×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0156271
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida Marrakech  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0156258

Info su Marrakech

Altitudine:
466 m
Introduzione

Marrakech è la terza città più grande del Marocco, nonché uno dei principali centri economici e turistici dello Stato africano.

Si trova in un area interna a sud-ovest del paese, prossima ai monti dell’Alto e Medio Atlante. Le origini di questa città risalgono al finire dell’XI secolo, quando venne fondata da Yusuf ibn Tashfin, capo militare degli almoravidi assumendo poi splendore sotto Yaqub al-Mansur, discendente della dinastia almohade. Marrakech divenne un importante centro culturale, religioso e commerciale per tutta l’area del Maghreb, ma dovette assistere alle lotte tra le diverse dinastie perdendo rapidamente importanza fino alla colonizzazione da parte dei Francesi (fine '800).

Con l’indipendenza del Marocco anche Marrakech venne investita da un forte flusso migratorio ingrandendosi notevolmente. Come in passato, l’economia di questa città magrebina oggi resta principalmente legata al mercato tradizionale berbero (souk), il più grande della zona e di per sé già interessante attrazione turistica della città.

Oltre ai prodotti dell’artigiano e della tessitura possiamo trovare le famose spezie, alla base di tanti piatti della cucina locale. Esistono anche alcune specialità riguardo le bevande, come il tè alla menta e il famoso caffè marocchino.

Tra gli eventi che caratterizzano la vita cittadina, c'è Arts in Marrakech (AiM), biennale di arte e primo festival trilingue del Nord Africa.

Marrakech è una città interessante, da vedere anche per il prezioso patrimonio storico e artistico riscontabile nei tanti edifici della città.

CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

108
Ottimo
73
Buona
28
Media
9
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
34
Coppie
26
Turisti maturi
15
Giovani e single
14
Famiglie
8

Indicatori

Attrattive
Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Servizi ai turisti
attività
shopping
Intrattenimento
Sicurezza
convenienza
Trasporti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0156263

Recensioni Marrakech

Conosci Marrakech? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Marrakech fa parte di quelle destinazioni che non finiscono mai di far sognare. Se gli amanti della città di una volta non riconoscono più la loro Marrakech a causa dei numerosi turisti, dei baracconi pieni di cianfrusaglie e dei dintorni... vedi tutto con gli ostentati hotel e palazzi, la città preserva comunque uno charme incontestabile. Lasciatevi guidare dai suoi colori e dai suoi profumi e cominciate dalla piazza principale, la Jermaa-el-Fna animata di giorno come di notte! Piazza Jermaa-el-Fna: è l’attrazione turistica principale della città. Sempre animata, offre un’immagine sorprendente di contrasti: qui convivono i musicisti, i turisti, i mendicanti, gli incantatori di serpenti, i guaritori … Insomma una folla eteroclita che non può lasciare indifferente. Una volta calato il giorno, i bettolieri prendono posizione e trasformano la piazza in un immenso ristorante all’aria aperta dove si possono gustare specialità locali a prezzo modico. La Koutoubia: costruita nel 1157 per volontà del sultano Abdelmoumen, affascina per la bellezza delle sue forme e per la grandezza della sua architettura mentre il suo minareto, altro 77m, è visibile a più di 25 km. E’ il monumento religioso più famoso di Marrakech. Dar Si Saïd: Originariamente proprietà di Si Saïd B. Moussa, allora ministro della guerra, nella seconda metà del XIX secolo, questa bella dimora ospita un museo d’arte specializzato nelle lavorazioni in legno della regione di Marrakech e delle province del Sud. Il Museo di Marrakech: Aperto dal 1995, il museo si trova nel cuore della Medina, in piazza Ben Youssef. Il suo intento è di perpetuare la tradizione artigianale della città, così nel pianoterra troverete un’esposizione di vestiti, oggetti di rame martellato, armi e gioielli berberi mentre nel salone del primo piano raccoglie mobili in cedro.  Palazzo della Bahia: Costruito verso il 1880 per il gran visir Ahmed ben Moussa, il palazzo comporta 150 stanze, tutte su un unico livello essendo il proprietario invalido. Le camere sono riccamente decorate, i giardini e i patio sono particolarmente belli. Solo una piccola parte del palazzo può essere visitata dato che la famiglia vi soggiorna talvolta. I giardini, grandi diversi ettari, sono interessanti da percorrere. Jardin Majorelle et musée d’art islamique : Il pittore Jacques Majorelle ha creato questo luogo incantevole negli anni 20 piantando attorno al suo atelier delle bougainvillae, banani, palme, bambù giganti, yucca, gerani … Nel 1962, la proprietà viene poi ripresa da Yves Saint-Laurent e Pierre Bergé e così il giardino diventa una vera oasi di benessere, di colori, profumi, un’isola felice molto apprezzata dai turisti come … Winston Churchill! Dagli anni 1980 un museo di arte islamica arricchisce il luogo con la collezione personale di Pierre Bergé e di Yves Saint-Laurent costituita da oggetti provenienti dal Maghreb, Oriente, Africa e Asia. Palazzo el Badi: Ahmed El Mansour Ed-Dahbi ordinò la costruzione di questo palazzo in seguito alla vittoria nel 1578 della “battaglia dei Tre Re”. All’epoca, questa costruzione attirava la bramosia di tanti Re perché si diceva che chi lo possedeva, possedeva il potere. Oggi ne rimane un’immensa spianata fatta di giardini e circondata da muri alti. E’ in questo quadro spettacolare che si svolge il festival annuale della folcloristica marocchina. Tombe Saadiane: risalenti all’epoca del gran sultano Ahmed El Mansour (1578-1603), queste tombe furono scoperte solo verso il 1917 e da quel momento non smettono di meravigliare il visitatore per la bellezza della loro decorazioni. La Medina: dal 1982 è entrata nel patrimonio mondiale dell’umanità. Se originariamente la medina risale al XI secolo, fu in seguito distrutta prima di essere ricostruita. Nel XII secolo, una kasbah fu costruita per la difesa della città: le muraglie alte otto metri circondano ancora la medina su quasi 19 km. La moschea El Mansour fu costruita nel XII secolo sotto il regno del sultano Yacoub El Mansour ma fu ricostruita nel 1569, con un minareto che si riconosce da lontano – la moschea è lunga 80 metri.  L’architettura di questo centro storico è rimasta invariata dal XVII secolo. E’ difficile non essere spaesati nei vicoli e stradine della caratteristica Medina, sopranominata la città rossa per il colore ocra diffuso in tutta la città. I Souk: I souk sono tradizionalmente delle stradine strette, -  per proteggersi del sole hanno inoltre sospeso dei graticolati per filtrare la luce. I souk sono aperti dalle 8.30 alle 20 e sono organizzati per quartieri e mestieri. E’ importante segnalare che il venerdì numerosi baracchini sono chiusi.  
carmen milani
Livello 22     2 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Ciao! Stanche del lavoro, stressate da un anno intenso tra doveri familiari e altro, tre mie amiche ed io abbiamo pensato di regalarci una vacanza. Abbiamo deciso di volare in Marocco, per assaporare una cultura diversa, un clima in questo... vedi tutto periodo piacevole e tanta avventura. Da sole non ci sentivamo di partire, ma neanche con i soliti tour operator. Leggendo nei vari forums di viaggio abbiamo scelto un tour operator locale. Il nostro viaggio ha avuto inizio da Marrakech. Youssef, la nostra guida, ci ha accolto allaereoporto con la sua 4x4, pulita, nuova, ordinata e ci ha portato subito ad assaporare suoni colori della magica piazza Jama La Fnaa, dei suoi souk, e delle sue viuzze. Proprio in una di queste viuzze, cera il nostro Riad, bello, pulito, accogliente e molto silenzioso, che ci ha permesso di riprendere le forze per affrontare la nostra magica avventura.Il giorno dopo Youssef ci è venuto a prendere al riad per partire per le Gole del Dadés passando per lAlto Atlas di ben 2260 m. Il contrasto della natura è impressionante: si passa dal colore rosso terra, al verde intenso, allaridità delle montagne e allazzurro intenso delle acque. Proseguendo siamo giunti alla Kasbah Telluet: questa Kasbah è unica nel suo genere perchè pochi turisti e tour operator la conoscono, senza contare che per raggiungerla si incontrano villaggi berberi particolari. Durante il tragitto si trova anche la famosissima Kasbah Ait Ben Hdou.Ed eccoci ad affrontare il magico deserto. Il silenzio è assordante, il tramonto sulle dune indescrivibile, di notte il cielo è un tappeto di brillanti. Abbiamo percorso un tragitto di 1 ora e mezza a dorso di cammello e siamo giunte nel cuore del deserto. Abbiamo dormito sotto una vera tenda berbera, dico vera perchè fatta con lana di dromedario e capre. Allalba abbiamo fatto ritorno al nostro hotel dove, dopo un tuffo rinfrescante nella splendida piscina, siamo ripartite alla volta di un villaggio abitato da una popolazione di schiavi africani del Senegal che ci hanno fatto conoscere la loro musica. Il giorno dopo siamo partiti per unaltra magica città: Fez. Mentre Marrakech è rossa, Fez è completamente bianca. Abbiamo chiesto a Youssef di portarci alla conceria delle pelli per acquistare qualcosa e dopo la consueta contrattazione del prezzo abbiamo comprato splendidi giubbotti in pelle e in renna per i mariti, quasi per farci perdonare per la fuga! Abbiamo girato Fez sempre con la nostra guida anche perché, a differenza di Marrakech, è molto facile perdersi essendo questa costruita come un labirinto. La nostra breve ma intensa e indimenticabile vacanza si è conclusa a Fez. Una delle mie amiche, era già stata in Marocco con un altro tour operator locale, ma non si era trovata così bene, perché aveva sì risparmiato qualcosa, ma a che prezzo!!! Anche se pu essere costato un pochino di più di altri tour operator che abbiamo contattato, di Youssef ci ha soddisfatto sia nella scelta particolare dei riad, dei posti originalissimi da visitare, della sua puntualità e serietà, e da non sottovalutare il fatto che sia un prudente guidatore e che la sua è una società sarl quindi legale e NON una agenzia non registrata regolarmente. Quindi vale il detto HAI QUELLO CHE PAGHI!
Da non perdere Deserto del Sahara , Visita guidata
maria michela
Voto complessivo 10
Guida generale : Magica. Bellissima. Esotica Marrakech, con il minareto della Coutoubia che svetta sulla piazza, gremita di incantatori di serpenti, scimmiette, ballerini, e... tante bancarelle, con densi ed aromatici effluvi che si che si librano nell'aria. La Medina ci viene incontro coloratissima,a... vedi tutto ffascinante per il visitatore occidentale, con le sue mille tentazioni: tutti ti vogliono vendere di tutto. Fuori dalle mura color ocra il complesso di Chez Ali, proprio per occidentali, con tanto di danza del ventre, scaramucce fra destrieri arabi, dromedari, cena sotto la tenda berbera. Affascinante poi, il mercato berbero del giovedì, con il salgemma in grosse pietre disposto per terra, pollame che viene sgozzato davanti ai tuoi occhi, asinelli, oggetti di celluloide e le poltrone del barbiere e del dentista affiancate casomai uno avesse bisogno dei loro servigi, poco lontano un ponte di corda sospeso sulle gole del fiume.
susanna vitelli
Livello 18     2 Trofeo    Viaggia: Con amici, Da solo, Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Un tuffo in profumi, colori e sensazioni che ha tanto dell'etnico che adoro, ma con contorni internazionali di grande fascino! Ci torno sempr e volentieri anche perche' la miscela 35 spezie si trova solo li, anche se comprarla ti costa... vedi tutto mezz'ora di presentazione in quelle erboristerie dove finisco a spendere milioni! Adoro sedermi a sentirmi offrire tappeti, pouf di pelle, borse ed altro, sorseggiando un caldissimo the alla menta e sentendomi chiedere cifre che sono dieci volte quello che finiro' a pagare. Mi piace tanto vedere la piazza cambiare nel corso della giornata che avanza e si trasforma in sera e riempirmi di tutte quelle cose piccanti e meravigliose che a casa riproporro' ad amici e parenti perplessi che mangerebbero solo ossibuchi ed orecchiette, ma che poi apprezzeranno entusiasti!
Da non perdere dormire in un riad , gallerie d'arte , il quartiere dei pellettieri
Pasquale De Fidio
Livello 40     2 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Consigli su Marrakech Fatevi un hammam tradizionale, esperienza unica e indimenticabile , aggiungete anche il gommate effettuato da una donna marocchina che vi massaggia con il guanto di crine. Alla fine uscirete con una pelle di albicocca. Sublime. Salite sulla terrazza di... vedi tutto uno dei bar della piazza Jemaa-el-Fna a bere un the a la menta. Vi consigliamo di salire sul famoso Café de la France. Sotto di voi si svolge uno spettacolo bellissimo……… Fate un giro in calesse intorno alle mura della Medina. Magari al tramonto, quando il colore rossastro della città si accende ancora di più. Assaggiate i dolci marocchini, a base di miele e pasta di mandorle. Attenti alla linea perché sono dolcissimi.Una buona pasticceria si trova nel quartiere Gueliz vicino all’ ufficio postale. Cenate almeno una volta, in una dei ristoranti bancarelle della piazza. Esperienza da provare, a meno che siate un po deboli di stomaco. Per pochissimi dirham piatti dello Street food a piazza Djemaa el Fna. Bevete solo bibite in bottiglia e non usate le posate. Fatevi fare un tatuaggio all’hennè sulle mani. La piazza è piena di tatuatrici berbere con il loro catalogo dei disegni che possono realizzare. Il tatuaggio resta per circa una settimana. Fatevi una passeggiata nel verde del Palmeraie un immensa distesa di palme, sopratutto se andate a Marrakech in estate, sentirete il bisogno di un po’ di fresco. Visitate un Riad della Medina, case da mille e una notte che spesso sono nascosti dietro portoni chiusi in stradine strette e buie. Non vergognatevi di chiedere informazioni ai Marrachi , sono sempre disponibili e gentili nell’aiutare i turisti. Anche quando decidete di comprare qualcosa a Marrakech, non dovete vergognarvi di trattare sul prezzo che vi viene chiesto. sopratutto nei negozi della medina , contrattare il prezzo fa parte della loro cultura, cercate di ottenere uno sconto del 50 % del prezzo iniziale. Se ci riuscite !!!!! ehehehhehe Io senza Malika non ci sono mai riuscito Sconsigli • Non andate a cambiare i vostri soldi al di fuori dei canali ufficiali. Si cambia in banca o in albergo, senza commissioni. Un euro = 11 dirham. • Non usate i grand taxi per girare in città. Costano di più dei petit taxi. • Non cambiate troppi euro. I dirham avanzati potrai cambiarli all’aeroporto prima di partire ma ci perderete comunque un 50% di commissione. • Non telefonare dall’albergo.Usate invece i telefoni pubblici , chiamati teleboutique o al limite il vostro cellulare. Ricordate che la tariffa per telefonare in Italia dal Marocco con il vostro cellulare e molto alta. Speriamo che i nostri consigli su Marrakech vi siano di aiuto e buona vacanza a tutti.
Da non perdere Palmeraie , Piazza Djemaa El Fna , Palazzo El Badi
Erica
Livello 1     0 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 8
Guida generale : Siamo da poco tornati dal Marocco ed è stata un viaggio bellissimo. Ci siamo affidati a un tour operator del posto contattato via internet prima del viaggio. L’agenzia a cui ci siamo rivolti è la Marvelous Morocco Tours gestita da... vedi tutto personale berbero. Il viaggio è stato stupendo.Abbiamo prima visitato Casablanca, Rabat, Meknes e Fez, città imperiali interessanti per i loro monumenti e le medine con le stradine strette, i mercati, gli artigiani; da non perdere a Fez la zona della concia e della tintura delle pelli con le vasche bianche e colorate. Poi abbiamo attraversato il medio Atlante e, lungo la valle dello Ziz, siamo arrivati a Rissani e Merzouga fino alle porte del deserto. Abbiamo visitato il deserto nero e il deserto rosso, in cammello siamo arrivati alle dune dell’Erg Chebbi e passato una notte sotto le tende berbere nel deserto; all’alba le dune meravigliose si colorano di rosso e si stagliano sul cielo azzurro. Poi il sud del Marocco, le kasbahs, le gole del Todra e del Dades. Siamo ritornati al nord attraverso il Grande Atlante fino a Marrakech, città speciale con la sua medina, i palazzi, le moschee e la piazza Jemaa El-Fna piena di colori, di odori e di suoni. Infine Essaouira, l’Oceano Atlantico, il porto, le mura antiche e i pescherecci. Iddir e la Marvelous Morocco Tours sono la scelta migliore per visitare il paese. Con Iddir Hassan e Ibrahim ci siamo sentiti via mail ed abbiamo concordato l'itinerario, poi il viaggio è stato un piacere. Pernottamenti in hotel tutti bellissimi, macchine per spostarsi sempre nuove, pulite e perfette. Se volete viaggiare in coppia o con amici o anche con bambini piccoli al seguito va benissimo, Lo consiglio senza ombra di dubbio. Grazie Iddir. Cari Saluti, Paolo Vanessa Nora Sara E felipe
giancarlo41
Voto complessivo 8
Guida generale : Il consiglio più utile è chi va in queste località deve avere un poco di spirito di avventura e di più di adattamento e di andarci già con una certa preparazione sapendo cosa ci si aspetti. Per Marrakech vedere il... vedi tutto più possibile quanto indicato nelle guide turistiche, non perdersi assolutamente alla sera le bancarelle di cibarie di piazza JEMAA EL FNA e se vengono i bambini e le bambine per mangiare, per favore accoglieteli, fate una cosa bellissima e chiudete così la serata meglio che passarla in qualche ritrovo famoso dove vi pelano. Per chi se lo può permettere il capodanno con i Touareg fra le dune del deserto, un ricordo indelebile meglio di quelli noiosissimi trascorsi in qualche ristorante cittadino con la solita baraonda.
anonimo
Voto complessivo 7
Guida generale : Siamo appena tornati da un viaggio a Marrakech e non voglio ripetere i soliti commenti,spesso contrastanti, come è giusto che sia: splendida, sporca, unica, meravigliosa, invivibile etc etc: CREDO CHE L'AGGETTIVO CHE PIU SI ADATTA A QUESTA CITTA SIA: SORPRENDENTE,... vedi tutto perché in queste viuzze piccole anche sporche a volte maleodoranti vi sono porte o cancelli che aprono ad un mondo straordinariamente bello per l'occhio e per l'olfatto con piante stupende e profumate mosaici bellissimi ed una "umanità" incredibile
Laura Lamperti
Livello 36     4 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 10
Guida generale : MAGICA, INTRIGANTE, ALLEGRA - DA NON PERDERE LA MITICA PIAZZA JEMAA EL FNA PATRIMONIO DELL'UNESCO - DA ASSAGGIARE LA TAJINE CON PRUGNE E MANDORLE - DA BERE IN TERRAZZA CON VISTA SUL TRAMONTO UN BUON TE' ALLA MENTA - LA... vedi tutto CARATTERISTICA MEDINA - UN ASSAGGIO DEI DOLCETTI MAROCCHINI - STUPENDA LA CATENA DEI MONTI DELL'ATLANTE - ASSOLUTAMENTE SOGGIORNARE IN UN CARATTERISTICO RIAD E FARSI COCCOLARE IN UN HAMMAM - SE AVETE PIU' TEMPO CONSIGLIO UNA GITA CON ALMENO UNA NOTTE DI PERNOTTAMENTO A ESSAOUIRA SULLA COSTA - VERAMENTE RILASSANTE - ANCHE QUI SCEGLIETE UN RIAD E ANDATE A MANGIARE IL PESCE APPENA PESCATO AI BANCHETTI DEI PESCATORI AL PORTO - CONTRATTATE IL PREZZO E SPENDERETE DAVVERO POCO - BUON VIAGGIO.
paola segalla
Livello 11     1 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici
Voto complessivo 9
Guida generale : Solo la piazza merita il viaggio, se a questa aggiungi suq, moschee, torre, caffè, ma sopratutto profumi, odori, colori, allegria, insomma tutto ti conivolge e ti senti parte di tutto. se siete un gruppetto di amici il consiglio è di... vedi tutto prenotere solo per voi un pulmino e una guida che vi farà fare un tour del Marocco scegliendo voi i posti i tempi e sarà dal deserto alla neve con esperienze meravigliose, ma se avete poco tempo anche solo un week-end merita questa splendida città.
Da non perdere Moschea Koutoubia , la Menara , Piazza Djemaa El Fna
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0625044
IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0,0312529

Destinazioni vicine a Marrakech

DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca Hotel a Marrakech

HotelSearch-GetPartialView = 0,0156258

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Avventura
Mete romantiche
Shopping
Enogastronomia
giovani e singole
Montagna
Mete per la famiglia
Terme e Benessere
Sport
Sole e Mare
Verde e natura
Studenti
Casino'
Cicloturismo
Pellegrinaggi
DestinationListExperience-GetPartialView = 0,0156262
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0312529
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0,0795483
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0312524
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0