×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0

Alla scoperta di Campo Marzio, il quartiere monumentale di Roma  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
13 gen 2020 - by Redazione
Roma // Monumenti ed edifici storici, Cosa vedere

Una delle più grandi metropoli d’Europa, Roma nasconde a ogni angolo dei gioielli che meritano maggiore attenzione. Non lontano da Villa Borghese si apre lo storico quartiere di Campo Marzio, ricco di architetture di epoca imperiale e oggi al centro di una rinascita culturale e commerciale che passa per botteghe artigiane capaci di interpretare lo stile capitolino con eleganza.

Quarto rione della Capitale, Campo Marzio prende il nome – ma non i confini geografici, se non parzialmente – dell’omonima zona della Roma primordiale. La mezzaluna argentea, simbolo di questo angolo primordiale dell’Urbe, campeggia ancora oggi nella simbologia della zona.

Marzio poiché deputato al culto del dio Marte, qui vi si svolgono – tra leggenda e verità – alcune delle vicende che assurgono alla gloria della storia capitolina. Particolarmente significativa è l’appropriazione che ne fa Tarquinio il Superbo, ultimo re di Roma, alla cui cacciata il suo grano coltivato nel Campo Marzio è buttato con spregio nel Tevere. Da quei covoni, così numerosi, la leggenda vuole che si sia formata la vicina Isola Tiberina.

Fino all’epoca imperiale Campo Marzio rimane però una zona di periferia, pur nobilizzata dalla presenza di templi e luoghi di culto e impiegata dal potere repubblicano per i ricevimenti degli ambasciatori stranieri.

Oggi Campo Marzio si trova nel cuore della Roma monumentale, una zona ricchissima di monumenti che vale la pena scoprire con calma, passeggiando tra chiese, palazzi e vestigia romane. Se si arriva in città con l’automobile, il vicino parcheggio di Roma Villa Borghese che offre numerosi servizi e comfort, compresa l’apertura h24 e la possibilità di pagare con carte di credito e Telepass.

I monumenti del Campo Marzio

Come dicevamo, è con l’avvento dell’Impero che la zona periferica di Campo Marzio acquisisce un’importanza strategica. La monumentalizzazione del rione si consolida sotto Augusto, Caligola, Nerone e Domiziano. È il nome di Marco Vipsanio Agrippa, però, che emerge tra i protagonisti della radicale trasformazione del fu campo agricolo.

Al militare e architetto si devono, in modo particolare, i progetti della basilica di Nettuno, delle antistanti terme e del Pantheon. Uno dei monumenti più visitati di Roma, il Tempio di tutti gli dei (questo il significato del suo nome in greco antico) ha visto più destinazioni d’uso nella sua plurimillenaria storia, da tempio pagano a basilica cristiana, ruolo che ricopre ancora oggi con il poco conosciuto nome di Basilica collegiata di Santa Maria ad Martyres.

Insieme all’Altare della Patria, il Pantheon è ben iscritto nella simbologia dell’Italia unita: vi si trovano infatti le sepolture di Vittorio Emanuele II e Umberto I, oltre che di alcuni artisti di fama mondiale del calibro di Raffaello Sanzio e Annibale Carracci.

Il Pantheon è, insieme alle terme agrippine e il Saepta Iulia, fulcro della planimetria centrale del Campo Marzio. Oggi i monumenti, in gran parte scomparsi, avrebbero occupato un’area vasta compresa tra Largo del Pallaro (dove era situato il Teatro di Pompeo, il primo di Roma in muratura) e Piazza Colonna (destinata ad ospitare l’Arco di Marco Aurelio).

La zona meridionale del Campo Marzio, delimitata a nord dal Diribitorium – un edificio adibito a più funzioni, politiche e di spettacolo, fino all’80 dopo Cristo – trovava il suo confine sud nel Tevere, e più precisamente nel Ponte Fabricio. Lungo poco meno di 25 metri, il ponte è ancora oggi il più antico della Capitale a essersi conservato, al netto dei restauri, nella sua forma originale. Fu progettato intorno al 62 avanti Cristo per volontà di Lucio Fabricio, curatores delle strade capitoline, e rimaneggiato più volte nel corso dei secoli. L’ultimo intervento di cui si ha nota, nel 1679, fu voluto da Papa Innocenzo XI e previse la copertura in mattoni.

Questa zona deve la sua fama alla presenza di numerosi portici contigui, dei quali si ricordano quelli di Pompeo, di Minucio, d’Ottavio, d’Ottavia e di Filippo. Degli edifici di epoca romana presenti nella parte sud di Campo Marzio oggi non rimangono che pochissime testimonianze, come Crypta Balbi (in Via delle Botteghe Oscure) e il Teatro di Marcello.

È in prossimità di quest’ultimo che si estendeva la zona del Circo Flaminio, oggi non più visibile, sul quale insistevano ulteriormente il Tempio di Castore e Polluce e l’Anfiteatro di Statilio Tauro, costruito intorno al 29 avanti Cristo e distrutto dall’incendio del 64. Secondo le ricostruzioni storiche più attendibili, sarebbe stato molto simile al Colosseo, per volumetrie e struttura architettonica, il che lascia immaginare che il futuro Anfiteatro Flavio ne abbia ripreso le forme, sebbene in zona diversa.

Cerchi una soluzione di parcheggio facile, conveniente e flessibile? I parcheggi Saba si trovano nelle principali città italiane. Servizi adatti a ogni esigenza e possibilità di prenotare online per risparmiare fino al 70%. Scopri dove trovare il servizio sul sito web.

ContentInfoPostDetail-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
ContentListPostListRelatedByPlaceCateg-GetPartialView = 0
ContentPostListRelatedByCategNearGeoLoc-GetPartialView = 0,0010009
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010008

Il meglio secondo voi

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0