×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Il medioevo tra le valli a Anghiari  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Valutazione Generale
  
Rank 3# di 23
Numero votazioni 5
AttractionDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0156257
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
MapSinglePin-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Il medioevo tra le valli

Scrivi una recensione su Il medioevo tra le valli
Livello 10     1 Trofeo   
Voto complessivo
A difesa della Valle Della Libbia sono presenti diverse fortificazioni di antica origine. Questo percorso immerso nella collina toscana, tra caratteristici casali, tocca per primo il Castello Di Galbino, le cui origini si possono far risalire all’incirca all'anno mille. Proseguendo arriviamo al... vedi tutto Castello Di Montauto, risalente al 1170, posto su un’altura di oltre 700 metri, meta preferita di San Francesco durante i suoi spostamenti alla Verna. E’ proprio qui che il santo, commosso dalla bellissima accoglienza, lasciò la sua tunica che rimase custodita nel castello per tre secoli. Lasciato il secondo castello, percorriamo un ampio e lussureggiante sentiero ed arriviamo alla bella villa fortificata de la Barbolana realizzata fra il 1556 e il 1582. In un podere de la Barbolana, nel 1902, fu ferito a morte il brigante “Sagresto” che aveva terrorizzato fino ad allora il Casentino. Il sentiero tocca poi Gello, un delizioso borgo di pochi casali con la sua chiesa dedicata a San Niccolò impreziosita da un magnifico rosone trecentesco. A pochi minuti è possibile visitare Anghiari, bastione inviolabile grazie alle potenti mura duecentesche, e Sansepolcro, borgo di origine romana, famoso per essere città natale di Piero della Francesca. Tempo di percorrenza: 5 ore (incluse tappe per osservazioni storico-naturalistiche) Itinerario: parzialmente segnato CAI Dislivello: 490 m Difficoltà: poco impegnativo Attrezzature: preferibilmente scarpe da trekking, borraccia.
Livello 16     1 Trofeo   
Voto complessivo
La storia dei tre castelli Barbolana, Montauto e Galbino ci rimanda al tardo medioevo quando furono costruiti l'uno vicino all'altro ma come vuole la storia invisibili l'uno dall'altro . Il percorso si snoda in parte lungo la via francigena e... vedi tutto porta ai torrioni di Anghiari fino a Citerna. Tempo di percorrenza circa 6 ore.
Livello 16     1 Trofeo   
Voto complessivo
Livello 15     2 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
Livello 18     2 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo
AttractionDetailReviewList-GetPartialView = 0,0156263

Conosci Anghiari? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Anghiari
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0