×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Samarcanda: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Samarcanda, il cui significato letterale è "fortezza di pietra", detta in uzbeco, Samarqand, si trova nello stato dell'Uzbekistan ed è capoluogo della regione omonima, nonché terza città del paese per numero di abitanti. La fama della città, ubicata a 702 metri s.l.m., sin dall’epoca antica, si deve alla sua posizione geografica, luogo posto lungo la via della seta, tra la Cina e l'Europa, nel centro dell'Eurafrasia. Proprio per tale ragione, Samarcanda fu fulcro commerciale, fiore all’occhiello dell'impero persiano, subendo la dominazione araba, timuride, uzbeka e, infine, dell'impero russo e dell'Unione Sovietica, fino all’anno 1991.

Entrata dal 2001 a far parte dei beni del patrimonio dell'umanità dell'UNESCO sotto la nomenclatura di Samarcanda-Crocevia di culture, la città figura quale una tra le più antiche del mondo, un tempo anche tra le più ricche, esattamente classificata quale città più ricca dell'Asia centrale. Samarcanda è indissolubilmente legata, sotto il profilo storico, all’Impero di Persia. Fondata nel 700 a.C., la città fu capitale della satrapia Sogdiana sotto la popolazione degli Achemenidi di Persia quando il famoso Alessandro Magno la conquistò nel 329 a.C. Rifiorita poi sotto la dominazione dei Sasanidi, Samarcanda fu una città d’élite dell’Impero, con conseguente grande espansione demografica.

La città è pregna delle influenze provenienti dai popoli che l’hanno attraversata: dagli Arabi che qui portarono la propria cultura, a partire dall’alfabeto e dalla religione islamica, ai Persiani e ai Turchi. La popolazione si dimezzò nell'anno 1220 allorché venne saccheggiata dalla popolazione dei Mongoli per due volte, la seconda volta con Barak Khan a capo dei saccheggiatori. La città si riprese solo dopo anni in seguito a questi terribili saccheggi. Nel 1370, con l’avvento di Tamerlano, Samarcanda assunse la funzione di capitale dell'impero che si sarebbe poi esteso dall'India alla Turchia. Furono anni di ringiovanimento per Samarcanda, piena di menti fervide che le donarono un restyling di cui ancora oggi si parla con rispetto. Samarcanda diventò il fulcro della regione definita in Occidente Transoxiana ovvero. "Al di là del fiume Oxus".

Tra le testimonianze storiche ricordiamo l'Osservatorio Astronomico di Ulugh Beg, costruito nel 1420. Ulugh Beg, infatti, governò la regione edificandovi svariati punti studio inerenti le scienze e l’approfondimento della matematica e dell'astronomia.

Sotto il profilo economico, va tenuto presente che Samarcanda è legata strettamente all’opera di irrigazione artificiale e fertilizzazione delle regioni aride, volta alla finalità di produzione del cotone grezzo, la principale coltura dell'Uzbekistan di cui lo stato costituisce il secondo produttore mondiale dopo gli USA, a riprova del connubio perfettamente riuscito tra economia ed ecologia in loco. E’ importante, inoltre, sottolineare l’avvenuto crollo dell’ex sistema commerciale russo che ha trasformato il paese, invogliandolo alla produzione di materie prime, nonostante vada considerata la componente geografica che vede l’Uzbekistan quale privo di sbocchi sul mare e, quindi, in difficoltà per quanto concerne i commerci via mare sui mercati più potenti. Si tenga presente che l'Uzbekistan è all’8° posto in tutto il mondo per la produzione di oro.

Altre importanti produzioni tipiche della regione dell’Uzbekistan, sono quelle della frutta e del riso, soprattutto nella regione della valle del Fergana, maggiore centro di bachicoltura e di sericultura. Discretamente sviluppato è anche l'allevamento di animali con particolare attenzione alla pecora Karakul dalla quale è possibile ricavare lana vellutata multicolore.

Tra gli eventi ricordiamo la Festa del Navrus che si tiene il 21 marzo di ogni anno, seguendo i canoni dettati dal calendario astrologico, celebrando un evento caro al popolo uzbeko e che ricorre da più di 2500 anni. Descritto persino dallo storico greco Strabone, il rito legato alla Festa, appare quale un raduno mistico della popolazione intorno al fuoco in questo giorno particolare in cui il lavoro si arresta e anche i negozi chiudono. Bevande ed alimenti sono al centro della manifestazione che sembra avere legami con la dottrina ideologica di Zoroastro, basandosi sulla contrapposizione di luce e tenebre, simboleggiando il contrasto tra la vita e la morte, tra la materialità e la spiritualità. In effetti, il termine Navrus indica un "nuovo giorno" che cade nel solstizio di primavera, il 21 marzo, e va inteso quale "festa della vita che rinasce", il risveglio della natura, con la conseguente intensificazione del lavoro agricolo e del guadagno che ne deriva.

Tra le specialità gastronomiche della regione troviamo il riso Pilaf, preparato con carne e verdure, le zuppe e i ravioli cotti al vapore. Tipici sono i piatti realizzati con il riso, ma tra tutti questi spicca il piatto principe dell’intera cucina uzbeka ovvero il Plov che viene servito durante i matrimoni, e in generale, in occasioni importanti. Realizzato con cipolla, carota, carne e riso, esso era un tempo il piatto della popolazione appartenente alla fascia più ricca, mentre i più poveri si accontentavano di degustarlo il giovedì sera. Disponibile in ben 50 qualità, il Plov può essere cotto a vapore oppure preparato a base di carne di pecora. In particolare, a Samarcanda il Plov si prepara con l’aggiunta di mela cotogna e aglio, mentre nelle ricette più antiche troviamo la carne di quaglia e uvetta passa.

Tra le curiosità, ne citiamo una a proposito dello stesso nome di “Samarcanda” che si riferisce ad una città che va oltre i canoni terreni, contrariamente ad altre città storicamente importanti. Quasi al livello dell’antica Atlantide, Samarcanda ha valenza di città immortale. Non a caso, la città figura in svariati lavori di tipo artistico quali la famosissima canzone del cantautore italiano Roberto Vecchioni, nel romanzo intitolato "La Leggenda degli Eroi Condor" di Jin Yong, o ancora ne "Le mille e una notte", dove Re Shah Zaman è il re di Samarcanda, simbolo potere. Ancora, la città di Samarcanda è presente ne "Il Milione" di Marco Polo, in quanto rigogliosa realtà. Va tenuto presente, infatti, che Samarcanda viene descritta quale centro del Rinascimento Islamico in "L'Anno del Riso e del Sale" di Kim Stanley Robinson. Grande risonanza è data a Samarcanda per il suo ruolo fondamentale nell’iter concernente la Via della seta che è divenuto bene dell’UNESCO, per la presenza di rinomate moschee e per la brillante architettura degli edifici.

Prefisso:
0(+998) 662
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0156258
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Samarcanda

Massimo Sotgiu
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 10
Guida generale : Andate a fine agosto quando si svolge il festival internazionale di musica, è bellissimo ci sono moltissimi gruppi musicali che noi occidentali non conosciamo e una vera festa di colori, suoni e tanta allegria; la gente esce e socializza. La... vedi tutto festa della musica a Samarcanda, città antica ed eternamente giovane dura quasi una settimana. Gli artisti arrivano da quasi cinquanta paesi di tutto il mondo è dimostrano la loro arte nella Piazza Registan, nell'anfiteatro «Mogiza», sui palcoscenici dei parchi «Yoshlik» e «Sogdiana», nelle province di Urgut, Samarcanda, Taylak, Akdariya, Payariq, Dzhambay. Suonano le canzoni di diverse lingue che glorificano la Patria, la pace, l'amicizia, la lealtà e l'amore. L'immenso anfiteatro è riempito dai partecipanti, dagli ospiti del festival e dagli appassionati d’arte. I partecipanti e gli ospiti del festival prendono conoscenza del lavoro creativo svolto sotto la guida del Presidente del paese, in particolare nella città antica di Samarcanda, dell’attività per la conservazione del patrimonio ancestrale e dell’educazione di giovani generazioni sulla base dei valori nazionali ed universali. “l’Uzbekistan, Samarcanda hanno lasciato un segno indelebile nel mio cuore”, “Ogni giorno è stato pieno di eventi ed esperienze indimenticabili. È degno di onore il desiderio del popolo per la salvaguardia del patrimonio culturale nazionale. Questa è una manifestazione di rispetto per la storia e la propria cultura”.
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : La città di Samarcanda conserva alcune delle massime espressioni dell’architettura islamica, tanto che la città vecchia, che risale a circa 2.700 anni, nel 2001 è stata inserita nella lista dei siti Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Conosciuta da sempre, grazie alla sua... vedi tutto posizione ideale lungo la Via della Seta, che collegava la Cina all’Occidente, Samarcanda ha il suo centro di attrazione principale nel Registan, uno dei siti islamici principali dell’Asia Centrale e tra i più importanti a livello mondiale; il Registan è racchiuso da tre madrase, che formano i tre lati di una vasta piazza: la Madrasa di Ulug Bec, del 1400, che contiene mosaici a tema astronomico, la Madrasa Sherdar, risalente al 1636, decorata con leoni ruggenti, e la Madrasa Tilla-Kari, ultimata nel 1660. Da visitare anche la moschea di Bibi-Hanym, considerata una tra le più grandi del mondo, e lo Sharhi-Zindah, un complesso di tombe monumentali.
silvia
Voto complessivo 9
Guida generale : E' una città piena di storia dove la popolazione incomincia a vivere, dopo l'influenza russa, in maniera autonoma e con recupero delle loro tradizioni; piena di giovani e attiva culturalmente. Il restauro dei loro monumenti và avanti con rispetto delle... vedi tutto metodologie tradizionali e sono orgogliosi di mostrarli.
Da non perdere Piazza Registan
daniela basso
Livello 11     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : La gente è splendida. Il viaggio è un po' faticoso, ma si trovano panorami mozzafiato, monumenti incredibili, colori stupendi, anche il cibo è più che accettabile. Sono stata d'estate ma il caldo si sopporta bene, meglio però evitare le ore più... vedi tutto calde senza avere un'adeguata protezione. sono graditi regalini per i bambini, come penne, caramelle, ecc.
lisa vitali
Livello 78     9 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici
Voto complessivo 10
Guida generale : Sono da poco tornata da un viaggio in Uzbekistan, ed è stata una bellissima esperienza. E' un paese meraviglioso anche se poco conosciuto, ma proprio per questo conserva ancora le sue caratteristiche originali, non è stato ancora invaso dai turisti.... vedi tutto Le persone sono cordiali e ospitali, e i bambini ancora si meravigliano nel vedere i turisti in giro. Samarcanda ha una piazza meravigliosa, e monumenti splendidi come raramente mi è capitato di vedere. L' Uzbekistan è un paese talmente ricco di storia, cultura, tradizioni, che consiglio a chiunque abbia voglia di scoprire un mondo diverso dal nostro di visitare. Non lo si sceglie certamente per il divertimento, ma per conoscere una parte di storia che in occidente viene completamente ignorata. Consiglio un tour di gruppo, con una giuda che possa far apprezzare al meglio ciò che il paese può offrire.
Da non perdere Piazza Registan , Mausoleo di Gur-e Amir , osservatorio astronomico di Ulugh Beg
antonio clerico
Livello 16     2 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Non avrei mai pensato di poter visitare una città così affascinante, piena di storia con opere d'arte meravigliose, piena di vita, di luce, di colori. come si può dimenticare piazza Registan la summa dell'arte islamica e, fatto assolutamente eccezionale, con... vedi tutto tre moscheee una più bella dell'altra? Ed ancora altre moschee che ti lasciano senza fiato per la loro bellezza? Ho ancora davanti agli occhi la splendida vista del mausoleo dedicato al suo più grande condottiero e di una parte abbastanza grande del panorama della bellissima città che ho avuto la fortuna di poter ammirare dalla stanza dell'albergo. Ci ritornerei molto volentieri. se devo fare un appunto riguarda l'alimentazione così diversa dalla nostra e richiede una certa cautela quando ci si siede a tavola. da non dimenticare altre località di grande interesse culturale che, per mancanza di spazio non posso elencare. un viaggio nel sogno.
Voto complessivo 10
Guida generale : Città bellimma, gente sempre sorridente, calma e ti fa sentire a casa. Parlate con la gente anche a gesti, con una carezza, un sorriso, vi sentirete sereni e in pace.
Da non perdere mercato gustare il pane , Mausoleo di Gur-e Amir
ROBERTA DONOLATO
Livello 46     3 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Bellissima, tutta da vedere, soprattutto la Piazza. È il vero Oriente. Passeggiare, vedere palazzi, annusare odori: tutto sa di esotico, di diverso, di incomparabile.
Da non perdere Mausoleo di Gur-e Amir
beatrice capoferri
Livello 1     0 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : Ci si sente proiettati nelle Mille e una Notte. Da non perdere assolutamente i monumenti storici (in particolare la spettacolare piazza del Registan). In agosto la temperatura è molto alta, ma il fatto che non ci sia umidità la rende assolutamente... vedi tutto sopportabile.
Da non perdere Piazza Registan
andrea bergamaschi
Livello 0     0 Trofeo   
Voto complessivo 3
Guida generale : Che dire Samarcanda rappresenta o l'oriente la via della seta Alessandro Magno Timur lo zoppo ipiu grandi conquistatori ed esploratori sono passati da questa città incantats
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156262
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156263
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0