto di Tufo. Al Reblochon si accompagna un Roussette de Savoie o un Chignin-Bergeron; infine il Crottin de Chavignol rende al meglio con un vino bianco acidulo come il Sancerre o il Pouilly.

 

Ai formaggi francesi preferisci abbinare un vino nostrano? Scopri tutte le selezioni di Wineowine, e trova il vino su misura per te!

 

 

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0,0060055
AdvValica-GetPartialView = 0,0010018

Contenuti nella stessa destinazione

ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0,0130119
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0,609585
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0110107
AdvValica-GetPartialView = 0
HotelSearch-GetAsyncComponentContainer = 0,0010008
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009





FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010008
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0970931
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009