×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

Segovia: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0050047
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,003003

Ricca di storia, sita nella Comunità Autonoma di Castiglia e Leon, la città è oggi una delle più visitate della Spagna. Parliamo di Segovia, posta a 1000 m s.l.m., caratterizzata geograficamente dalla vicinanza dei fiumi Eresma e Clamores, a 90 km da Madrid ed a 12 km dalla Sierra de Guadarrama. La provincia di Segovia confina con Burgos, Valladolid, Avila, Guadalajara e Soria ed è importante sottolineare che essa fa parte delle nove che costituiscono la Provincia autonoma di Castilla y Leon. Per quanto concerne il clima, va detto che è in parte oceanico, in parte mediterraneo, a seconda delle zone e della loro altitudine, con temperature che oscillano, durante l’anno, tra -17° e più di 30° nel periodo estivo, raggiungendo, in alcuni casi, i 40°.

Sotto il profilo storico, la città di Segovia ha davvero molto da raccontare. L’iniziale nucleo abitativo si trova nei pressi del fiume Eresma, sulla sinistra, nella valle, non troppo lontano dal castello detto Alcazar con una torretta alta ben 80 metri oltre ad altre 12 torrette presenti, contornate dal fossato eretto a scopo difensivo. Grandi misteri aleggiano intorno alla città che, abbandonata dopo l’invasione islamica, fu nuovamente abitata intorno al 1088 da una Comunità cristiana. Altra peculiarità è quella che si rivela l’emblema dell’influenza ebraica durante il Medioevo a Segovia e delle conseguenti terribili espulsioni di Ebrei e Musulmani motivate, ma solo apparentemente, da ragioni di natura religiosa: il quartiere ebraico con il Centro educativo di Ebraismo che ha sede nell’abitazione che un tempo apparteneva ad un Ebreo convertito.

Sotto il profilo commerciale, Segovia ha da sempre costituito un punto di riferimento per la transumanza, essendo un importante snodo per il commercio della lana e dei materiali tessili in generale. Pertanto, è d’obbligo menzionare l’importante opera di manifattura tessile che gli abitanti del territorio svolgevano e svolgono, attività di cui si hanno tracce già a partire del XII secolo. A contribuire alla florida economia del paese fu in gran parte la comunità ebraica che scelse di stabilirsi a Segovia sino al boom economico avvenuto verso la fine del 1500. Da sottolineare è anche la presenza, a tutt’oggi, della Scuola Reale d’Artiglieria che si fregia di essere la Prima Accademia Militare presente nello stato spagnolo.

Tra gli eventi che si tengono in questo splendido luogo, va ricordata la Festa di Santa Agueda ovvero Sant’Agata, festa della tradizione vissuta particolarmente nel paese di Zamarramala, davvero molto singolare: in quest’occasione, nel giorno 5 febbraio, le donne eleggono una rappresentante del loro comando, mentre gli uomini si dedicano alla cucina. Inoltre, le donne sposate beffeggiano i mariti, ponendoli in ridicolo. Al contempo, gli spettatori possono ammirare gli abiti tipici della tradizione dei luoghi che gli abitanti indossano in occasione della manifestazione. In particolare, noterete che i costumi delle donne sono in prevalenza di colore bianco, rosso e nero con scialli e copricapi davvero singolari, così come gli accessori simboli di potere, autorità, forza femminile, maternità, religiosità, ricchezza. Ancora, da vedere sono gli eventi proposti in occasione della Settimana Santa, il Festival Internazionale di Flamenco, la Festa di San Juan y San Pedro che si tiene alla fine di giugno e la Festa di San Frutos, eremita famoso per essere il fratello di San Valentino, cui sono attribuiti svariati miracoli, tra i quali la trasformazione di tori in animali da soma al fine di costruire un santuario dedicato alla Vergine Maria. Altre manifestazioni da non perdere sono la Festa di San Lorenzo, ad agosto; la Festa della Madonna di Fuencisla, a settembre, la patrona di Segovia, in onore della quale si organizzano novene cantate; il Festival Titirimundi ovvero il Festival di marionette più importante della Spagna che conta circa 100.000 spettatori e che raduna artisti da ogni parte del mondo che amano esibirsi in spettacoli che vanno da quelli di marionette destinati ai più piccoli a quelli costituiti da giochi acrobatici.

Tra i piatti di Segovia, quello per antonomasia è il cochinillo, maialino arrosto da latte, molto utilizzato in cucina in Castiglia. Il cochinillo di Segovia, insieme a quello di Arévolo, è una delle due varietà più consumate: viene cucinato al forno e servito caldo in contenitori rigorosamente di terracotta. Inoltre, in merito a questo piatto tipico, c’è addirittura una querelle storica riguardante il ristorante che si presuma riesca a prepararlo meglio, ristorante che dovrà essere ubicato nella zona compresa tra Segovia e Madrid. Tra le preparazioni tipiche, ritroviamo, inoltre, i piccioni serviti con svariati contorni oppure cucinati con il ripieno di porcini: la ragione di questo piatto tipico è da ritrovarsi nell’alta presenza di piccionaie in Castiglia. Da assaggiare è anche la sopa castellana, preparata con aglio, prezzemolo, uova, pane, prosciutto, paprika, brodo, meglio se di carne e olio d’oliva. Ancora, al ristorante, ordinate la caldereta, anch’essa, come il cochinillo, rigorosamente servita in contenitore di coccio, a base di agnello, preparato con cipolla, aglio, carote, patate, pomodori, peperoni, vino bianco, olio d'oliva, farina, verdura. Tra l’altro, è da tener presente che la zona di Valtiendas, a Segovia, è tra le regioni vinicole più rinomate della Spagna, concedetevi, pertanto, un buon bicchiere di Rueda se gradite il vino bianco o di Ribera del Duero, se vi piace il vino rosso.

Tra i personaggi legati al luogo, ricordiamo Sant’Alfonso Rodriguez nato nel 1531 a Segovia: il gesuita è l’autore di numerosi testi spirituali e mistici. Tra i luoghi da visitare, inoltre, citiamo la Casa-Museo dello scrittore Antonio Machado, luogo dov’egli visse per 12 anni e il Museo d’arte contemporanea intitolato a Esteban Vicente, pittore conosciuto a livello internazionale. Insomma, un turismo culturale quello di Segovia, che unisce storia, geografia e religione grazie alle sue tante bellezze che vale la pena di vedere.

Prefisso:
0(+34) 921
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
segoviani
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0140137
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Segovia

Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : L’Acquedotto Romano: eretto da Traiano, è il monumento simbolo della città e uno dei maggiori di tutta la Spagna. Dalla vicina Plaza Azoguejo si risale verso il centro della città, lungo Calle Cervantes e Calle... vedi tutto Bravo, lungo le quali si incontrano la Casa de los Picos e la Chiesa di San Martin. Nei pressi dell’acquedotto meritano una visita la Chiesa di San Clemente e la Chiesa di San Millan. Plaza Mayor: l’antica piazza rappresenta il cuore della città, e ospita la bella Cattedrale in stile gotico, uno degli edifici religiosi più belli di tutta la Spagna. Nella piazza si trovano inoltre l’Ayutamento (il Municipio) e la Chiesa di San Miguel. L’Alcazar: situata in un punto strategico nella parte nord-occidentale di Segovia, l’antico Castello domina la città. Dal Paseo de los Reyes si gode di un suggestivo panorama. Non lontano l’interessante Chiesa di Santa Cruz. Altre destinazioni a Segovia: completano la visita di Segovia, nella città orientale, le vecchie Mura Romane e, nella zona settentrionale, il Monastero del Parral. Altre destinazioni nella Castilla e Leon: sempre nella regione, non distante da Segovia, si possono visitare le città di Soria, in cui spiccano la Catedral de San Pedro e la Chiesa de Santo Domingo, i resti dell’antica città di Numancia.
gianfranco antonelli
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : Città in collina, la cosa più attraente è l'acquedotto romano, alla fine visita al castello Alcatraz con vista panoramica della vallata. Il paese è molto ospitale, molti ristoranti e giochi per bambini, un trenino per tutti che ti porta al... vedi tutto castello e molti posti per camper in sosta comunale.
Cristina Corral
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 10
Guida generale : Patrimonio dell'Umanità Unesco 1985. Città piccola, tranquilla, vicino a Madrid (90 km.). Il suo acquedotto romano è una opera d'ingeneria unica al mondo. Si mangia benissimo.
patrizia fantuzzi
Livello 18     2 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 8
Guida generale : A poca distanza da madrid, facile da raggiungere, garantisce ospitalità e sembra di fare un tuffo nel passato .... consiglio spassionatamente di visitarla, non ne rimarrete assolutamente delusi, perdersi per i vicoli della città garantisce scorci inaspettati.
Da non perdere Alcázar , Cattedrale , Acquedotto
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0150145

Destinazioni vicine a Segovia

DestinationListNear-GetPartialView = 0,0110107
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010004

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010013
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0200192

Meteo Segovia

Poco nuvoloso
-2 °
Min -4° Max 2°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0190179
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0