×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020013
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Glorenza: guida turistica e cosa vedere  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
DestionationGallery-GetPartialView = 0,006006
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0040038
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

Info su Glorenza

Superfice:
13 km2
Altitudine:
907 m
Abitanti:
880 [2010-12-31]
Introduzione

Con i suoi 13,2 chilometri quadrati di superficie e poco meno di 1.000 abitanti (il 96% dei quali di lingua tedesca), Glorenza è la città più piccola del Trentino-Alto Adige, nonché dell’intera penisola.

Un vero gioiellino incastonato a quota 907 metri sul livello del mare, circondato dal verde dei campi e delle montagne. Situata lungo la strada verso il Passo del Forno, nell'Alta Val Venosta, a pochi chilometri dal confine con la Svizzera dalla quale è divisa dalla Val Monastero, Glorenza è attraversata dal fiume Adige e sovrastata dal colle di Tarces.

Natura e clima

Apprezzata anche per l’incontaminata natura circostante, Glorenza merita d’essere visitata in ogni periodo dell’anno: il clima, nonostante la quota, è piuttosto caldo e temperato, anche se caratterizzato da una significativa piovosità. Con una temperatura media di circa 17 °C, luglio è il mese più caldo dell’anno, mentre gennaio, con -1,9 °C è il più freddo. Se febbraio è considerabile, con 38mm, il mese più secco, il più piovoso è  invece agosto, durante il quale si registra una madia di 105 mm.

Gli stretti e pittoreschi vicoli, le piazzette e i porticati di Glorenza sono ancora oggi protetti, in perfetto gusto medievale, dalle mura di cinta, completamente conservate insieme alle tre imponenti torri di guardia.

Storia

L’animo della città, così come il periodo di fondazione, è infatti quello tardo - medievale: prima villaggio appartenente alla provincia romana della Rezia, venne elevata a città nel 1309 e successivamente rasa al suolo nel 1499 a seguito della battaglia della Calva, avvenuta nel corso della guerra sveva combattuta tra l'imperatore Massimiliano I e la Confederazione dei tredici Cantoni.

Fu a questo punto che lo stesso Imperatore Massimiliano, con l’intenzione di rendere Glorenza un’importante punto di difesa dei possedimenti asburgici, decise di ricostruirla e fortificarla per mezzo delle mura di cinta. Nonostante la perdita da parte degli Asburgo dei territori svizzeri, Glorenza conservò nel corso dei secoli successivi un importante ruolo anche a livello commerciale.

La città fortificata si dimostrò infatti fin da subito particolarmente attiva negli scambi commerciali con la Lombardia e con la Germania meridionale, conquistandosi nel tempo una parte importante nel commercio del salgemma, estratto nel comune austriaco di Hall, nel Tirolo settentrionale, e destinato alle richieste svizzere.

Per volere di Alberto III di Tirolo, Glorenza divenne inoltre sede nel 1500 di un importante tribunale civile precedentemente situato a Malles Venosta. Tra i processi che qui si svolsero, particolarmente curioso quello 1519, istruito a seguito di una denuncia sporta dagli abitanti di Stelvio contro il giudice Wilhelm Hasslinger, accusato di non aver risolto in modo definitivo il problema relativo alla presenza dei ratti nella zona. Con un verdetto giunto fino a noi, il giudice ordinò quindi la costruzione di un ponte lungo il fiume Adige per consentire la migrazione dei topi. Il tribunale permise a Glorenza di rimanere sede giudiziaria competente per tutta l’Alta Val Venosta fini all’annessione dell’Alto Adige all’Italia nel 1919.

Glorenza rimase un punto militarmente strategico anche durante il primo conflitto mondiale: tra il proprio abitato e quello del vicino Malles venne infatti edificato uno avamposto  difensivo - lo sbarramento Malless-Glorenza - voluto per impedire, mediante anche un fossato anticarro, l’invasione nemica dal passo Resia e dalla val Monastero. Risalenti invece all’epoca fascista, le scritte inneggianti al Partito e firmate dallo stesso Mussolini furono solo parzialmente cancellate nel 1945 e rimango tutt’ora in parte leggibili sulle porte murarie della città.

Appartenente al circuito dei “Borghi più belli d’Italia”, Glorenza ha conosciuto dalla fine del XX secolo una costante e progressiva crescita d’importanza a livello turistico, ed è annualmente visitata da centinaia di turisti desiderosi di scoprirne le bellezze architettoniche, culturali e naturalistiche.

Prefisso:
0473
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
glorenzini/Glurnser
Patrono:
San Pancrazio martire
Giorno Festivo:
12 maggio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0080077

Valutazione generale

4
Ottimo
2
Buona
2
Media
1
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
2

Indicatori

Sicurezza
Trasporti
Alloggio
shopping
Intrattenimento
convenienza
Accoglienza
Accessibilità
Servizi ai turisti
attività
Attrattive
mangiare e bere
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0120115
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0070068

Recensioni Glorenza

Conosci Glorenza? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Elisa Gelli
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Piccolo paese medioevale tra i monti altoatesini, immersi nella pace e nel verde della Val Venosta per un soggiorno rilassante e rigenerante, al contatto con la natura. Ad un passo dal confine e vicina a molti sentieri percorribili a piedi... vedi tutto o in bicicletta, infatti si trova la pista ciclabile che percorre gran parte dell'Alto Adige, partendo da Merano ed arrivando fino al bellissimo Lago di Resia. Posti incantati da visitare, soprattutto in estate!
beatrice pavesi
Livello 11     1 Trofeo   
Voto complessivo 1
Guida generale : la visita a Casel Coira nelle vicinanze, visita del convento di S:Maria dove c'è una cripta interessantissima con affreschi dell'anno 1000, passeggiata a Malga Resia da dove si vede tutta la valle.passeggiata col trenino locale fino a merano. passeggiata a... vedi tutto Mustair (svizzera) che si raggiunge in circa 3/4 d'ora di auto dove c'è una magnifica chiesa con affreschi romanici molto ben conservati.
giuseppe ferraresi
Voto complessivo 10
Guida generale : Una città da vedere, ammirare e gustare, con gli abitanti disponibili e con tutte gli immobili ripristinati e con fiori su ogni davanzale in ogni giorni dell'anno; le mura che cingono Glorenza sono da camminare e riguardare con estrema attenzione... vedi tutto ammirando come sono state recuperate. Non ultimo il ponte in legno sul fiume Adige un gioiello di arte tirolese.
tino
Voto complessivo 8
Guida generale : Bel paesino situato in una posizione tranquilla vicino alle montagne piu belle del mondo con delle passeggiate rilassanti ed il cibo particolare di una tradizione altoatesina con le loro specialita culinarie da assaporare sia d'inverno che d'estate dopo la passeggiata.
Da non perdere passeggiate in montagna
vittorino zatti
Livello 41     4 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Nel contesto, ottimo e a portata di tutti compreso lo shopping e i dintorni che sono accessibili e visitabili, il pernottamento, prenotando è fattibile consiglio una visita alla città di Glorenza, con le sue mura tutta raccolta su di essa... vedi tutto e nel periodo invernale è senza ombra di dubbio meravigliosa.
Da non perdere il paesino con le sue mura antiche , passeggiate in montagna
greta mantellini
Livello 11     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 6
Guida generale : Un paese molto carino, rinchiuso dentro le mura medievali (ricorda i film di Robin Hood), a Natale c'è un piccolo mercatino molto caratteristico e sembra di essere in un presepe, anche il panorama delle montagne tutto intorno è molto bello.
Voto complessivo 6
Guida generale : paesetto che tutto sommato val la pena soggiornavi, anche se quando feci la naja non era proprio cosi nei confronto degli italiani
Carla
Voto complessivo 4
Guida generale : Siamo andati in vacanza in val Venosta per 5 ani. Ogni anno un giorno era dedicato a Glorenza gioielli della val Venosta
Da non perdere Visitare il paese , Fare acquisti , Visita guidata del osse
Gallina Pietro
Voto complessivo 3
Guida generale : Borgo medievale da visitare.... vedi tutto
Da non perdere Architettura , Portici , Ponte di legno
Veronica Bigardi
Livello 1     0 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 10
Guida generale : Piccolo borgo medievale circondato da una Valle meravigliosa. Tante escursioni possibili, per una vacanza attiva o per tutta la famiglia.
Da non perdere convento s. Maria
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0380367
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0740708
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,009009
AdvValica-GetPartialView = 0
HotelSearch-GetPartialView = 0,0150141
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

Tipi di vacanza

Enogastronomia
Montagna
Verde e natura
Arte e cultura
Mete per la famiglia
Sport
Mete romantiche
Cicloturismo
DestinationListExperience-GetPartialView = 0,0050042
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0190188
JoinUs-GetPartialView = 0,0010008
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0170163
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020021
AdvValica-GetPartialView = 0