×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0156259
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Groppello di Revò: profumo di un antico vitigno a Revò  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Valutazione Generale
nessun voto
Rank 2# di 2
Numero votazioni 0
Revò, Trentino Alto Adige

Descrizione

Overview

Cosa si produce nella Val di Non? Mele ovviamente, regine incontrastate del Trentino, eppure tra gli sterminati frutteti di questa valle timidamente fa capolino un prezioso vitigno antichissimo che ha resistito ai cambiamenti agricoli: il Groppello di Revò.

Che racchiuda una veritas liberatoria come per il buon vino dei Reti, suo probabile antenato, o che sia stato molto amato dagli antichi romani, il Groppello veniva coltivato già nel '500, e nell'800 divenne uno dei vini più pregiati: la Cantina Sociale di Revò, fondata nel 1893 e terza più antica di tutto il Trentino, ebbe un periodo di grande splendore grazie al suo Groppello, sorseggiato nelle corti d'Oltralpe dell'Impero austro-ungarico, distribuito attraverso l'ufficio commerciale di Vienna.

La coltivazione del Groppello venne progressivamente abbandonata e soppiantata dalla frutticoltura, tuttavia alcuni vitigni difesero la loro roccaforte intorno al lago di Santa Giustina, dove il terreno scosceso ha impedito al melo di attecchire. La cosiddetta “Terza Sponda” compresa tra i paesi di Revò, Cagnò e Romallo è la zona in cui il Groppello di Revò ha continuato la sua storia meritandosi il riconoscimento I.G.T. (indicazione geografica tipica) come vitigno autoctono.

Step 1: Ad Revoum vinum praestans

Come in un ménage a trois storia e tradizione sono intensamente legati alla natura della Valle in cui stiamo per entrare, vogliamo provare se veramente “è eccellente il vino intorno a Revò”, se questa citazione trovata nella letteratura pubblicistica secentesca valga ancora, la nostra attenzione viene attirata dagli antichi borghi arroccati qua e là intorno alla V disegnata dal lago artificiale di Santa Giustina.

Arriviamo a Cles con la vaca nonesa della ferrovia Trento-Malè-Marilleva, il suono delle vecchie motrici che muggivano come una vacca della Val di Non è rimasto nell'immaginario collettivo, scorgiamo l'enorme diga che forma il bacino di Santa Giustina, ci sembra una forzatura della natura ma regala uno specchio al Castel Cles che domina tutta la valle. Sulla sponda opposta del lago, prima di raggiungere Revò, ci fermiamo a Cagnò dove origami di meleti e vigneti celano testimonianze del tardo Neolitico, residenze medievali e ruderi di una fortificazione voluta da Attila. Tra i torrenti Novella e Pescara, il balcone d'Anauni è il luogo che ha distinto il Groppello, sorridiamo scoprendo che il gonfalone di Revò ritrae un grappolo d'uva. Villa Campia-Maffei, Casa Thun e la Chiesa di Santo Stefano sono i principali monumenti del comune.

Perennemente soleggiato Romallo ci invita ad inoltrarci per la storico sentiero degli Ori (nei pressi della strada per Sanzeno), il silenzioso eremo di San Biagio sovrasta i vertiginosi burroni del rio Novella. Dopo una visita a Cloz, anch'esso tra i comuni interessati alla coltivazione del Groppello, non dimentichiamo che ad ottobre nel borgo rinascimentale di Caséz c'è la Festa della Mela o Pomaria, dove oltre alle succose mele si possono assaggiare altri prodotti tipici tra cui il Groppello di Revò (www.pomaria.it).

Step 2: Gli Amici del Groppello

Gli Amici del Groppello sono un gruppo di “irriducibili” vignaioli hanno continuato a credere in questa coltivazione impedendone l'estinzione.  Nel 2006 è nata la Cooperativa Produttori Vino di Montagna nella Val di Non il cui presidente Carlo Clauser spiega che i 42 soci produttori tra Cagnò, Revò e Romallo coltivano i 10 ettari di vigneti con meticolosa cura e passione, per trarne circa 250 quintali di uva groppello che a fine ottobre, dopo la vendemmia, viene confluita nella famosa Cantina Rotaliana (www.cantinarotaliana.it) di Mezzolombardo dove verrà vinificata attraverso un procedimento sperimentale messo a punto dall'enologo Leonardo Pilati.

Ci viene illustrato l'iter che permette al Groppello di Revò di differenziarsi dai Groppelli del Veneto e da quelli lombardi della campagna di Bergamo e Brescia e grazie al quale ha ottenuto l'I.G.T.: l'uva necessita di una sovra maturazione che permette di stemperare l'acidità del vino e che lo renderà più alcolico; la fermentazione (10-15 giorni) avviene in tino di rovere e per un terzo in acciaio, per la maturazione si utilizzano barriques nuove e già utilizzate, in contenitori d'acciaio e legno di rovere di diversa stagionatura per poi essere mescolato e infine affinato in bottiglia per 7-8 mesi.

Tra le cantine a Revò visitiamo la Cantina El Zeremia appartenente alla famiglia Zadra, che vanta una discendenza da viticoltori storici e collabora con l'Istituto Agrario San Michele all'Adige per corsi formativi riguardanti il vitigno e le tecniche di coltivazione (www.elzeremia.it); la Cantina Maso Sperdossi (www.agriturmonteozol.it).

L'Azienda Agricola Pravis (www.pravis.it) situata a Lasino e le numerose cantine che si trovano a Lavis, entrambi in provincia di Trento ma non compresi nella zona del Revò, offrono una vasta gamma di vini trentini oltre al nostro Groppello.

Step 3: La Strada dei Sapori

Grop nel dialetto della Val di Non significa nodo, e i grappoli compatti del vitigno di Revò sembrano tanti groppelli, stretti nodi rubino che fanno venir voglia di staccare i piccoli acini aggrovigliati e portarli in bocca uno dietro l'altro: il sapore non è così dolce ma leggermente acidulo.

Dopo tutto questo girare tra antichi borghi e cantine ricolme di bottiglie non resta che assaggiare il protagonista della memoria enoica della Val di Non; portando alla bocca un generoso bicchiere di Groppello di Revò il nostro olfatto percepisce forti sentori selvatici, il colore granato disegna dei riflessi rubino e si carica di note violacee, il sapore è deciso, asciutto a tratti tannico che fa percepire l'uva matura lasciando un profumo speziato e fruttato.

Il Groppello si sposa perfettamente con i piatti della tradizione culinaria della Val di Non: perfetto con il semplice tortèl de patate, accompagnata da mortandéla affumicata e speck, si beve anche con le salsicce luganeghe, la carne salada, e la pancetta, ottimo con il Casolét della Val di Sole  e il Nostrano del Casel, entrambi formaggi a pasta molle e cruda.

Dopo aver deliziato il palato e aver compiaciuto il gusto chiunque scommetterebbe che quei trentatré trentini che andavano a Trento tutti e trentatré trotterellando avevano le pance piene di queste leccornie e aliti profumati di Groppello.

Info Utili

Livelli di difficoltà: 1 2 3 4 5
Documenti e valuta: la regione a statuto autonomo del Trentino Alto-Adige fa parte dell’Unione Europea per cui la moneta è l’euro.

Durata: 10-15 giorni se si vuole fare un po’ di trekking o altra attività sportiva.

Quando andare: da giugno ad agosto, dalla fine di agosto si possono incontrare giornate di pioggia.

Come arrivare: la statale del Brennero e l’autostrada A22 collega il nord e il sud Italia a Revò, uscire a Trento Nord, prendere il raccordo Trento Nord-Rocchetta verso Mezzolombardo e poi la statale SS43. In treno arrivando a Trento con la linea ferroviaria Monaco-Roma, Valsugana Trento-Venezia o Trento-Malé. Gli aeroporti più vicini a Trento sono quello di Bolzano e di Verona.

Fotografia e video: cogliere la poesia del paesaggio agricolo nelle ore mattutine o del pomeriggio inoltrato, quando i colori si fanno pastello. Per ritrarre la calda atmosfera delle cantine evitiamo di usare il flash e stiamo attenti all’esposizione, se disponiamo di un cavalletto possiamo controllare i lunghi tempi di otturazione necessari per rendere il gioco di ombra e di luce.

Letture, film, volontariato: per documentarsi sulla lunga storia del vitigno Groppello di Revò: una storia di vino e cooperazione. Bàrnabo delle montagne e Il Deserto dei Tartari di Dino Buzzati originario di Belluno che si commuoveva di fronte alle “montagne di vetro” le dolomiti bellunesi. Arthur Schnitzer ambientò la Signorina Else in Trentino. Il comune di Trento mette a disposizione dei giovani diverse opportunità di volontariato, si può consultare il sito www.trentogiovani.it. Molto interessanti sono le iniziative a carattere enogastronomico e culturale, per informazioni www.stradedelvinodeltrentino.it. Ogni anno a Trento si svolge il Trento Film Festival appuntamento per gli appassionati di montagna e di avventura (www.trentofestival.it).

Scarica il Pdf
AttractionDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0625046
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
MapSinglePin-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Groppello di Revò: profumo di un antico vitigno

Scrivi una recensione su Groppello di Revò: profumo di un antico vitigno
AttractionDetailReviewList-GetPartialView = 0,0156262

Conosci Revò? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0

Itinerari ed escursioni vicino a Groppello di Revò: profumo di un antico vitigno

AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0156263

Hotel vicino a Groppello di Revò: profumo di un antico vitigno

HotelListNear_2xN-GetPartialView = 0,0156267
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionFilterListOther-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
ReviewLatestSmall-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Revò

HotelSearch-GetPartialView = 0,0156258

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Revò
GuideList-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0
Gallery_3xN_Small-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156267
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0