×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0

Non sono le solite mete, ma sono le mete che amerete. E che non vedrete l'ora di provare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
10 mag 2019 - by Alessio
// Itinerari ed escursioni

I primi caldi, le prime giornate assolate e, con l’arrivo della primavera, arriva anche la voglia di viaggiare e di concedersi anche solo qualche giorno per andare alla scoperta dei luoghi più belli d’Italia.

L’Italia è una terra così ricca di bellezze, tutte diverse e ciascuna a proprio modo irresistibile, che in questa stagione dell’anno c’è solo l’imbarazzo della scelta per tutti coloro che desiderano partire. E, perché no?, anche per provare nuove esperienze e guardare da altre prospettive i tesori d’Italia.

Dal placido fascino dei borghi ad attività più ‘estreme’ da vivere all’insegna dell’adrenalina, ecco le nostre proposte di viaggio per la primavera in Italia.
Basta solo trovare quella su misura e partire!

 

Sutri, l’antico borgo lungo la Via Francigena

È uno dei borghi più affascinanti da visitare nel cuore del Lazio, tappa imperdibile lungo l’antica Via Francigena che rappresenta una delle esperienze migliori per tutti gli amanti del turismo a piedi in Italia.

Sutri è tanto piccolo quanto suggestivo, un dedalo di stradine e piazze in pietra che, a dispetto delle dimensioni ridotte, nasconde innumerevoli gioielli dal valore inestimabile.
Sia che ci si mantenga all’interno del centro storico di Sutri, sia che si decida di spostarsi poco al di fuori e di esplorarne i dintorni, questo angolo del Lazio d’altri tempi sarà in grado di conquistare tutti i suoi visitatori.

È a Sutri, infatti, che è possibile immergersi in una storia lontanissima visitando alcuni dei suoi principali punti di interesse. Il Mitreo e Villa Savorelli, l'antico Anfiteatro, il Bosco Sacro e la cosiddetta casa di Carlo Magno sono solo alcuni dei luoghi sorprendenti che fanno di Sutri una perfetta meta di primavera. Per terminare il tour del centro storico di Sutri, imperdibili sono le sue antiche chiese, prima tra tutte la cattedrale con la cripta longobarda.

E se non bastasse, ad attendere il visitatore negli immediati dintorni ci sono anche necropoli e vie cave etrusche, oltre che una preziosa necropoli romana posta lungo la via Cassia.

Prima di andare via, basta dare un’occhiata alle proprie spalle per avere una vista di Sutri che non si dimentica facilmente. Con la sua straordinaria posizione, arroccato com’è su uno sperone di roccia tufacea, le ultime immagini che regala sono quelle di un borgo fermo nel tempo, il cui fascino antico è scolpito e conservato in un sistema di torri e mura che resistono al trascorrere degli anni e che continuano a custodirlo quasi gelosamente.

Sutri

 

Primavera attiva in Italia, dal trekking ai sapori del lago (quello del Turano)

Un aspetto e una conformazione morfologica selvaggia, con coste frastagliate e continuamente interrotte da insenature, promontori e piccole spiagge. Il Lago del Turano è uno splendido specchio d’acqua artificiale creato nel 1939 in seguito allo sbarramento del Fiume Turano, e oggi rappresenta una destinazione irrinunciabile per una fuga dalla città (è a due passi da Roma) e per andare alla ricerca di una pausa a base di natura e relax.

Il perimetro del Lago del Turano è costellato da piccoli borghi, come Castel di Tora e Colle di Tora, impreziosito da una cornice naturale in molti punti ancora autentica e incontaminata e dotato di riserve naturali che la preservano, come la Riserva Naturale Monte Navegna e Monte Cervia.

Luoghi incantevoli che, differenti tra loro, si amalgamano in perfetta armonia creando scenari continuamente mutevoli che, ammirati dalle acque del lago, svelano il loro volto migliore.

Lungo le sponde del Lago del Turano, e anche sulle sue acque, è possibile vivere tante esperienze, alcune delle quali fortemente emozionanti. In questo piccolo angolo di paradiso, infatti, si trovano anche punti in cui la natura si fa a tratti impervia, con gole profonde e acque precipitose che si prestano a location perfette per attività adrenaliniche come il kayak. Per i meno coraggiosi, ma appassionati di trekking leggero, sono disponibili anche tanti sentieri che consentono di ammirare il verde circostante con calma e di immergersi in un percorso unico in cui acqua, vegetazione e storia dolcemente si intrecciano.

Dopo tanta attività fisica, il ‘premio’ per il visitatore è l’ottima cucina locale, a base degli eccellenti prodotti del territorio che è possibile degustare nei borghi del Lago del Turano. Per finire in bellezza – e con tanto gusto! – un’indimenticabile giornata sulle acque del lago.

Turano

 

Primavera in barca a vela, la ‘ricetta’ della Riviera

Si conferma ogni anno tra i tratti di costa più animati, scelti e prenotati dell’estate in Italia, e il 2019 non farà in questo senso eccezione.
La Riviera Romagnola è la patria del divertimento estivo nostrano e ‘portabandiera’ dell’ospitalità e dell’accoglienza, con strutture ricettive capaci di soddisfare anche le esigenze degli ospiti più esigenti. Una tradizione turistica lunghissima, quella della Riviera Romagnola, che se in estate raggiunge il suo culmine, in primavera si prepara con esperienze, luoghi e attività da non perdere.

Mai pensato ad un giro in barca a vela al largo delle coste di Rimini? Scendendo lungo il litorale in direzione di Cattolica, è possibile ammirare da una prospettiva diversa e suggestiva i gioielli della costa, come Riccione e Misano Adriatico, rilassandosi e gustandosi un’esperienza dal fascino esclusivo e autentico al tempo stesso. Autentico, poiché si ritrova il contatto diretto con l’acqua; esclusivo, perché nel corso delle escursioni in barca a vela è possibile prendere un raffinato aperitivo con vista sul mare (ed è una vista sul mare decisamente privilegiata).

Qualche ora di sole in mezzo al mare, di musica e di lettura, e la ricetta del relax in barca a vela è assicurata. E per chiudere in grande stile, il giro in barca a vela è anche l’occasione per fare una sosta al largo delle coste romagnole e fare un tuffo dove le loro acque sono più limpide e pulite.

Un ultimo consiglio per chi non si accontenta del giro in barca a vela, ma che della barca a vela vuole essere il capitano. Prima di mettersi in mare, è consigliabile essere istruiti su tutte le nozioni del caso. Perché non prendere una lezione di barca a vela e salpare liberi verso il mare aperto (in tutta sicurezza)?

Barca

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0,0010008
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
HotelSearch-GetAsyncComponentContainer = 0,0010013
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0





FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010009
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0