×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020021
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0

Massa Carrara: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
DestionationGallery-GetPartialView = 0,006006
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0030026

Massa Carrara si trova nell’omonima provincia di Carrara, in Toscana. In passato sede vescovile e capoluogo dell’omonima provincia della regione. Si trova a ridosso di un piccolo colle, sul quale si erge la rocca malaspiniana, e sul quale si stringe un piccolo nucleo medievale che nasce intorno alla piazza degli Aranci. La provincia di Massa è quella più settentrionale e confina ad ovest con la Liguria, a nord con l’Emilia-Romagna, a sud con la provincia di Lucca e a sud-ovest è bagnata dal mar Ligure. Si tratta di una delle zona più famose della costa tirrenica toscana, molto frequentata da vip e personaggi famosi.

In origine c’era un piccolo borgo noto con il nome di Bagnara, così chiamato grazie alla presenza di numerose fonti d'acqua presenti nel territorio. Il piccolo borgo di Bagnara si sviluppava attorno alla grande Pieve di San Pietro, che si trovava nella valle del Frigido, il cui nome deriva dalla fredda temperatura delle sue acque. Massa oggi è una città situata vicino allo sbocco della valle del Frigido, situata lungo le pendici occidentali delle Alpi Apuane, lungo i quali sono presenti diversi sentieri di montagna che si possono percorrere. Ancora oggi la città è sovrastata da un piccolo colle da cui si erge il bellissimo Castello dei Malaspina, ancora oggi visitabile.

Massa fu capitale dello stato dei Malaspina, poi dei Cybo Malaspina, dal 1442 al 1741; col matrimonio di Maria Teresa Cybo con Ercole d’Asti il territorio passò al ducato di Modena. La zona è circondata da colline di ulivi e sullo sfondo non mancano le panie, cioè le montagne Apuane famose per l’estrazione del marmo pregiato. Il 70% del marmo importato viene ricavato nella valle del Carrione, il fiume che scende a Carrara.

La città è più nota come la città del marmo, di tante e pregevoli qualità: statuario, bardiglio, paonazzo, fior di pesco, cipollino, aprano, breccia violetta e mediceo che veniva fatto scendere a Marina di Massa su legni insaponati prima, sulla ferrovia, successivamente con gli autocarri. Ancora oggi i marmi vengono portati agli studi, dove macchine e tecnici specializzati lo lavorano. L’industria del marmo a Carrara ha origine millenaria: la città è infatti menzionata a proposito oltre mille anni fa, cioè all’incirca nel 963 d.C. La città ha fatto parte per tre secoli, dal 1441 al 1741, dello stato dei Malaspina, poi Cybo Malaspina.

La Toscana è famosa anche come regione del buon cibo ed in questa zona si possono assaggiare numerosi piatti tipici: la torta di riso, preparata durante il periodo pasquale, condita con verdure di stagione; i tordelli massesi, piatto natalizio; focaccine coi testi, il pattone, un dolce preparato con la pasta frolla; il castagnaccio, una torta a base di farina di castagne che viene miscelato con pinoli, noci, uva passa, scorza d'arancio e rosmarino, spesso servita con ricotta di pecora massese. Poi neccio, frittelle composte da un impasto di farina di castagne, acqua e sale; il ciorchiello, ciambellone preparato con pasta di pane, uova, burro, pinoli, uva sultanina e semi di anice; erbi, una zuppa a base di erbette aromatiche nel giusto dosaggio; il pecorino massese, prodotto dalla pecora di razza massese e condito con diversi aromi di erbe; le panzanelle, il baccalà alla massese, la polenta encajata, i nervetti ripieni, la pancetta apuana e le buonissime cipolle farcite. Tra i vini ed i liquori non si può rifiutare del vino Candia dei Colli Apuani DOC ed un bicchiere di Biroldo, digestivo diffuso in tutte le Apuane.

Particolare è lo stemma della città: sfondo rosso, mazza d'armi d'argento che viene coperta da due bande d'oro poste in diagonale. In alto è sovrastato dalla corona marchionale ed è parzialmente circondato da due fronde di alloro e quercia, fruttate d'oro, legate tra di loro da una fascia tricolore. Secondo un antico trattato, l’arma originale era una semplice mazza in legno, dettaglio collegato al famoso mito di Ercole, che viene rappresentato anche nell’edicola dei Fantiscritti a Carrara dove vengono rappresentati anche Giove e Bacco considerati protettori della zona.

Fuso Orario:
UTC+0
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0070068
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010013

Recensioni Massa Carrara

Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Palazzo Ducale Il nucleo originario e' dei primi del '500 ed era la villa dei Malaspina. La parte piu'importante dell'edificio venne realizzata da Carlo I ed e' costituita dal Salone degli Svizzeri e... vedi tutto dalla Cappella Ducale, della cui originaria ricchezza restano intatti solamente i soffitti affrescati da Carlo Pellegrini. Teresa Pamphilj, moglie di Carlo II, ne termino' la costruzione durante il primo '700 e affido' la sistemazione della facciata ad Alessandro Bergamini. All'interno del Palazzo,lo stesso Bergamini, realizzo' l'Alcova del Duca Carlo II, in cui pote' esaltare in pieno il suo estro. Molto imponenti anche le sale affrescate da Stefano Lemmi, autore anche dei fregi e degli affreschi che decorano il Grottesco. Castello Malaspina Storia Nella parte alta del castello Malaspina possiamo collocare la parte piu' antica. Circondato da una fortificazione era una base di controllo per la sottostante via Pedemontana ,via che aveva sostituito la via Romana Aemilia Scauri. Durante quel periodo il dominio sulla rocca di Massa era tenuto dagli Obertenghi e prosegui' fino al XIII secolo. Inizialmente il castello , doveva essere solo in un'alta torre recintata, chiamata il mastio; con la funzione di vigilare sulla pianura e sulla costa e probabilmente era collegato con altre torri nei monti circostanti, formando così, fino alla torre di Montignoso, una catena di avvistamento. La torre, fu l'unica struttura abitata per alcuni secoli e rimase in piedi anche quando il castello si ampliò notevolmente. E' scritto che nel 1538 il mastio subi' forti danni causati da un fulmine che aveva colpito la stanza delle munizioni e che causo' una violente esclusione.La fase successiva alla torre si può riconoscere nella cortina merlata con le tre torri ed il ponte levatoio.Successivamente agli obertengh nel 1268 ci fu la devastazione ad opera di Corradino di Svevia e forse Castruccio castrani ne prosegui' la ricostruzione Al posto del palazzo Malaspina erano erano costruite solo poche abitazioni ,solitamente in legno, che erano adibite a magazzino o come case sottostanti il castello. Una terza fase è contraddistinta dall'ampliamento in epoca rinascimentale della rocca, ad opera di Giacomo Malaspina e dai suoi discendenti. Nel 1434 durante la dominazione Fiorentina , furono iniziati i primi lavori sulla rocca, incentivando la costruzione della Vicaria a costruirsi una casa.Fu successivamente fortificata la cinta muraria del poggio a scopo difensivo. Nel corso degli anni furono aggiunte ulteriori e più vaste fortificazioni. La costruzione del castello raggiunse la forma di L nel xv secolo;durante il xvi secolo la struttura fu ampliata e venne aggiunta la parte che si affaccia sul cortile e le loggette verso il borgo della Rocca. Nel 1465 alcuni scritti parlano di una "sala maiori" nel Castello, che probabiomente poteva essere il salone vicino alle tre salette al piano terra. Nel 1494 Carlo VIII alloggio' nel castello di massa durante la scesa in Italia. Nel 1515 è stipulato un contratto " nella sala "de la Spina" vicino alla Cappella detta della Rocca. Dal XV secolo in poi le strutture fortificate non sentirono più l'esigenza di un apparato difensivo e con l'avvento delle armi da fuoco, si crearono delle strutture che rendevano possibile colpire da punti focali il nemico. Nel 1548 furono restaurate le mura in cui mancavano ancora il blocco difensivo sul lato mare e le cannoniere,nel 1570 venne invece cotruito il puntone. Il bastione era stato costruito intorno ad una torre, chiamata la "torre di Pinello", della quale si si scorge ,ai giorni nostri,solo il perimetro circolare del basamento e che crollo nel 1780. Questa breve frase ci dimostra come tutta la fortezza fosse stata attrezzata per contrastare la nuova minaccia e il pericolo delle armi da guerra. "Perchè sempre si opponga alla satanica invenzione delle armi da fuoco Alberico Cybo Malaspina principe del Sacro Romano Impero e di Massa costruì questa bastionatura gigantesca, nell'anno del Signore 1570". Nel 1603 Alberico I Cybo Malaspina fece lavori nel Castello nel lato sud-ovest e aggiunse il bastione che ha nella parte superiore un tratto di muratura ad arcate adibita a cannoniera, il "Cavaliere". Nel XVII secolo, infine, si ha un ulteriore ampliamento delle strutture difensive, costituito sostanzialmente dal blocco consistente nelle cannoniere visibili sopra l'ingresso principale del castello.
Alicia
Livello 100     6 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Massa e Carrara sono due città appartenti alla stessa provincia. A Massa è possibile visitare il Castello Malaspina, Piazza Aranci (recentemente ristrutturata e interamente area pedonale) Piazza Mercurio (recentemente ristrutturata) il Palazzo Ducale, il rifugio antiareo, le mura e le... vedi tutto porte della città. nel centro storico, numerosi negozi, locali e vinerie. nelle piazze massesi bellissimi gli scorci dove si possono ammirare le opere scultoree di famosi artisti locali che hanno fama in tutto il mondo come Gigi Guadagnucci e Vito Tongiani, solo per nominarne alcuni. è sita ai piedi delle Alpi Apuane interessante è per gli amanti della natura e delle passeggiate in montagna adatte per principianti o esperti, di particolare interesse l' orto botanico di Pian della fioba. le acque che sgorgano dalle Apuane sono oligominerali e benefiche, a San Carlo vi è la sede delle Terme dedicate proprio alle caratteristiche di queste acque. a soli 5 chilometri le spiagge, abbracciate dalla splendida cornice delle Alpi. Carrara è invece la città nota come centro mondiale per la produzione ed estrazione del marmo. interessante la visita del centro storico sempre ricco di eventi legati all' arte e alla scultura, Colonnata il paese dove si produce il famoso Lardo, prodotto alimentare tipico del luogo. numerose attività legate alla visita delle Cave . in agosto si svolge la rievocazione storica della Lizzatura del marmo in località Fantiscritti. entrambe le città che distano meno di 10 chilometri l' una dall' altra godono di un clima mite e quindi sono adatte ad essere visitate in tutti i periodi dell' anno.
Voto complessivo 9
Guida generale : Mia patria, mia fonte d'ispirazione, nei tuoi borghi vi è la culla del mio scrivere: a Volpigliano mi innamorai della Tambura e dei tuoi colli; la Partaccia, d'inverno mi inebriò di iodio e nostalgia. Lontano da te rimpiango ogni istante:... vedi tutto gli aromi degli oliveti che ricoprono il Monte di Pasta, il colore terso del cielo di marzo ed il sole limpido che baciava la piazza Garibaldi,e quasi sento ancora lo sciabordare del mare sotto il pontile.Imparai a vivere senza di te, ma nel mio cuore io saro sempre profondamente Massese.
ADV
Voto complessivo 8
Guida generale : Ambiente unioco tra le Alpi Apuane e il Mare. In pochi minuti di auto da una vetta anche oltre i mille metri arrivi al mare. Panorama mozzafiato: dalla spiaggia si vede la meravigliosa catena delle Alpi Apuane col suo marmo Mare... vedi tutto e montagna distano 5/6 km Acque termali e fonti di acque da bere uniche nel loro genere Cure elioterapiche invernali. Visitare anche in inverno o primavera Da Non perdere alcune manifestazioni come i fuochi al castello Malaspina o lo Spinofiorito (biennale) Da vedere i borghi storici e la MAssa Picta Da vede il Castello Malaspina le Colline del Candia i pasesi a Monte Le Cave l'orto botanico
Da non perdere Cave di Carrara , Mare
ELISABETTA BADIALI
Livello 18     3 Trofeo    Viaggia: Da solo
Voto complessivo 8
Guida generale : Massa e dintorni, assolutamente da visitare, il periodo migliore la primavera e l'estate. Per chi ama la montagna, le nostre Alpi Apuane sono tutte da scoprire, attraverso percorsi CAI e tanti rifugi dove rifocillarsi. Per chi ama il mare, la... vedi tutto costa è un sogno, in primavera il lungomare riprende vita, le persone godono passeggiando al primo sole e ammirando da una parte il mare scintillante e dall'altra le vette dei monti ancora ricoperte di neve. Per chi cerca la pace è il momento migliore, ancora si riesce a ritagliarsi il proprio spazio e il proprio silenzio, magari di fronte ad un rosso tramonto. L'estate le spiagge parlano, cantano e giocano e c'è gioia, divertimento e tanto sole. Da non perdere la visita alle Cave di Carrara. Da non perdere il centro storico di Massa, con le sue piazze, le sue Chiese e il suo Castello Malaspina arroccato in collina da dove si gode una splendida vista su tutta la città. Spero di avervi incuriosito e che in tanti veniate a trovarci, io sono innamorata della mia città con i suoi tanti pregi e con qualche difettuccio.
Ilaria Mosti
Livello 34     3 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Guida generale : Massa-Carrara è una città toscana decisamente sottovalutata. In pochi chilometri è possibile passare dal mare alla montagna, attraversando centri storici, colline coltivate a vite e ulivo. La Lunigiana è costellata di borghi e castelli medievali, di tradizioni culturali e culinarie.... vedi tutto Il centro storico della città è ricco di locali dove gustare un aperitivo con vino locale (il Candia DOC) o approfittare di una buona colazione servita dalle molte pasticcerie artigianali.
manuela
Voto complessivo 6
Guida generale : Stabilimenti balneari mezzi vuoti sempre più "allungati" verso la battigia a discapito della spiaggia libera, piena come un uovo. I controlli ci sono abbastanza, ma poco prima dell'arrivo dei "controllori", vedi che gli stabilimenti balneari si "accorciano", la parte di... vedi tutto spiaggia libera aumenta, e, FINALMENTE ottieni lo scontrino per ogni acquisto. Purtroppo poco dopo è tutto come prima...
Franco Tortorella
Livello 27     4 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Palazzo Ducale e Castello Malaspina a Massa (informarsi prima sugli orari d'apertura). Centro storico, Duomo, cave e Museo del Marmo a Carrara + Museo del Marmo all'aperto di Fantiscritti, Borgo di Colonnata (dove si produce il lardo). Museo delle "Statue stele" a... vedi tutto Pontremoli. Museo etnografico a Villafranca. Pieve di San Caprasio ad Aulla, pievi di Sorano e di Codiponte. Grotte a Ecqui Terme.
Da non perdere Il Castello Malaspina , Cave di Carrara , Museo "Statue stele" - Pontremoli
Ilaria Mosti
Livello 34     3 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 8
Guida generale : Il Bed & Breakfast "Il Cuore", nel bel mezzo del centro storico di Massa.. ottime recensioni, ottima gestione, camere personalizzate e un'accoglienza impareggiabile. Da non perdere: le Cave di Marmo di Carrara, il mare (anche d'inverno) di Marina di Massa, il... vedi tutto panorama dalle Alpi Apuane (ad esempio da San Carlo Po), il Mercatino di Natale in Piazza Aranci (completamente ristrutturata di recente), il Grottesco di Palazzo Ducale...
Da non perdere Marina di Massa , I Castelli della Lunigiana
Cinzia iacopini
Livello 1     0 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 10
Guida generale : Massa è affascinante, un borgo antico, ricco di storia, con una vetrina sul mare, ma misteriosa come una donna d'altri tempi. Per i turisti mordi e fuggi il litorale può bastare, ma il centro storico e le stradine che si... vedi tutto inerpicano a Volpigliano o alle Grazie sono per pochi privilegiati. Una vita fa io Le appartenevo, ed è sempre al sicuro nei meandri malinconici del cuore.
Da non perdere Il Castello Malaspina , Piazza Mercurio
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0220209
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0770737
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Massa Carrara

HotelSearch-GetPartialView = 0,0120115
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0020021
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0210201
JoinUs-GetPartialView = 0,0010008
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0173897
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
Footer-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008