×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Piazza Armerina  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Piazza Armerina

Superfice:
304 km2
Altitudine:
697 m
Abitanti:
22077 [2013-12-30]
Introduzione

Provincia di Enna, da cui dista una trentina di chilometri, Piazza Armerina sorge nell’area dei monti Erei, a circa 700 m di altitudine.
 Poco più di 20mila abitanti, il suo territorio è ricco di sorgenti e di una lussureggiante vegetazione di vario tipo a seconda dell’ambiente cui si riferisce. Qui ci sono infatti diverse componenti del paesaggio campestre, zone coltivate, uliveti, mandorleti e vigneti, ma anche aspri dirupi e altopiani, che rendono il luogo particolarmente variegato e incantevole.


Il suo clima è di tipo mediterraneo continentale, fortemente influenzato dalla presenza di rilievi montuosi. In inverno le temperature in genere non scendono sotto i 5-6°C, in estate si aggirano sui 30°C.

La zona di Piazza Armerina era già abitata in tempi lontanissimi, i  reperti archeologici più antichi risalgono all’VIII e VII secolo avanti Cristo. Abitata da Greci, Romani, Bizantini e Arabi. È però a partire dal 1061, durante la dominazione normanna, che il luogo comincia ad acquisire le fattezze di un vero e proprio abitato. Bisogna attendere il 1122 per vedere sui documenti ufficiali il nome latino Platia, Placia o quello greco Platza, e poco più tardi il nome arabo Iblatâsah, di cui parla anche il geografo arabo Al Idrisi decrivendo il posto come un ‘munito fortilizio’ che controllava il territorio.

Il luogo fu distrutto dal re Guglielmo I di Sicilia, per via di alcune ribellioni, ma poi ricostruito nel 1163, in posizione diversa dal vecchio abitato. Dopo i Normanni, come tutta la Sicilia, passò agli Svevi. Sotto Federico II, Piazza, dopo Palermo e Messina è una delle tre più importanti città del regno. L’imperatore la confermò come città demaniale, e nel 1234 la fece sede della Curia Generale di Sicilia, a cui potevano ricorrere i cittadini dell’Isola contro i funzionari dello stato.

Un successo economico e amministrativo, richiamando in loco, come negli anni passati, comunità di coloni Lombardi. Sotto il re Manfredi si dichiarò libero comune ma fu assediata e riportata nei ‘ranghi’ nel 1256. Quindi passa sotto gli Angioini e gli Aragonesi. Nel 1517 Carlo V la fregia del titolo di Città, con appellativo ufficiale di Urbs Opulentissima. In questo periodo Piazza Armerina è capitale di una struttura detta Comarca che riunisce i diversi paesi lombardi di Sicilia, accumunati anche dal dialetto gallo-siculo, particolare idioma importato qui non solo da genti della Lombardia ma anche del Piemonte, soprattutto dal Monferrato. Dal 1689 al 1817 è sede della quarta Università del Regno. Dal 1926 fa parte della provincia di Enna.

Agricoltura
(cereali, frumento, ortaggi, foraggi, uva, olivo, agrumi e altra frutta) e allevamento (suini, bovini, caprini, equini, avicoli), con il turismo storico-naturalistico-archeologico sono le voci più importanti dell’economia di Piazza Armerina. Buone anche le industrie nel comparto di trasformazione alimentare e nella silvicoltura. Tra gli eventi più importanti di Piazza Armerina, c’è il Palio dei Normanni, che si svolge di solito tra il 12 e il 14 agosto, una ricostruzione delle atmosfere medievali all’interno del centro storico, tra dame, cavalieri, milizie del tempo fu. Il tutto in attesa della quintana, durante la quale i quattro quartieri storici della città si affrontano in un'entusiasmante giostra.

Molto seguite le manifestazioni della Settimana Santa con la visita agli altari della reposizione in tutte le chiese, il giovedì santo, ascoltando durante la notte i lamenti che vengono eseguiti per le principali vie cittadine. Suggestiva la Processione del Cristo Crocifisso il venerdì santo, durante la quale le donne vestono di nero. Il 3 Maggio si celebra la festa locale in onore del ritrovamento della sacra immagine di Maria Santissima delle Vittorie, che dopo essere stata in Cattedrale, dove viene portata l’ultima domenica di aprile, è riportata di nuovo all’Eremo di Piazza Vecchia con processione e rievocazione storica. Ogni ultima domenica del mese si tiene la Fiera di Piazza, nell'area ex Siace in contrada Bellia, la più antica fiera zootecnica della Sicilia che qui si svolge dal XII secolo.

Tra le deliziose ricette di Piazza Armerina, preparate con i prodotti della sua terra, da ricordare le melanzane, come il tortino con ricotta di bufala e pesto di pomodoro al basilico, oppure l’insalata di arance con fettine di finocchio, olive nere, sale e pepe. Da provare la frascatula, una polenta di ceci con verdure ripassate in padella tra cui l’immancabile finocchietto selvatico, i corposi cucciddateddi, pasta di farina, strutto e zucchero con un ripieno di fichi secchi, mandorle, uva passa, cannella, cacao amaro e pinoli, le spumette di nocciole, preparate con albumi, nocciole tritate, scorza di limone grattugiata.

Fino al 1862 la città si chiamava semplicemente Piazza, provenendo dal latino medievale Platsa e corrispondente al termine arabo Iblatâsah (intendendo la piazza del mercato). Dal 1863 si è aggiunto ‘Armerina’, dal monte Armerio che la sovrasta. Piazza Armerina è un concentrato di storia e di bei paesaggi che allietano qualsiasi soggiorno qui, con la sua parte più antica in cui è facile tornare indietro nel tempo tra le caratteristiche stradine medievali, con i quattro quartieri che ogni anno si sfidano nel singolare Palio dei Normanni, e i palazzi rinascimentali e barocchi. Attorniata da 20mila ettari di foreste, boschi e riserve naturali, è ideale per una vacanza anche all’insegna della natura.

Prefisso:
0935
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
Piazzesi
Patrono:
Maria santissima delle Vittorie
Giorno Festivo:
03 maggio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

13
Media
3
Ottimo
3
Buona
2
Bassa

Chi c'è stato

Famiglie
1
Tutti
1

Indicatori

Accessibilità
Servizi ai turisti
attività
shopping
Intrattenimento
Sicurezza
Attrattive
Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
convenienza
Trasporti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Piazza Armerina

Conosci Piazza Armerina? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : A nord di piazza Garibaldi si ergono il settecentesco palazzo di Città, con pregevoli balconate in ferro battuto, e la chiesa di San Rocco risalente al XVII secolo, con ricco portale barocco in tufo intagliato e un finestrone. Degno di... vedi tutto nota è il Duomo, edificato nel 1604 sulle tracce di una preesistente chiesa, di cui incorpora delle strutture precedenti solo il campanile con finestre ad arco inflesso nei primi due ordini. L’interno è decorato con suggestivi stucchi dorati; nella cappella a sinistra è conservata una Croce lignea risalente al XV secolo dipinta su entrambe le facce. A destra del Duomo è possibile ammirare la facciata in stile barocco di palazzo Trigonia del XVIII secolo. Nei dintorni si trova la villa romana del Casale con magnifici mosaici policromi del IV secolo d.C., che costituiscono una delle più importanti testimonianze dell’arte romana dell’età imperiale. Interessante è la chiesa di Sant’Andrea, risalente al XI secolo.
Giada P.
Voto complessivo 6
Guida generale : Tornata da un paio di giorni.Splendida la Villa romana del casale e i suoi mosaici, purtroppo non posso dire lo stesso del paese che pur essendo abbastanza tranquillo e caratteristico è piuttosto sonnolento e pressocchè privo di altre attrattive. I... vedi tutto prezzi sono alti, considerando che ci troviamo in un piccolo paese dell' entroterra siciliano e non a Firenze (con rispetto parlando), il cibo non è eccellente come si crede. Dopo aver visitato la Villa consiglierei di spostarsi subito nella vicina Enna o Caltagirone, sicuramente più vivaci, artisticamente più complete e decisamente.... meno care.
Da non perdere Villa del Casale
roberto
Voto complessivo 10
Guida generale : piazza armerina è una bellissima cittadina con lunghi viali ricca di bar negozi di ogni genere, chiese stupende, ricca di arte ,con un sito geografico nell'interno della sicilia nel cuore dei monti erei. Temperatura gradevole in estate e fredda di... vedi tutto inverno con frequenti nevicate. È una citta' dove non ci manca proprio nulla. Arte storia cucina tradizioni, palio, cultura, di tutto e di piu'. Venite a visitarci, troverete gente disponibile e gentile.
Enzo
Voto complessivo 8
Guida generale : Ho visitato la Villa Romana del Casale: un autentico capolavoro! Sono napoletano ed "abituato" ai mosaici di Pompei ed Ercolano ma devo dire che quelli della villa di Piazza Armerina mi hanno lasciato a bocca aperta. Assolutamente da vedere. Carino... vedi tutto anche il resto della cittadina. Vorrei segnalare anche la struttura ricettiva presso cui ho soggiornato, poichè i gestori sono stati molto attenti e carini. Ho dormito presso il b&b Il Triclinio. Lo consiglio.
giovanna
Voto complessivo 4
Guida generale : Un tuffo nella storia medioevale si può fare nel centro storico di Piazza Armerina è la meta giusta. L'antico quartiere Monte conserva molti degli antichi palazzi nobiliari, solo in parte recuperati. Piccole stradine da percorrere a piedi. Ottima la cucina tradizionale... vedi tutto con i sapori, odori e colori mediterranei. Da non perdere la Villa Romana del Casale ed il sito archeologico di Morgantina nella vicina Aidone. Circondata dai boschi mantiene un clima piacevole e secco, mai soffocante.
Da non perdere Villa del Casale , La città dei mosaici , centro storico Piazza Armerina Enna Sicilia
Gabriella Russo
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 6
Guida generale : Una città da visitare per il suo centro storico ricco di palazzi in stile barocco siciliano. A Ferragosto si tiene l'annuale "Palio dei Normanni", una rivisitazione di epoca medioevale in cui i vari quartieri della città si affrontano in un'entusiasmante... vedi tutto giostra in costume. Da non perdere assolutamente la "Villa del Casale", scoperta archeologica di un'antica villa romana con i suoi stupendi mosaici.
Da non perdere Villa del Casale
Voto complessivo 6
Guida generale : questa è una cittadina non molto grande,pero è abbastanza vivibile, da più punti di vista: si mangia bene,c'è molto verde,ci sono delle belle piazze x passeggiare,ci sono moltissimi monumenti da visitare,senza contare, che ci sono i mosaici (villa romana del... vedi tutto casale) e nelle vicinanze abbiamo anche la Venere di Morgantina. Comunque è una cittadina che vale la pena visitare.
Voto complessivo 6
Guida generale : Cittadina graziosa, da visitare il suo centro storico e la cattedrale. Dal 12 al 14 agosto si tiene il Palio dei Normanni, con costumi medievali, musica giochi e intrattenimento in attesa della giostra della Quintana tra le quattro contrade. Ma... vedi tutto il punto forte è la Villa Romana del Casale con i suoi splendidi mosaici, da visitare.
Da non perdere Palio dei Normanni , Villa del Casale
rosa maria bonanno
Livello 17     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 5
Guida generale : È una cittadina molto graziosa, ha una parte alta dove si trova il duomo che domina la piazza, attorno vi sono tante viuzze con fantastiche pasticcerie. Ma Piazza Armerina è famosa in tutto il mondo per i mosaici nella villa del... vedi tutto Casale, villa romana antica che conserva bene i suoi stupendi mosaici; è visitata da milioni di turisti.
Stella Aleo
Livello 16     1 Trofeo   
Voto complessivo 4
Guida generale : E' una cittadina ricca di arte cultura e bellezze naturali. Si trova nel centro della SICILIA. Punto strategico per poter visitare in giornata alcuni centri della parte costiera dell'isola. Piazza Armerina vanta un grosso sito archeologico "I MOSAICI DI VILLA... vedi tutto ROMANA" visitato giornalmente da moltissimi turisti. Ci sono molte scuole e delle bellisime chiese. E' anche la sede del Vescovo.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0

Altre Risorse

IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0156271
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Piazza Armerina

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Mete per la famiglia
Enogastronomia
Verde e natura
Studenti
Mete romantiche
Montagna
Sole e Mare
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0