×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Dove Mangiare a Napoli, Ristoranti consigliati  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Tra una passeggiata nel parco della Villa Comunale, una visita alle gallerie di arte contemporanea e una full immersion nel coloratissimo centro storico, l'anima di Napoli si svela altresì con il suo cibo.

Dopo il tradizionale street food napoletano a base di fritti e frattaglie da mangiare per strada, mentre si ammira la città con il naso all'insù, è davanti alla sapidità agrodolce di una pizza di scarole o di un piatto di braciole al ragù, entrambi arricchiti di uva passa, che è possibile scoprire come gli antichi Romani, con il loro amore viscerale per l'agrodolce abbiano influenzato un'arte culinaria, quella partenopea, che affonda le sue radici in un passato antico.

Dove mangiare a Napoli: le zone migliori e cosa mangiare

Una cucina molto ricca. Quella napoletana è di fatto è un'arte culinaria frutto delle numerose influenze dovute ai molteplici contatti con altre culture. Città di mare, Napoli, attraverso dominazioni e scambi mercantili ha fatto propria una nutrita quantità di ingredienti, rielaborati poi in ricette straordinarie.

Allestimenti che danno vita a piatti poveri e ricchi, che vale sempre la pena scoprire. Ne è esempio la Pasta e fasul, ovvero la pasta e fagioli, pietanza povera, provienente dalle cucine di braccianti e contadini. La ricetta, molto amata dai napoletani, è una composizione di pasta cotta e legumi, una vera delizia. Altresì imperdibile la variante di quest'allestimento culinario: pasta e fasule cu 'e cozze, cioè la pasta e fagioli con le cozze, piatto che vede in un connubio vincente l'abbinamento mare e terra, figlio di una ricetta nata per riciclare gli avanzi.

Non si può dire d'essere stati in suolo partenopeo senza aver assaggiato un vero e proprio must della cucina napoletana, il famoso salsicce e friarielli. Il binomio di questi due ingredienti, salsiccia di maiale e friarelli, verdura tipica di Napoli, risulta indissolubile ed è lo stesso che ha dato vita al detto tutto partenopeo "A sasicc' è 'a mort d' 'o friariell!".

Se esiste una sovrana dello street food napoletano, questa è la pizza fritta, una pietanza povera, assolutamente da assaggiare nei quartieri popolari: è qui che la regina regna. Non solo salato. Il cibo da strada partenopeo è anche dolce. A deliziare il palato ci pensa, infatti, l'ottimo gelato made in Naple.

La scelta del luogo in cui mangiare a Napoli è talmente semplice da risultare complicata. In un panorama composito, tra le zone migliori per assaggiare la cucina locale ci sono senza dubbio i quartieri di Mergellina e di Chiaia, dove oltre a trovare dell'ottimo street food c'è un vero e proprio brulicare di pasticcerie, ristoranti, osterie, locali e pizzerie. Famosa quella di Brandi, dove si racconta che sia nata la prima pizza Margherita.

Qualunque sia il locale scelto una cosa è certa: con poco più di 20 euro si può mangiare dell'ottimo cibo tradizionale. Se poi si punta sulla pizza la spesa è in media di 11 euro o poco più.

In ogni caso si consiglia sempre di evitare le prenotazioni tramite coupon per non incorrere in spiacevoli fregature.

Dove mangiare a Napoli: i 5 ristoranti migliori

Mangiare pesce fresco a Napoli significa gustare ottimi piatti in Riviera. Qui, nei pressi di piazza Amedeo, esattamente al civico 28 M di via Giovanni Bausan, affacciata sul litorale Mergellina c'è l'Osteria Cap'Alice. Oltre ai menu di pesce, il locale offre anche ottimi menu di terra e vegetariani. Tra le pietanze imperdibili ci sono lo spaghettone con Alici di Cetara e il coppetiello di alici. Nonostante il ristorante sia nato nel 2012 si è da subito affermato tra le eccellenze partenopee grazie a preparazioni semplici e al rispetto delle sapidità delle materie prime impiegate.

A Chiaia, uno dei locali storici napoletani, l'Antica Osteria da Tonino, merita senz'altro una visita. Dal 1880 il locale propone ottimi piatti caserecci come il goloso involtino al ragù. Qui è possibile gustare ottimi menu vegetariani.

Non si può lasciare Napoli senza aver assaggiato la pizza gourmet di 50 Kalò di Ciro Salvo, il maestro pizzaiolo noto per l'impasto leggero e superdigeribile. La pizzeria, che si trova al civico 201 B di piazza Sannazaro, nel quartiere Mergellina, offre anche pizze per vegetariani e vegani.

Sempre in piazza Sannazaro, al numero 72, si possono accarezzare le proprie papille gustative nell'Antica Osteria Pisano. Il locale dal 1947 offre una selezione ricercata dei migliori vini campani. Tra i must della cucina la frittura di paranza. Disponibili i menu dell'arte culinaria mediterranea.

Per finire in bellezza, in via Riviera di Chiaia 64 è ubicata la Cantina di Triunfo, nata a metà del XIX secolo. Qui si può assaporare il meglio della gastronomia tradizionale locale. Tra le pietanze da assaggiare il mussillo baccalà pomodoro giallo e olive. Sono disponibili anche menu per vegetariani, vegani e gluten free.

I prezzi medi di questi locali si aggirano intorno alle 20 euro.

Per raggiungere il quartiere Chiaia è possibile prendere la linea della metro numero 1 o servirsi dei bus urbani 151 e R2. Mergellina è invece raggiungibile col la linea 2 della metropolitana o con i bus urbani 140, 151 e R7.

ThreadPageIntroText-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0156262
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Recensioni Napoli

Giusi Barreca
Livello 71     4 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Dove mangiare : A Napoli si mangia molto bene in stile tipicamente mediterraneo, ottima soprattutto la cucina di mare, la pasticceria e la pizza. Fra le specialità da non perdere si va dalla pizza in tutte le sue più fantasiose varietà alla pasta e... vedi tutto patate con provola, dalla salsiccia e friarielli al sartù di riso arricchito da polpettine, piselli, mozzarella e uovo sodo, dalle linguine al cartoccio di mare alla parmigiana di melanzane, dalla pezzogna all'acqua pazza ai manfredi con la ricotta. E che dire dei dolci si va dai famosi babà al rhum alle sfoglitelle ricce e frolle di Pintauro e Attanasio alla ferrovia, dai natalizi roccocò e struffoli alla pasquale pastiera, dalle delizie al limone alla caprese. A Napoli esiste anche un deliziosa tradizione per lo street food con la pizza da passeggio piegata a fazzoletto, la pizza fritta con ripieno di ricotta, i taralli con pepe e nocciole, la trippa con sale pepe e limone, il coppetiello di carta con fritture quali le zeppolelle (piccole pastelle fritte), i panzarotti (piccoli crocchè di patate),gli scagliuzzoli (frittelle di polenta) e piccoli arancini di riso, il tutto condito con sale e pepe, Premesso che la peggiore pizzeria napoletana sarebbe la migliore in qualsiasi altro posto al mondo, fra le più apprezzate ricordo La Notizia di Enzo Coccia, Starita a Materdei, Sorbillo ai Decumani, Giggino e figli a Soccavo, Di Matteo ai Decumani, Michele a Forcella, Brandi a via Chiaia e tante altre ancora. Fra i ristoranti dove penso si possa apprezzare l'aspetto "verace" della cucina Partenopea ricordo Nennella ai Quartieri Spagnoli, Ciro alla ferrovia, Ciro a Santa Brigida, La mattonella e La Taverna degli Amici al Monte di Dio, La Taverna dell'arte a Maezzocannone. Come consigli? Da turista seguirei l'istinto facendomi trasportare dalla Napoletanità di una città imprevedibile che anche a tavola non finisce mai di stupire. P.S. dimenticavo "a tazzulella e cafè" e come si dice a Napoli "ho detto tutto..."
Da non perdere Decumani , Cimitero delle Fontanelle
Angelo
Voto complessivo 9
Dove mangiare : Napoli può accogliere e soddisfare qualsiasi palato: dalla pizza "A libretto" della rosticceria all'angolo della strada al ricco menù di mare dei ristoranti. Mentre passeggi per il centro storico ammirando monumenti e bottegucce di artigiani, puoi placare la tua fame... vedi tutto con un "coppetiello" di frittura (arancini, panzerotti, frittatina, verdute pastellate, etc.) o con un saltimbocca di prosciutto e mozzarella; e se hai voglia di dolce, c'è solo l'imbarazzo della scelta tra un sontuoso cono di gelateria artigianale (aperte tutto l'anno)o una deliziosa "Santa Rosa" (sfogliata riccia farcita con amarene). E a Marechiaro, la sera, una "linguina all'astice" ti fa apprezzare di più la vita, mentre la risacca del mare blu fa da sottofondo. Da non perdere (e postare una foto immediatamente) la pizza fritta completa (con ciccioli, ricotta, provola e pepe) da Pellone a Via Nazionale. La Margherita che mangerete da Sorbillo a Via Tribunali vi farà dimenticare l'attesa di un quarto d'ora per sedervi. E sul lungomare di Pozzuoli, con poca spesa, gusterete il mare vivo della Campania. Ma se preferite i sapori di Terra, da Malafronte a Gragnano potrete mangiare il vero Panuozzo (con la pasta di pane) oppure da Mascolo (con la pasta di pizza). In ogni caso, una bottiglia di Falanghina (dei Campi Flegrei o del beneventano) o un Lachrima Cristi vesuviano delizieranno il vostro palato. Buona Napoli.
Raffaele Falconetti
Livello 14     1 Trofeo   
Voto complessivo 8
Dove mangiare : «Da quanto si dica, si narri, o si dipinga, Napoli supera tutto: la riva, la baia, il golfo, il Vesuvio, la città, le vicine campagne, i castelli, le passeggiate… Io scuso tutti coloro ai quali la vista di Napoli fa... vedi tutto perdere i sensi! » Queste le parole con cui Johann Wolfgang von Goetheomaggiò Napoli nel suo Italienische Reise. Credo si possa dire lo stesso della sua variegata cucina, ricca di contaminazioni etniche. Le pietanze da provare sono certamente la "ricotta di fuscella" così chiamata dal cestello forato di forma tronco conica, tradizionalmente fatto di vimini intrecciati, nel quale viene trasportata e venduta (appunto fuscella), molto leggera rispetto alla classica ricotta vaccina. La nota mozzarella di bufala, con la quale spesso troverete pizzerie che la utilizzano per le pizze (consiglio l'arcinota "da Michele" che, per quanto assalita dai turisti, propone una pizza gustosissima e molto sottile, diversa da tutte le altre). La lista sarebbe inesauribile...
Da non perdere Castel dell’Ovo , Parco Archeologico-Ambientale del Pausilypon , Cappella San Severo
Silvia La Barbera
Livello 15     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Dove mangiare : Napoli è la città per eccellenza soprattutto per il cibo che è vario e gustoso. Le sue specialità sono talmente numerose che ci vorrebbe un libro intero per poterle citare e descrivere esempio: le pizze sono proposte in vari gusti... vedi tutto tra cui quelle particolari le pizze fritte e i calzoni al forno e le pizze imbottite con salcicce e friggerelli o per mantenersi più leggeri con le tipiche scarole con olive e capperi.Altre specialità sono gli antipasti, primi i secondi di pesce, il casatiello che è un rustico tipico pasquale ma che si tratta tutto l'anno, per quanto riguarda i dolci ci sono la piccola pasticceria che varia tra babà, deliziose, cannolini ripieni, sfogliatelle ricce e lisce, sciù al cioccolato o alla crema ed altro ancora giusto per citarne alcune. Altri dolci caratteristici sono gli struffoli, le graffe fritte tutto questo accompagnato con il tipico limoncello che si presenta anche in altri gusti come la crema di meloncello,quella agli agrumi.Per quanto riguarda i ristoranti e pizzeria consiglio vivamente quelli del centro storico napoletano oltre che eccellenti sono anche molto economici, ma se se vuole spendere qualche soldo in più e anche ammirare un paesaggio mozzafiato consiglio di andare a mangiare sul lungomare di via caracciolo mergellina. Insomma andate a Napoli ed avrete tutto quello che non avete mai gustato da nessuna parte...provare per credere.
Antonella Buoninsegni
Livello 44     2 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Dove mangiare : Io che ci vivo sono di parte, ma non ho mai sentito nessuno parlar male del cibo di Napoli. La nostra è la vera cucina mediterranea, fatta di pochi ingredienti ma genuini, da rendere il sapore della più piccola cosa... vedi tutto autentico. Il caffè ai bar di Napoli ha un sapore diverso, perché servito sempre con un bicchiere d'acqua, da bere obbligatoriamente prima del caffè per gustarlo per bene. Da non perdere: - il caffè dell'Exytus a Pozzuoli - la sfogliatella di Carraturo o di Pintauro nella Galleria Umberto - la VERA pizza da Michele e quella di Lombardi a via Foria - la trattoria da Nennella - i panini del furgoncino di Giggin è Semp n'Amic a Ercolano - i taralli acquistati sui chioschetti del lungomare Caracciolo, o al tarallificio Leopoldo. Da accompagnare obbligatoriamente con un birra fredda. I gusti della mia città sono vari e sempre ottimi, i posti dove si mangia bene sono tantissimi. Un consiglio pratico? I migliori luoghi sono quelli affollati e piccoli... si attende un po' ma ne vale sempre la pena :)
laura cordella
Livello 14     1 Trofeo   
Voto complessivo 8
Dove mangiare : A Napoli si può mangiare un pò dappertutto e soprattutto a tutti i prezzi. Ci sono molti ristoranti davvero eccezionali non solo in centro ma anche sparsi per i dintorni. I napoletani sono maestri nel sapersi vendere le proprie tradizioni... vedi tutto , usi e costumi, compresa la gastronomia, ma al tempo stesso non mancano di inventare nuovi sapori e piatti. Ultimamente ho avuto modo di provare le alici idi gelato imbottite di provola al forno, una vera ghiottoneria. Lo stesso si può dire di un pasticciere dell'interland che ha inventato il cioccobà. Si tratta di un babà, ricoperto di cioccolato con l'anima di gelato all'interno. Ta i ristoranti da segnalare me ne viene in mente uno in particolare : si chiama "La trattoria Caprese". Si trova nel quartiere del Vomero, è aperto sette giorni su sette e chiude solo a Natale. Il cibo è ottimo come pure il rapporto qualità prezzi è veramente competitivo.
Da non perdere Centro Storico , Napoli sotterranea , cristo velato
Loredana Correra
Livello 18     2 Trofeo   
Voto complessivo 9
Dove mangiare : A Napoli si mangia con qualsiasi cifra ed a qualsiasi ora. Ci sono ristoranti di lusso, dove si possono gustare piatti prelibati, della tradizione e non, con un servizio adeguato al livello; ci sono trattorie, pizzerie, rosticcerie, salumerie, bar dove... vedi tutto si trova di tutto: con un solo euro in tasca, a Napoli, sopravvivi! Cosa mangiare? La pizza? Quella certamente! E' buona un po' dovunque, ma raccomanderei Sorbillo, Di Matteo e Michele al centro storico, Donna Margherita a v. Alabardieri. Buona la frittura, superbi i dolci (Mary in Galleria, Leopoldo, Bellavia ecc...). Nelle trattorie (tipo " 'nu murzill sapurito" v. Sergente maggiore) raccomanderei piatti tipici come: pasta e patate con la provola, spaghetti ai frutti di mare, salsicce e friarielli, spaghetti alla puttanesca... Insomma,a Napoli il rischio di ingrassare è reale :)
Rosaria Baldetta
Livello 54     5 Trofeo   
Voto complessivo 9
Dove mangiare : Si mangia benissimo. Da non perdere: pizza, casatiello, ragù, mozzarella, salame di Napoli, babà, sfogliatella, caffè, pastiera, struffoli, chiacchiere, zeppole di San Giuseppe, pasta e ceci, paccheri con cozze, salsiccia con i friarielli, polipi alla luciana... Per i dolci: bar... vedi tutto Salvo (Via Alvino, Vomero), La Sfogliatella Mary (via Toledo), Scaturchio (Piazza San Domenico Maggiore). Per cene biologiche: Un filo d'Olio (Via Girolamo Giusso). Per la pizza: Sorbillo (Via dei Tribunali), Leopardi (Via Leopardi), La Notizia (via Caravaggio). Per focacce: LA FOCACCIA EATING IN NAPLES (Vico Belledonne A Chiaia) Per frittura da passeggio: Friggitoria Vomero (Via Cimarosa), La passione di Sofì (Via Roma), Per pranzo tipico napoletano: Trattoria da Nennella (Vico Lungo Lungo Teatro Nuovo).
Da non perdere Cappella San Severo , Metropolitana , San Gregorio Armeno
Angela Mà
Livello 42     7 Trofeo   
Voto complessivo 6
Dove mangiare : Le specialità sono le solite: pizza per tutti! la migliore del mondo! I nomi delle pizzerie più famose sono su molti siti e giornali. Per mangiare bene e variare tanto suggerisco il quartiere Vomero: si passa dalle patatine fritte (in via... vedi tutto scarlatti) ad un buon pollo con patate (NapoliCentrale)a patatine e salsiccia con fonduta (PennyBlack. buono anche il resto ma quelle sono speciali!)ai manicaretti di Blackwood e OcaNera (piazza Vanvitelli). il tutto è anche relativamente economico. così rimane qualche spicciolo per andare a bere un drink nelle adiacenze di via morghen - nel dubbio segnalo il Guyot che fa dei cocktails così particolari e belli da vedere che faranno un figurone anche su instagram!
Roberta Pastore
Livello 24     4 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Dove mangiare : A Napoli si mangia di tutto a seconda della tasca e del gusto, dal pesce alla carne, dalla pizza alle paninoteche, dal rustico al dolce. Le specialità da non perdere sono: la pizza (buona quasi ovunque) ma straordinaria da Sorbillo, i... vedi tutto piatti di pesce al Transatlatico al borgo marinaro o al Faretto a Marechiaro, la carne da Macellegria a Fuorigrotta, ottima la qualità, il servizio e l'accoglienza. E poi a Napoli si mangia praticamente a qualunque ora e ovunque. Notevoli le rosticcerie sparse per la città che propongono crocchè, frittatine di pasta, montanare (pizza fritta o al forno)e le pasticcerie con le imperdibili sfogliatelle e i gustosi babà di ogni tipo, semplici, con crema, nutella, panna, che dire...Buon appetito!
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,031252
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156267
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0