×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Vini e dolci: gli abbinamenti perfetti per ogni dessert  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
06 nov 2018 - by Alessio
// Cucina e vini

Abbinare i vini ai dolci è un compito arduo, spesso più di quanto si immagini. Le varie declinazioni della pasticceria tradizionale italiana, infatti, richiedono una certa conoscenza del mondo enoico che eviti di commettere errori imperdonabili o, molto più semplicemente, di sbagliare l’abbinamento in occasioni importanti.

È importante, quando si sceglie un vino da abbinare al dolce, considerare un elemento primario: il contrasto. Se voleste infatti trovare un contraltare alcolico a un dolce molto corposo, infatti, rischiereste di dover sostituire al vino un superalcolico, poiché i due sapori sono spesso molto contrapposti.

Ecco perché, invece, è importante esaltare il millefoglie di turno con un buon vino che abbia una componente dolce importante, ma non eccessiva. In questo modo, infatti, le note fruttate tenderanno a essere esaltate e non coperte.

Meno azzeccata è, invece, una scelta che ricorre molto spesso soprattutto nelle occasioni festive: spumante secco e dessert. Proprio a causa della “secchezza”, infatti, il sapore più delicato dello spumante viene coperto dalla nota dolce del dessert, risultando così in un contrasto che non valorizza nessuno dei due elementi.

Se si vuole scegliere un criterio di abbinamento, è certamente consigliato quello regionale. Ovvero potete abbinare, senza particolari sensi di colpa, una cassata a un Passito o anche il Vin Santo di Montepulciano ai cantucci e al panforte senese.

 

 

Gli abbinamenti da fare

Come detto in precedenza, è importante non lasciarsi andare a degli abbinamenti “a gusto personale”, poiché spesso si tende a cadere in errore.

Molti dolci infatti non sono adatti neanche al consumo contemporaneo con gli alcolici, mentre per altri si andrà a colpo (quasi) sicuro con dei vini dal profilo importante.

È il caso delle crostate con frutta fresca o confetture, che ben si abbinano a un Brachetto d’Acqui oppure a un vino dalla struttura simile come il Torcolato del Veneto o al Piccolit del Friuli Venezia Giulia.

Ora che il Natale si avvicina, è anche tempo di pensare alla diatriba tra pandoro e panettone. Per abbinare quest’ultimo, si può sempre guardare al Veneto con un Moscato dei Colli Euganei, che ha una nota lievemente aranciata, mentre il primo rende meglio se abbinato al Moscato d’Asti.

Sempre rimanendo in tema festivo, la pastiera napoletana è un dolce molto complesso, dove il grano, la ricotta e i canditi contribuiscono a una ricchezza di sapori. Come abbinarla? Preferendo una Falanghina, vino tipico della Campania, magari in versione Passito del Sannio.

Se il ciambellone diventa una variante diversa della colazione, allora abbinate un Frascati DOCG Cannellino: bianco, ben fruttato, da servire fresco.

 

 

Gli abbinamenti da NON fare

Ci sono poi quei dolci che, a causa del loro sapore molto intenso o della prevalenza di ingredienti forti (caffè, liquore) è preferibile consumare senza un bicchiere accanto.

Tra questi, i più difficili – se non impossibili – sono proprio il tiramisù e la zuppa inglese. Il caffè da un lato, l’alchermes dall’altro sono così preponderanti da evitarci il dubbio della scelta del vino da affiancare.

Il gelato, i sorbetti e i semifreddi sono altrettanto difficili da accompagnare, ma per un motivo diverso: essendo molto freddi, rendono le papille gustative incapaci di percepire tutto il bouquet di sapori del vino.

Infine i dolci al cioccolato: no ai vini più giovani o con poca struttura, sì invece a dei vini con lunghi periodi di affinamento. L’abbinamento ideale? Sachertorte e Porto.

 

Leggi anche gli abbinamenti vino/dolci di wineowine.com

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0

Contenuti della stessa categoria

ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
HotelSearch-GetAsyncComponentContainer = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156267
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0