×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Territorio e vegetazione Parco Regionale dei Castelli Romani  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009

Il parco Regionale dei Castelli Romani si trova a circa 30Km in direzione sud-est dalla Capitale nella Campagna Romana.

L’area si estende su una superficie di oltre 12.000 ettari compresa fra la fascia collinare e sub-montana. Il Parco nasce sui residui di un vasto e importante edificio vulcanico particolarmente attivo nel periodo compreso fra 600.000 e 20.000 anni fa. Il vulcano è noto col nome di Vulcano Laziale
L’energica attività vulcanica ha modellato l’attuale volto della regione: oggi il territorio ci appare come una doppia cerchia concentrica di rilievi montuosi e collinari che vanno dai 200 m ai 960 m del suggestivo Maschio delle Faete (956 m) Monte Cavo (949 m) .

Il territorio è puntellato da formazioni crateriche più o meno visibili che comprendono fra l’altro due laghi: il Lago Albano e Lago di Nemi.

La regione è ricca di ambienti molto diversi fra loro: le fertili e verdeggianti colline sono occupate da illustri e antichi vigneti, oliveti, fitti boschi di castagno e vaste regioni prative come gli incantevoli Pratoni del Vivaro.

La vegetazione boschiva del Parco, perlopiù caratterizzata dal castagno, copre circa 7.000 ettari. In diverse zone del Parco, soprattutto nel sottobosco, crescono ancora le specie che costituivano l’originario bosco misto di natura vulcanica: faggi, querce, tigli, aceri, carpini, frassini, olmi e noccioli. Fra le specie arboree presenti sin dall’antichità troviamo la bellissima e sgargiante peonia e la ginestra. Le suggestive aree prative  del Parco comprendono specie vegetali quali la mentuccia, il timo, la carlina, il cardo saettone e la scarlina.

I verdi prati delle zone collinari si colorano, durante il periodo primaverile, di fioriture rosa grazie al garofano selvatico, di fioriture gialle grazie al verbasco e la linaria e di un manto rosso intenso tipico di papaveri e orchidee.
ContentInfoPageDetail-GetPartialView = 0,003003
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Approfondimenti Parco Regionale dei Castelli Romani

ContentListPageList-GetPartialView = 0,0020017

Le guide più popolari

3
PARCHI E GIARDINI
2
VIE PIAZZE E QUARTIERI
2
MONUMENTI ED EDIFICI STORICI
2
NEGOZI E CENTRI COMMERCIALI
1
MUSEI E PINACOTECHE
3
MONUMENTI ED EDIFICI STORICI
1
NATURA E SPORT
1
NEI DINTORNI
1
PARCHI E GIARDINI
1
CONSIGLI GENERICI
3
MONUMENTI ED EDIFICI STORICI
2
ALTRE ATTRAZIONI
1
CUCINA E VINI
1
NEGOZI E CENTRI COMMERCIALI
1
VIE PIAZZE E QUARTIERI
GuideListAggregateByDestination-GetPartialView = 0,2584305
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0080077
AdvValica-GetPartialView = 0
Gallery_3xN_Small-GetPartialView = 0,0120115
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0140133
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
Footer-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0